Questo fine settimana, i media internazionali hanno riferito che i ricercatori a Cipro avevano identificato circa due dozzine di persone infette da Covid, con una combinazione di una variante delta precedentemente dominante e una variante di omcron altamente contagiosa che si dice ci sia dietro. Il ricercatore Leontios Kostrikis e il suo team hanno finora trovato 25 casi di questa nuova variante che deve avere lo stesso background genetico del delta, ma con un totale di dieci mutazioni di omikron.

In un’intervista con Sigma TV, Leontios Kostrikis afferma che il futuro mostrerà se questa nuova variante è più contagiosa delle varianti precedenti. Tuttavia, personalmente crede che Omicron la supererà in astuzia.

Ma questa scoperta è stata accolta con un certo scetticismo. Il professor Gekas Majorkinis, membro del consiglio scientifico greco, non crede che sia stata trovata una nuova variante.

– la prima analisi indipendente per dimostrare che si tratta di un errore tecnico in laboratorio nel processo di lettura del genoma, Secondo il quotidiano Cyprus Post.

Anders Sönnerborg, professore di virologia clinica al Karolinska Institutet, pensa che qualcosa sia andato storto con il trattamento.

– Quando ho osservato la sequenza del virus da questi oltre 20 casi, è probabile che sia apparso sia nelle provette che nelle provette. C’erano dei vecchi delta nella stanza e da allora il paziente potrebbe aver avuto omicron. O viceversa, come dice lui A Dagens Nyheter.

Magnus Jeslin, professore all’Università di Göteborg e primario in malattie infettive al Sahlgrenska Hospital, sottolinea che molto rimane poco chiaro sulla corona del delta. L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) non ha ancora stabilito se si tratti di un tipo di virus di particolare interesse. Magnus Gisslén pensa che sia importante tenere traccia dell’evoluzione, ma non pensa che ci sia motivo di essere eccessivamente preoccupato al momento.

READ  L'esercizio e un supporto migliore riducono i sintomi dell'ADHD

È difficile credere che si tratti di una specie di supervirus. “Penso che ci sia una possibilità molto piccola che si diffonda molto facilmente e competa con i micron e allo stesso tempo abbia un alto rischio di sviluppare malattie gravi”, dice. a SVT.