TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Svezia e Islanda si allenano insieme per la difesa informatica globale

Svezia e Islanda si allenano insieme per la difesa informatica globale

Patrick Faltström, comandante dell'addestramento delle forze armate svedesi
Patrick Faltström, comandante dell'addestramento delle forze armate svedesi



Patrick Faltström, comandante dell'esercitazione delle forze armate svedesi, con alcuni partecipanti all'esercitazione.


Foto: Ola Berglind/Forze armate svedesi


Visita



Il colonnello Thomas Hoglund ha ricevuto in visita l'ambasciatore islandese Bryndis Kjartansdóttir durante l'esercitazione.


Foto: Ola Berglind/Forze armate svedesi



La partecipazione a Locked Shields contribuisce alla preparazione e allo sviluppo della cooperazione nel campo della difesa informatica con autorità, organizzazioni e aziende nazionali, nonché con la NATO e i suoi Stati membri, afferma Thomas Hoglund, capo del dipartimento informatico dello stato maggiore della difesa.

La partecipazione svedese proveniva principalmente dalle forze armate e dalle organizzazioni selezionate dal Centro nazionale per la sicurezza informatica (Swish, Finansiell ID-teknik, Nasdaq e Bankgirot). Inoltre, al workshop hanno partecipato persone che lavorano nel campo della cybersecurity nel settore civile di enti privati ​​e aziende. La partecipazione islandese prevedeva, tra gli altri, la partecipazione del team CERT-IS, della polizia, del Ministero degli Affari Esteri e del settore finanziario islandese.

La partecipazione svedese-islandese è stata effettuata dal Reggimento Comando, che ha lavorato attivamente per creare le condizioni ideali durante tutta l'esercitazione. La Svezia disponeva anche di personale addetto alla gestione dell'esercitazione CDCCoE a Tallinn che ha organizzato e coordinato l'esercitazione.

A proposito di esercizio

Durante l'esercizio, i partecipanti in un ambiente simulato devono proteggere individualmente e collettivamente l'infrastruttura di un paese fittizio. Affrontano una serie di sfide che imitano le complessità della vera difesa informatica, tra cui pensiero critico, processo decisionale strategico, considerazioni legali, comunicazione di crisi e pianificazione strategica, il tutto con l'obiettivo di migliorare le capacità di difesa informatica dei tirocinanti.

La forza dell’esercitazione risiede nel suo approccio globale che combina competenze tecniche, competenze strategiche, legali e di comunicazione per sviluppare una strategia di difesa informatica multiforme. I partecipanti sono incoraggiati a sfruttare le proprie competenze collettive e a promuovere un ambiente in cui la collaborazione è fondamentale per superare complesse sfide informatiche. Pertanto, Locked Shields come piattaforma consente ai paesi di scambiare approcci, innovare strategie e lavorare insieme per migliorare la loro capacità di gestire gli incidenti informatici.

– È sempre interessante assistere a un’esercitazione di sicurezza informatica così ampia e completa, soprattutto quando esperti civili collaborano con il personale militare. “Siamo affascinati nel vedere come una squadra riunita temporaneamente possa esibirsi a questo livello”, afferma Thomas Hoglund.

READ  Ottenere risorse economiche per il bene della famiglia