TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Normale: la pubblicità controversa di Tiktok non dovrebbe essere legale

Incita i bambini a bruciare soldi

Ha ricevuto una catena di negozi

Negozi con insegne turchesi e un vecchio scontroso come mascotte si sono diffusi in tutte le città svedesi. La catena di sconti Normal vende di tutto, dalla cura della pelle allo shampoo, al trucco e ai dolci.

Molti clienti sono bambini e adolescenti. Quindi ha senso anche che Normal si commercializzi sui social media, in particolare su Tiktok dove ha 184.000 follower.

Ha creato un culto regolare

L'azienda ha quasi creato un culto attorno a sé, con gli adolescenti che mostrano ciò che hanno acquistato nel negozio e recensiscono gli ultimi prodotti. La ridondanza consiste nel richiamare la “corsa” alla modalità normale prima che la merce finisca.

Può sembrare innocente, ma l'annuncio potrebbe in realtà essere illegale.

READ  Impossibile acquistare i biglietti del treno per Natale

Regole severe Per quanto riguarda la pubblicità rivolta ai bambini e ai giovani. È severamente vietato indirizzare inviti all'acquisto diretto a persone di età inferiore ai 18 anni. Inoltre, alle aziende non è consentito incoraggiare i bambini a convincere i genitori a comprare cose per loro.

Aftonbladet ha esaminato il marketing sui social media di Normal e ha parlato con esperti.

– Ora non mi siedo davanti al Tribunale dei brevetti e del mercato o all'Agenzia svedese dei consumatori per fare quelle valutazioni, ma penso che questo sia un grave esagerazione, dice l'esperta dei consumatori Maria Wiesel.

Regole poco chiare

I confini del marketing rivolto ai bambini nei social media sono stati allentati. Secondo l'Agenzia svedese per i consumatori non è consentito interrompere i programmi per bambini a causa della pubblicità, ma sull'applicazione TikTok, ad esempio, le regole sono più chiare.

Alcuni marchi e negozi sono più apprezzati dai bambini e dai giovani, ad esempio il sito di bellezza Lyko o “Caia Cosmetics” di Bianca Ingrosso.

Caia ha ricevuto critiche per il suo marketing in passato, con la società denunciata al Garante della pubblicità per pubblicità e marketing sessista rivolti ai bambini. Hanno anche lanciato prodotti criticati, come i lucidalabbra in collaborazione con Mentos, che si ritiene siano rivolti ai minori.

malsano

Non è irragionevole che i bambini e i giovani si impegnino fin dall’inizio nella cura avanzata della pelle. Una quattordicenne non dovrebbe spendere i soldi dell'intero mese in trucchi e creme. La situazione peggiora quando le aziende incitano i propri follower a “correre” nei negozi per acquistare gli ultimi prodotti.

Aftonbladet ha attirato l'attenzione su un commento sull'account Tiktok di Normal in cui un follower ha scritto che, in base al profilo di una bambina, aveva speso 5.000 corone nel negozio e ora era al verde. L'azienda risponde con il cuore.

READ  Suggerisci di rinunciare alla terra - Zelensky crolla

In realtà non è salutare.