TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Julia, 23 anni, è stata ferita due volte, in poche settimane

Julia, 23 anni, di Stoccolma Aftonbladet È stato il primo a scriverne, ed è stato completamente vaccinato da settembre.

A novembre ha contratto il COVID-19. Non peggio dell’influenza, dice, ma costretta a letto con la febbre per una settimana e un’altra settimana per riprendersi.

Julia si riprese, tornò al lavoro e festeggiò il Natale.

Metà della festa si è ammalata

A Capodanno sono andato a una festa con gli amici. Il giorno successivo, uno dei partecipanti è risultato positivo e presto si è scoperto che più della metà del gruppo, più di una dozzina di persone, aveva contratto l’infezione.

– Quando gli altri si sono ammalati, all’inizio mi sentivo molto tranquilla, perché anche se potevo diffondere l’infezione, non credevo di potermi ammalare di nuovo, dice Julia.

Ma lunedì aveva un corpo dolorante.

“scherzarci sopra”

– Io e la mia ragazza abbiamo scherzato dicendo che ho ricevuto di nuovo la corona, poi abbiamo fatto un test di reazione a catena della polimerasi (PCR) e ho contratto il virus, dice Julia.

Questa volta non ha febbre, ma più sintomi come mal di gola, tosse e dolori muscolari rispetto all’ultima volta.

Non si aspettava che sarebbe stato possibile ammalarsi due volte in così poco tempo.

– Almeno non ne ho sentito parlare. Dice che mostra fino a che punto si è diffuso il virus.

La stessa teoria di Julia dice che prima aveva una variabile delta e poi è stata infettata da un omicron.

Incoraggia gli altri a vaccinarsi

Julia si aspettava una protezione più sicura dopo aver ricevuto il vaccino, ma è grata dopo due dosi.

– Ne sono così felice, mi ha fatto star male. Dice, voglio sottolineare l’importanza della vaccinazione e che devi rimanere vigile.

READ  Nuovo avviso di influenza aviaria: potrebbe essere un altro inverno rigido per i proprietari di uccelli

Peter Brodin, medico specialista e professore al Karolinska Institutet, ha detto ad Aftonbladet che il caso di Julia è insolito, ma non impossibile.

– Non sono troppo sorpreso. L’immunità non è nera o bianca, è in scala di grigi. Ma ha una certa protezione perché non è gravemente malata, ha detto Aftonbladet.

Pensa che Julia possa avere ragione e che questi siano due diversi tipi di virus e che l’immunità da vaccini e infezioni non sia abbastanza forte da non essere infettati.

Ha sintomi lievi secondo un comunicato stampa