TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Nuovo studio: un semplice strumento diagnostico che predice il rischio individuale di sviluppare la malattia di Alzheimer

Negli ultimi anni, i ricercatori dell’Università di Lund e diversi gruppi di ricerca internazionali hanno pubblicato nuove scoperte sulla diagnosi precoce e corretta della demenza. Ma la diagnosi richiede ancora tempo e una tecnologia avanzata e costosa. Ora, i ricercatori di Lund hanno sviluppato un algoritmo predittivo che pesa esami del sangue più semplici con test rapidi di memoria per poter prevedere con grande certezza chi svilupperà la malattia di Alzheimer. I loro risultati sono pubblicati sulla rivista Nature Medicine.

Circa il 20-30% dei malati di Alzheimer riceve una diagnosi errata in cure specialistiche e la diagnosi è più difficile nelle cure primarie. La diagnosi può essere notevolmente migliorata misurando le proteine ​​tau e beta-amiloidi con un test del liquido spinale o una scansione PET. Ma i metodi sono costosi e sono disponibili solo in poche cliniche specializzate sulla memoria nel mondo, il che porta, tra le altre cose, a un’assistenza diseguale per un gruppo di pazienti. Una diagnosi corretta diventerà ancora più importante quando ci auguriamo che siano disponibili farmaci soppressivi presto, secondo i ricercatori dietro l’attuale studio.

Un gruppo di ricerca guidato dal professor Oscar Hanson dell’Università di Lund sta ora dimostrando che una serie di test relativamente semplici può essere utilizzata per la diagnosi precoce e sicura della malattia di Alzheimer. Lo studio ha esaminato 340 persone con lievi difficoltà di memoria Studio svedese sui biofinder I risultati sono stati confermati in uno studio nordamericano su 543 persone. Una combinazione di un semplice esame del sangue (in cui è stata misurata una variante della proteina tau e un gene di rischio per il morbo di Alzheimer) e tre test cognitivi rapidi che richiedono solo 10 minuti per essere completati possono prevedere oltre il 90% di coloro che svilupperanno l’Alzheimer demenza entro quattro anni. Questo semplice algoritmo prognostico aveva una precisione chiaramente migliore rispetto alla valutazione clinica degli specialisti che hanno incontrato i pazienti nello studio, ma che non avevano accesso alle scansioni del liquido spinale o ai costosi test PET.

Il nostro algoritmo si basa su un’analisi del sangue del fosfolipide e di un gene di rischio per il morbo di Alzheimer, nonché su un test di memoria e capacità esecutiva. Abbiamo ora sviluppato uno strumento online per calcolare il rischio a livello individuale di sviluppare la malattia di Alzheimer in una persona con lievi difficoltà di memoria entro 4 anni, spiega Sebastian Palmqvist, primo autore dello studio, professore associato presso l’Università di Lund e primario del dipartimento. . Memoria, Ospedale universitario di Skåne.

Un chiaro vantaggio dell’algoritmo di allarme è che è stato sviluppato per l’uso in cliniche senza accesso a strumenti di misurazione specializzati. Quindi, a lungo termine, l’algoritmo potrebbe fare una grande differenza nella diagnosi della malattia di Alzheimer In cure primarie.

Allo stato attuale, l’algoritmo è stato testato su pazienti che vengono esaminati nelle cliniche della memoria. La nostra speranza, afferma Sebastian Balmqvist, è che possano essere convalidati e utilizzati nelle cure primarie e anche fare la differenza nei paesi in via di sviluppo dove le risorse sanitarie specialistiche sono più limitate.

Anche semplici strumenti diagnostici per l’Alzheimer possono migliorare lo sviluppo di antidepressivi. Gli studi clinici vengono eseguiti per esaminare individui con una specifica malattia, per testare l’efficacia e la sicurezza di nuovi farmaci, test diagnostici e trattamenti.

Ma quando si parla di malattia di Alzheimer, è difficile reclutare le persone giuste per provare i farmaci in modo fattibile ed economico. L’algoritmo consente di reclutare persone che hanno già l’Alzheimer in una fase iniziale della loro malattia, perché i nuovi farmaci hanno maggiori possibilità di rallentare la progressione della malattia, afferma il professor Oscar Hanson.

il post: Prevedere la futura demenza di Alzheimer utilizzando la fosfodiesterasi plasmatica in combinazione con altre misure accessibiliMedicina naturale 24 maggio 2021

Lo studio è finanziato, tra gli altri, dal Consiglio svedese della ricerca, dall’Alzheimer’s Foundation, dalla Brain Foundation, dalla Knut and Alice Wallenberg Foundation, dalla Marianne and Marcus Wallenberg Foundation, dallo Skåne University Hospital con fondi SUS, fondazioni e fondi ALF, come così come l’area di ricerca strategica dell’Università di Lund di MultiPark.

per maggiori informazioni:
Sebastian Palmqvist, Professore Associato di Neuroscienze presso la Clinical Memory Research Unit presso l’Università di Lund e Chief Physician presso Skien University Hospital, [email protected], 0725-976929
Oscar Hanson, Professore di Neuroscienze nell’Unità di Ricerca sulla Memoria Clinica presso l’Università di Lund e Primario presso lo Skien University Hospital,
[email protected] 0722-26 77 45

—————–
Contatta la stampa alla Lund University School of Medicine
: Katrin Ståhl, 046-222 01 31, 0725-27 97 97, [email protected]

La Lund University è stata fondata nel 1666 ed è stata più volte classificata come una delle 100 migliori università del mondo. Ci sono 44.000 studenti e poco più di 8.000 dipendenti a Lund, Helsingborg e Malmö. Siamo uniti nel nostro sforzo di comprendere, spiegare e migliorare il nostro mondo e le condizioni umane.
Leggi altre notizie su Inserisci media | Università di Lunds Sentiti libero di iscriverti alla nostra newsletter A proposito di questo argomento! Alcuni degli oltre 5.000 ricercatori dell’università commentano gli eventi sociali attuali. Sul sito lu.se. è presente anche una sintesi delle ultime novità.

Tag:

READ  Un vaccino contro l'Alzheimer potrebbe diventare realtà