TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Gli esami del sangue e gli esami della memoria rivelano il rischio di sviluppare la malattia di Alzheimer – Metodo Scanian unico – Sydsvenskan

Il test richiede solo dieci minuti ed è facile prelevare un campione di sangue. Quando i risultati vengono inseriti in un algoritmo, un medico può dire con una certezza del 90% se un paziente è a rischio di sviluppare la malattia di Alzheimer. Un gruppo di ricerca a Lund e Malmö ha progettato lo strumento. Il loro studio è stato pubblicato oggi.

Elenco dei ricordi.

Foto: Pernella Sodderqvist

La malattia di Alzheimer è una di queste Una malattia che indebolisce gradualmente la nostra memoria. Non ci sono trattamenti, ma si stanno sviluppando farmaci per alleviare i sintomi.

Man mano che viviamo più a lungo, più persone soffriranno di malattie cognitive come il morbo di Alzheimer.

Man mano che si sviluppano farmaci migliori, diventa più importante rilevare precocemente l’Alzheimer.

Il problema è che la malattia di Alzheimer è difficile da diagnosticare. Tra il 20 e il 30% dei pazienti riceve una diagnosi errata in cure specialistiche se non vengono utilizzati metodi costosi e avanzati. Nel centro sanitario è più difficile e quindi l’incertezza è maggiore.

Questo è ciò che dice Oscar Hanson, professore di neuroscienze presso la Clinical Memory Research Unit dell’Università di Lund e capo medico presso lo Skien University Hospital.

Annunci

Lui e il suo collega Sebastian Balmqvist, professore associato di neuroscienze, hanno guidato la ricerca che ora offre uno strumento semplice che fornisce informazioni più sicure. Il loro algoritmo è unico al mondo. Lo studio è stato pubblicato oggi sulla rivista scientifica Nature Medicine.

Oscar Hanson è Professore di Neuroscienze presso l’Unità di Ricerca sulla Memoria Clinica presso l’Università di Lund e Primario presso lo Skien University Hospital.

È un semplice insieme di dati che fornisce informazioni di grande certezza sul rischio di sviluppare la malattia di Alzheimer, afferma Oscar Hanson.

READ  Uppsala per ottenere più vaccini: 'il ritmo salirà'

Annunci

Lo testeremo in quindici e venti centri sanitari, dice Sebastian Palmvist.

Passo dopo passo, il gruppo di ricerca dell’Università di Lund si è mosso verso l’obiettivo.

1. È iniziato con il fatto che quindici anni fa furono tra i primi al mondo a misurare nel fluido posteriore due sostanze principali alla base del morbo di Alzheimer:

Proteina beta-amiloide, Ciò inizia ad accumularsi neuroni esterni nella corteccia cerebrale molto prima che si notino le prime difficoltà di memoria, forse vent’anni fa.

La tua proteina, Prende il nome dalla lettera greca T e si accumula all’interno delle cellule nervose. Quando il midollo si diffonde nel cervello, le cellule nervose muoiono e la capacità di ricordare si deteriora.

2. Ha aggiunto che due ricercatori della popolazione hanno trovato un modo per misurare la presenza di tau nel sangue con esami del sangue. È difficile perché le quantità sono piccole.

3. Ora hanno combinato l’esame del sangue con tre rapidi test cognitivi che possono essere eseguiti in dieci minuti.

Innanzitutto, è importante ricordare dieci parole che hai dovuto ripetere pochi minuti fa.

• Secondo, conta il maggior numero di animali possibile, in un dato momento, in un minuto.

Annunci

• Terzo, il paziente deve tracciare linee tra cerchi su un foglio di carta in ordine alfabetico e numerico.

Marie Lejeune spiega perché non è un buon modello nazionale e investe invece in team più specializzati.

Foto: Ingemar D Kristiansen

Siamo giunti alla conclusione che combinando i risultati dei test con un esame del sangue, è possibile prevedere se una persona svilupperà la malattia di Alzheimer entro quattro anni, afferma Oscar Hanson.

READ  Il sostegno dovrebbe prevenire la dipendenza dal gioco d'azzardo tra i giovani

Non solo un esame del sangue mostra la presenza di tau indesiderata, ma mostra anche la presenza di un gene che aumenta il rischio di sviluppare la malattia di Alzheimer.

Annunci

Per valutare l’accuratezza del nuovo strumento, hanno condotto uno studio su 340 persone in Skåne con lievi difficoltà di memoria. I buoni risultati da lì sono stati successivamente confermati in uno studio nordamericano su 543 persone.

Il design non è completo, ma l’algoritmo funziona. A sinistra, vengono inseriti il ​​test e i risultati del test. Sulla curva a destra, l’algoritmo mostra il rischio calcolato di sviluppare la malattia di Alzheimer entro quattro anni.

Da undici anni Il gruppo di ricerca ha seguito pazienti con difficoltà di memoria a Malmö, Lund e Angelholm. Prelievo di campioni di sangue e monitoraggio dell’evoluzione.

Annunci

Una percentuale relativamente ampia di persone sviluppa la malattia di Alzheimer nel tempo. In un primo momento, abbiamo chiesto ai medici curanti se credevano che un paziente specifico lo avrebbe fatto. Avevano ragione circa il 70% dei casi.

La precisione del nuovo algoritmo è del 90 percento.

Oscar Hanson spiega che c’è un vantaggio pratico in questa combinazione. Può essere uno strumento importante per un medico di base nelle cure primarie.

Molte persone cercano assistenza molto presto quando iniziano ad avere problemi di memoria. Di solito possono ancora lavorare e prendersi cura di tutto nella loro vita quotidiana quando vengono al centro sanitario per chiedere aiuto.

Molte di queste persone non soffrono di malattia di Alzheimer. I problemi potrebbero essere dovuti al sonno scarso, all’assunzione di determinati farmaci, alla depressione o a qualcos’altro.

READ  India: qui il coronavirus si sta diffondendo il più velocemente possibile

Ma alcune persone hanno il morbo di Alzheimer all’inizio e noi vogliamo trovarlo presto.

L’algoritmo non è ancora completamente pronto per l’uso. Questo autunno, sarà introdotto nelle cure specialistiche in quanto può sostituire il campione di fluido posteriore più complesso e più costoso.

Annunci

Quindi lo valutiamo nelle cure primarie. Sebastian Balmqvist dice che ci vorrà un altro anno prima che sia pronto.

Stiamo lavorando lentamente ma inesorabilmente verso la realtà clinica, dice Oscar Hanson.