TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il clima freddo del nord crea problemi alle mani

Le dita bianche influenzano molto nel nord della Svezia. La condizione causa episodi di costrizione anormale dei vasi sanguigni delle dita ed è fortemente legata all’esposizione al freddo e al precedente congelamento. L’obesità può fornire una certa protezione, secondo una tesi dell’Università di Umeå.

I risultati indicano chiaramente l’importanza di proteggere le mani con indumenti appropriati quando fa freddo. Non è che ti abitui al congelamento, ma al contrario, i problemi possono peggiorare una volta che ne sei colpito. Il risultato potrebbe essere una diminuzione della sensibilità e un’anormale sensibilità al freddo, afferma Albin Sternbrandt, uno studente di dottorato presso l’Università di Umeå.

Nella sua tesi, Albin Stegernbrandt ha tracciato i modelli di esposizione al freddo nella Svezia settentrionale e come potrebbero essere collegati alla presenza di diversi sintomi vascolari e neurologici nelle mani.

Essere in sovrappeso fornisce una certa protezione contro le dita dei piedi bianche

Problemi con le dita bianche, che in gergo medico sono chiamati fenomeno di Raynaud, sono stati segnalati da più di uno su dieci nello studio, l’11% tra gli uomini e il 14% tra le donne. Sia negli uomini che nelle donne è stato possibile osservare un legame tra l’esposizione elevata della barra e il precedente congelamento delle mani e la presenza di dita bianche. Anche i fattori genetici erano di una certa importanza, mentre un BMI elevato, cioè essere sovrappeso o obeso, sembra avere qualche effetto protettivo.

La più alta esposizione al freddo tra i giovani è stata segnalata nelle regioni montuose. Soldati professionisti, cacciatori, operai forestali e operai edili erano i più vulnerabili al freddo nella professione.

READ  Il tasso di mortalità è più alto tra le gravi malattie Covid in Africa

L’esposizione al freddo manca nella legge sull’ergonomia

Oggi non esistono norme specifiche nella legislazione sull’ambiente di lavoro per l’esposizione al freddo durante il lavoro all’aperto. Albin Sternbrandt afferma che una valutazione del rischio strutturata può prevenire i problemi.

La tesi si basa in parte sulle risposte a un questionario di oltre 12.000 persone in età lavorativa nelle contee di Norrbotten, Västerbotten, Västernorrland e Gimtland. Quattro sottoprogetti che descrivono i modelli di esposizione al freddo e l’incidenza di vari sintomi vascolari e nervosi nelle mani. In un progetto parziale, le persone con allergia fredda sono state sottoposte a screening con l’ausilio di strumenti di laboratorio, tra cui un test avanzato di sensibilità alla temperatura e la misurazione del flusso sanguigno con tecnologia laser Doppler.

tesi:

Esposizione al freddo e salute: uno studio sui sintomi neurologici e vascolari della mano nel nord della Svezia

Contatto:

Albin Sternbrandt, Dipartimento di sanità pubblica e medicina clinica, Università di Umeå.
[email protected] Albin Sternbrandt è un medico specializzato in medicina del lavoro e ambientale presso il Norland University Hospital di Umeå.