TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Nuovo studio: questo è il cattivo dietro l’estinzione di massa 350 milioni di anni fa

Molte delle catastrofiche estinzioni di massa che hanno scosso gli oceani del mondo centinaia di milioni di anni fa e ucciso molta vita sulla Terra potrebbero essere state causate da qualcosa di innocente come gli alberi.

Questa è la conclusione di un nuovo studio pubblicato su una delle più antiche e prestigiose riviste scientifiche di geologia – Bollettino della Società geologica d’America.

Qui, i ricercatori hanno tentato di vedere più di 350 milioni di anni indietro, tra le altre cose, studiando da vicino la chimica di un certo numero di antiche formazioni rocciose della Groenlandia orientale.

– Le nostre analisi mostrano che è probabile che le radici degli alberi inondino gli oceani con nutrienti in eccesso, provocando una massiccia crescita di alghe, afferma il ricercatore capo Gabriel Filippelli.

inondando le radici di materiale

Secondo i ricercatori, violente fioriture algali hanno rubato la maggior parte dell’ossigeno dagli oceani, provocando morti di massa diverse volte durante il periodo geologico del Devoniano tra 419 e 358 milioni di anni fa.

I ricercatori stimano che fino al 70 per cento della vita sulla Terra sia scomparsa nel processo a cui è stato dato il nome scientifico di eutrofizzazione e che oggi sia visto anche su scala più piccola, dove, ad esempio, i nutrienti in eccesso dai fertilizzanti sui terreni agricoli portano alla morte. aree negli oceani.

La differenza è che circa 350 milioni di anni fa, erano probabilmente le radici degli alberi a prelevare i nutrienti dal terreno durante i periodi di crescita e poi a lasciare il materiale nell’acqua quando le radici morivano.

Getta nuova luce su molteplici minacce

I ricercatori hanno analizzato i depositi rocciosi di antichi specchi d’acqua in Groenlandia e nella Scozia nord-orientale, tra gli altri luoghi.

Lì, sono stati confermati una serie di cicli precedentemente scoperti di livelli alti e bassi dell’elemento fosforo. Allo stesso tempo, con l’ausilio di appositi marcatori nel terreno, sono stati in grado di determinare periodi umidi con più radici e periodi secchi con meno radici.

È interessante notare che i periodi di siccità hanno coinciso con livelli di fosforo più elevati, indicando che le radici morenti stavano rilasciando i loro nutrienti nell’acqua durante lo stesso periodo.

Fortunatamente, l’età dell’albero di oggi non causa una distruzione simile, poiché da allora la natura ha sviluppato sistemi per bilanciare le conseguenze del decadimento del legno.

Ma i risultati, affermano i ricercatori, gettano nuova luce sulle minacce dei fertilizzanti e delle acque reflue, che ritengono stiano causando un esaurimento dell’ossigeno nei nostri oceani.

READ  La vaccinazione antinfluenzale riduce il rischio di morte dopo un infarto