TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Le persone con più malattie sono a maggior rischio di demenza –

Il diabete di tipo 2, le malattie cardiache e l’ictus appartengono al gruppo delle malattie cardiovascolari, che rappresentano una sfida crescente nella società.

Man mano che la popolazione invecchia e l’assistenza sanitaria migliora, è più probabile che le persone sviluppino due o più di queste condizioni nel corso della loro vita. Questa è chiamata morbilità multipla del metabolismo del cuore, ed è qualcosa che colpisce circa il 30% degli anziani e porta ad un aumento del tasso di mortalità.

Sappiamo che il diabete di tipo 2, le malattie cardiache e l’ictus sono fattori di rischio individuali ben consolidati per la demenza. Con l’invecchiamento della popolazione, sempre più persone hanno più malattie cardiovascolari concomitanti, ma pochi studi hanno esaminato l’impatto di queste molteplici malattie sul rischio di demenza e se i fattori genetici influenzano la comunicazione, afferma Abigail Dove, dottoranda presso l’Istituto Karolinska.

Studio completo sui gemelli

Così i ricercatori hanno esaminato i gemelli di età superiore ai 60 anni, che sono stati inclusi nel registro svedese dei gemelli tra marzo 1998 e dicembre 2002.

I circa 17.000 individui sono stati classificati in base al fatto che avessero una o più condizioni cardiovascolari o se fossero esenti da tali condizioni.

Tutti i partecipanti allo studio erano cognitivamente sani all’inizio dello studio. Lo stato di salute dei partecipanti è stato monitorato fino a 18 anni. Ciò ha permesso ai ricercatori di determinare chi alla fine ha sviluppato la demenza e chi no.

– Abbiamo scoperto che più malattie cardiovascolari sono associate a un rischio più che doppio di demenza vascolare e a un aumento del 50% del rischio di malattia di Alzheimer, afferma Abigail Duff.

Il rischio è maggiore con l’insorgenza precoce della malattia

Lo studio ha anche mostrato che il rischio di demenza era più alto se a una persona fosse stata diagnosticata una malattia cardiovascolare nella mezza età rispetto a se quelle malattie si fossero sviluppate più tardi nella vita. Una spiegazione potrebbe essere che se la malattia compare presto nella vita, potrebbe essere una forma più aggressiva.

Questi risultati evidenziano la necessità di un monitoraggio speciale delle persone con malattie cardiovascolari per ridurre il rischio di demenza in età avanzata, afferma Abigail Dove.

L’influenza dei fattori genetici

I ricercatori hanno anche esaminato da vicino circa 400 coppie di gemelli identificate che erano “non identiche”, cioè i gemelli nella coppia differivano l’uno dall’altro in termini di presenza di malattie cardiovascolari e potenziale sviluppo di demenza.

Tra i gemelli non identici, che condividono il 50% dei loro geni, anche il gemello con malattie cardiovascolari aveva maggiori probabilità di sviluppare la demenza.

Tuttavia, tra i gemelli identici che sono copie genetiche l’uno dell’altro, il rischio di demenza era simile per entrambi i gemelli indipendentemente dal loro stato di malattia cardiovascolare.

I risultati suggeriscono che potrebbero essere gli stessi fattori genetici a contribuire sia alle malattie cardiovascolari che alla demenza, afferma Abigail Duff.

READ  Sörmlanders - Lascia che il tuo cuore si unisca quest'estate! - Corriere

Studio scientifico:

Malattie cardiovascolari e rischio di demenza nella vita media e avanzata: uno studio sui gemelli a livello nazionaleE Giornale europeo del cuore.