TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Bjorn Wiemann: i medici stavano aspettando che gli uomini con la sifilide morissero

Uno degli ultimi giorni prima delle vacanze ricevo la seconda iniezione. La sala da concerto nel quartiere Slackhaus a sud di Stoccolma funge da centro di impollinazione. Non maestoso come la prima siringa in un’ex chiesa di Nortale, ma comunque di piccole dimensioni, amichevole e presente.

Penso che la parola che descrive l’esperienza di molti svedesi nella vaccinazione contro il COVID-19 sia fiducia. Non è una condizione normale. Dietro la sensazione c’è l’esperienza che le autorità spesso lavorano per il bene di tutti.

Ma la fiducia non è un privilegio per tutti. Negli Stati Uniti c’è una diffusa opposizione alla vaccinazione in alcune parti della popolazione nera. In molti luoghi, solo una piccola parte dei cittadini afroamericani è stata vaccinata. C’è l’opposto della fiducia svedese. Non crede che le autorità vogliano un pozzo.

Penso che la parola per descrivere l’esperienza di molti svedesi nella vaccinazione contro il COVID-19 sia fiducia

Purtroppo, diffidenza Buone ragioni. Recentemente, Karen Erickson ed Eva Tedesjo di DN hanno detto In un reportage su uno dei tentativi più famosi della storia della medicina, il cosiddetto Tuskegee Study nello stato americano dell’Alabama. È passato alla storia come lo scenario peggiore dell’etica medica, alla pari degli esperimenti etno-biologici nazisti.

È successo tutto all’inizio degli anni ’30 nella contea di Macon, una delle zone più povere e vulnerabili degli Stati Uniti. Gran parte della popolazione era costituita da poveri lavoratori agricoli afroamericani, molti dei quali analfabeti. Malattie e separazione andavano di pari passo. La sifilide era particolarmente diffusa, con alti tassi di infezione tra la popolazione nera.

READ  Gli esami del sangue migliorano la lotta contro il cancro alla prostata

Quindi, l’area era quasi perfetta per un esperimento medico su come si sarebbe comportata la sifilide non trattata nel corpo. Non trattati? Sì, la vera cosa demoniaca dello studio è che non mirava a trovare una cura o a comprendere meglio la malattia, ma a portare alla prova che i corpi neri funzionano in modo diverso (e peggio) rispetto ai bianchi, che presumibilmente ne hanno di più. Costruzione sofisticata. Lo studio consisteva semplicemente nell’autopsia degli uomini con la sifilide dopo la loro morte, per confermare l’ipotesi che i loro corpi fossero radicalmente diversi da quelli dei bianchi. E così gli uomini facevano parte di un’esperienza razziale come una specie di cadavere vivente, disinteressato ai cercatori fino alla loro morte.

E così gli uomini entrarono in un’esperienza razziale come una specie di cadavere vivente, indifferenti ai ricercatori fino alla morte.

Come hai fatto allora Per attirare partecipanti a questo premuroso progetto disumano? facile. Ho mentito. Il Dipartimento della sanità pubblica degli Stati Uniti ha inviato lettere di massa alle chiese nere annunciando che il governo avrebbe avviato un programma di trattamento tanto atteso per quello che allora veniva chiamato “sangue cattivo” – un termine ampiamente usato per tutto, dall’anemia alle malattie sessualmente trasmissibili come la sifilide. Sono stati forniti pasti gratuiti in relazione al campionamento e lo Stato, quando sarà il momento, pagherà le spese funerarie dei partecipanti.

Nel 1997, il presidente Bill Clinton si scusò con il governo con Herman Shaw, che era coinvolto nell’esperimento.

Foto: Doug Mills

Non sorprende che il flusso sia stato grande. Sono stati selezionati 600 uomini, di cui 400 avevano la sifilide e 200 potevano essere un gruppo di controllo. Gli era stata promessa una cura, completamente l’opposto dello scopo dell’esperimento. Il ricercatore che ha guidato lo studio ha descritto gli uomini partecipanti come “molto, molto ignoranti e facilmente influenzabili da cose che potrebbero essere meno importanti per un gruppo più intelligente”.

Lo studio di Tuskegee era in corso Fino al 1972. Durante questo periodo, i soggetti sono stati sottoposti a controlli annuali e hanno ricevuto un placebo invece del farmaco attivo. La frode è stata così sistematica che alcuni degli uomini coinvolti hanno persino ottenuto il loro rilascio durante la seconda guerra mondiale, quando la sifilide avrebbe potuto essere rilevata e adeguatamente trattata dai medici delle forze armate.È stato inoltre deciso che i partecipanti non avrebbero ricevuto antibiotici quando questo fosse diventato un trattamento efficace per la sifilide dopo gli anni ’40. .

Fu anche deciso che i partecipanti non avrebbero ricevuto antibiotici quando questo fosse diventato un trattamento efficace per la sifilide dopo gli anni ’40.

La fine arrivò nel 1972, quando l’agenzia di stampa AP riuscì a rivelare al pubblico l’esistenza dello studio. La polemica che ne seguì infuriò. Quindi 28 dei partecipanti sono morti a causa della sifilide. Altre 100 persone sono morte a causa di complicazioni associate alla malattia. 40 mogli e 19 bambini sono nati con la sifilide. Il 16 maggio 1997, il presidente Bill Clinton in un commovente discorso al governo si scusò con gli otto sopravvissuti all’esperimento.

Ma ovviamente non finisce qui.

Certo che non lo è Solo lo studio di Tuskegee è alla base del fatto che molti neri in America hanno poca fiducia nella scienza medica. La lunga storia di razzismo e oppressione ha reso difficile per molti fidarsi delle autorità sanitarie statunitensi. Questo è stato anche invertito quando l’epidemia di HIV/AIDS ha colpito duramente i neri negli Stati Uniti negli anni ’90; I sondaggi di quel periodo mostravano che fino a un terzo credeva che l’HIV/AIDS fosse un tentativo deliberato di uccidere il maggior numero possibile di neri americani e che la metà degli intervistati considerava “possibile” o “probabile” che il governo avrebbe accolto con favore l’epidemia di AIDS. , come un’opportunità per liberarsi dell’abbondanza “indesiderata” tra la popolazione.

Questa radicata sfiducia è il risultato del fatto che nel corso della storia le autorità hanno sistematicamente perso la fiducia di molti poveri neri americani, che ora si riflette nella mancanza di vaccini contro il COVID-19.

Lo studio di Tuskegee è quindi un peccato ereditario che tutti portiamo. Nessuno sarà al sicuro finché tutti non saranno al sicuro.

Leggi di più Bjorn Wiemann Chronicles. Iscriviti anche alla newsletter Settimana della cultura con Bjorn Wiemann Che arriva nella tua casella di posta ogni giovedì.