TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La malattia cronica aumenta il rischio di iperinfiammazione nei bambini

In Svezia, circa 370 bambini hanno sviluppato una grave infezione poche settimane dopo aver contratto il COVID-19. La condizione è chiamata MIS-C, o infiammazione eccessiva multisistemica.

I bambini di solito hanno la febbre alta per lunghi periodi, dolore addominale, eruzioni cutanee e infiammazione degli occhi. MIS-C può anche influenzare il muscolo cardiaco. La condizione può essere pericolosa per la vita, ma nessun bambino è morto in Svezia.

Finora, i medici hanno Non sapevo quali bambini fossero più a rischio. Ma ora i ricercatori del Karolinska Institutet e il gruppo di esperti nazionali MIS-C hanno tracciato uno studio del registro dei bambini con un aumentato rischio di sviluppare la malattia.

I bambini raramente si ammalano gravemente di COVID-19 e MIS-C è un caso insolito. Ma ora possiamo, per la prima volta in un ampio studio, vedere quali bambini appartengono al gruppo a rischio, afferma Samuel Arthur Redin, MD, medico del Sachsska Children’s Hospital e ricercatore nella divisione di epidemiologia e biostatistica medica presso il Karolinska Istituto.

Samuel Arthur Redin, medico e ricercatore presso il Karolinska Institutet

Samuel Arthur Redin, medico e ricercatore presso il Karolinska Institutet

Foto: Gunilla Sonnebring

Lui e i suoi colleghi hanno analizzato più di 2,1 milioni di bambini e giovani di età inferiore ai 19 anni nati in Svezia. Secondo i dati del Pediatric Rheumatology Registry, a 253 bambini e giovani adulti è stato diagnosticato un MIS-C tra marzo 2020 e dicembre 2021. Lo studio, pubblicato su The Lancet Regional Health – Europe, ha mostrato che i ragazzi di età compresa tra 5 e 11 anni avevano MIS- C. I genitori nati all’estero che soffrono di asma, obesità (obesi) o malattie croniche gravi sono i più a rischio di sviluppare MIS-C.

pericolo più grande Ha avuto figli con patologie croniche gravi, come alcune malattie neurologiche e genetiche, e poi hanno seguito figli di genitori nati all’estero.

La ricerca negli Stati Uniti mostra che esiste un legame tra socioeconomia, etnia e un aumento del rischio di covid-19, e questo può valere anche per MIS-C. Abbiamo in programma di andare avanti e studiare il significato di questo in dettaglio, afferma Samuel Arthur Redin.

Tuttavia, questa è la prima volta che i ricercatori vedono un legame tra obesità (obesità) e MIS-C. I ricercatori hanno visto solo un legame debole tra l’asma e lo stato iperinfiammatorio.

I risultati erano difficili da interpretare per l’asma, ma non possiamo escludere che possa essere un debole fattore di rischio. Tuttavia, è importante notare che il rischio di MIS-C a livello individuale è molto basso, anche tra i bambini appartenenti a un gruppo a rischio.

Oggi c'è una buona esperienza nel trattamento

Oggi c’è una buona esperienza nel trattamento

Foto: Magnus Hallgren

lo spero I risultati dello studio aiutano i medici a rilevare i bambini con MIS-C nel pronto soccorso pediatrico.

Sappiamo già che la vaccinazione contro il covid-19 protegge dalla MIS-C. Ci auguriamo che lo studio contribuisca anche a sapere quali bambini dovrebbero essere considerati un gruppo ad alto rischio e dare la priorità alla vaccinazione contro COVID-19. Non ultimo, è importante disporre di buoni dati al riguardo se in futuro verranno vaccinati solo i gruppi ad alto rischio tra bambini e giovani adulti.

I ricercatori non sanno perché i ragazzi sembrano avere più MIS-C delle ragazze. Inoltre, non è noto cosa causi questa condizione. Condizioni infiammatorie simili possono verificarsi dopo un’altra infezione virale, come l’influenza.

C’è una reazione eccessiva nel sistema immunitario e una teoria è che ci siano ancora residui virali nel corpo.

bambini in svezia MIS-C potrebbe eventualmente riprendersi, anche se potrebbe richiedere molto tempo. Circa un quinto dei bambini ha ricevuto una variante più aggressiva della condizione che richiedeva terapia intensiva.

All’inizio della pandemia non sapevamo come trattarla. Ma grazie alla formazione precoce del gruppo di esperti che ha discusso i nuovi casi e monitorato il campo di ricerca, ora abbiamo una buona esperienza con la terapia con cortisone e i farmaci immunosoppressori, afferma Samuel Arthur Redin.

Leggi di più sulla scienza quaggiù

L’iperinfiammazione è rara tra i bambini vaccinati

READ  Vaccino antinfluenzale gratuito per gli over 65 e a rischio