TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Jan Anderson indignato per presunto razzismo contro Ilanga: “È un peccato”

Durante la gara di qualificazione al Campionato Europeo di martedì tra Svezia e Italia Under 21, Anthony Ilanga ha testimoniato di essere stato vittima di razzismo da parte di un giocatore italiano negli ultimi minuti. Mercoledì, la Federcalcio svedese ha presentato una denuncia alla polizia di Monza, in Italia, dove si è svolta la partita. La UEFA ha anche annunciato di aver nominato un investigatore per condurre un’indagine disciplinare su “presunti incidenti”.

Il pass mattutino in P3 è stato visitato dal capitano della squadra nazionale maschile Jan Andersson che ha avuto l’opportunità di commentare l’incidente.

– Spero davvero che quando succede (razzismo) lo segnali come hai fatto nella partita di martedì contro Anthony Ilanga in Italia. Dice in Morgonpasset in P3 che ti comporti in questo modo, perché è assolutamente un peccato che ti sia permesso di farlo, o che qualcuno si prenda il diritto di esprimersi nel modo in cui si fa qui.

Anche Anderson non riesce a ricordare una partita in cui lui stesso ha fatto parte del razzismo.

– Gli sono molto grato. sarò molto arrabbiato. Ma ovviamente è successo e potrebbe essere successo e non è stato segnalato o osservato allo stesso modo. È un peccato quando succede e dobbiamo distruggerlo in ogni modo. È abbastanza semplice, dice e continua:

Non vogliamo tutte le forme di bullismo, punizione e razzismo nel calcio. Lo sport dovrebbe essere qualcosa di completamente diverso. Purtroppo lo sport è un riflesso della società e in alcuni paesi si manifesta di più e in modi diversi. Ma non è così che dovremmo ottenerlo.

READ  "E' un grande vantaggio"