TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

The Road to Enlightenment: Eternal Conversation di Diderot il 21 maggio 00.45 - nota

The Road to Enlightenment: Eternal Conversation di Diderot il 21 maggio 00.45 – nota

ESSÄ: Questo è un testo in cui l’autore contempla un argomento o un’opera. Le opinioni espresse sono quelle di chi scrive.

Alcuni anni fa ho avuto il privilegio di visitare la biblioteca del XVIII secolo conservata nel castello di Adelsnäs nell’Östergötland. Una collezione bella e affascinante, le numerose versioni in lingua francese dei romanzi inglesi più venduti del secolo sono un divertente promemoria del fatto che l’inglese non è sempre stata una lingua universale.

Ma ancora più sorprendente è stato che ho trovato una serie di numeri del quotidiano francese Schermo globaleFondato nell’anno della rivoluzione nel 1789, è strettamente legato con cinture di cuoio. Così il barone si è seduto qui a Östgötaslätten ed è tornato a casa il giornale da Parigi con gli ultimi opuscoli rivoluzionari, discorsi politici e notizie dal mondo.

Ma quale Quello che mi ha colpito di più è stata l’ultima colonna dell’ultima pagina, dell’Anno del Terrore. Ad esempio, nel numero del 19 marzo 1794: First è un elenco di sentenze del giorno, non poche condanne a morte, seguito da un elenco di spettacoli, opere, teatro, circhi e altri intrattenimenti odierni. Questa collisione dei pilastri mi ha dato un’idea della vita con orrore: per la maggior parte delle persone, la vita era come al solito e le esecuzioni erano solo un momento di tensione tra le altre cose.

Ricordo quella convergenza colonnare tra esecuzioni e intrattenimento quando lessi il romanzo di Denis Diderot Jacob of the Fate and His Master, a cui lavorò tra il 1765 e il 1780. Il maestro anonimo dice al suo servo Jacob che le persone non sono attratte dall’esecuzione perché è crudele . Al contrario, salverebbero il miserabile prigioniero se potessero. Quello che stanno cercando è qualcosa che dicono quando arrivano a casa, che è molto importante quello che succede. Ma l’implementazione è ovviamente una cosa incredibile e tutti coloro che possono parlarne diventano l’attenzione dei vicini.

READ  Tony Söderholm ha recitato in Germania a Riga - la Coppa del Mondo da incubo per il Canada è ancora in corso - sport - svenska.yle.fi

La narrazione completa è presentata su Jacob e il suo padrone, che cavalca e cavalca, prende la locanda e incontra molte avventure quotidiane in una forma o nell’altra sotto forma di conversazioni e storie. Il denominatore comune è la storia di Jacob del suo grande amore, una lunga storia con molti colpi di scena, che viene interrotta più e più volte – e che non è mai veramente finito nel romanzo. Ma non è questa la cosa importante, l’importante è che il mondo sia scritto qui dove tutti parlano tutto il tempo, i personaggi si evolvono negli incontri e le storie sono nascoste in storie come le donne russe.

È abbastanza noto che i due personaggi principali, una sorta di illuminismo Don Chisciotte e Sancho Panza, non hanno mai finito la loro storia e che il romanzo stesso porta a un’ambiguità generale su ciò che è realmente accaduto in quel momento, dove stavano andando e come il storie finite – o se era, in effetti, una storia di persone.Vera o solo un’opera letteraria nello spirito del collega autore contemporaneo di Diderot Laurence Sternes.

Dove sono loro? Sulla strada? “Sì, è davvero triste che tu non sappia mai dove stai andando,” gridò Jacob. A pensarci bene, il maestro e il suo Jacob non sono varianti successive del cavaliere e del suo scudo del personaggio addolorato, ma piuttosto sono Jodo: in cammino, costantemente in cammino, contro alcuni che aspettano invano per sempre. Ma, come è stato detto in altri libri dei libri di Diderot, “Il sogno di D’Alembert”, che consiste anche interamente di conversazioni e storie: “Ciò che conta, non si scrive, si parla solo”.

Per un lettore che chiede un’azione, vuole sapere come stanno andando le cose e perché sta succedendo l’una o l’altra, questo tipo di letteratura può essere frustrante. Ma per chi vuole che i libri riflettano la vita, è davvero l’apice del realismo: non c’è direzione, non c’è conclusione, tutti sono in movimento e le conversazioni sono il tessuto che ci unisce. Conversazioni tra persone, ma anche con libri, tra libri, con autori vivi e morti – e credetemi, Diderot è sicuramente uno degli autori che ha contribuito di più all’età dell’Illuminismo vivo.

READ  Tutti gli orari di trasmissione: ecco come viene trasmesso il Campionato Europeo 2021

Era la forza trainante del grande progetto Encyclopedia, che riunirà tutta la conoscenza del mondo e la renderà disponibile a tutte le persone. Un progetto di dialogo per necessità, con tanti autori diversi, corrispondenza dal vivo e sempre un carattere un po ‘temporaneo: ogni volta che si aggiungono nuove conoscenze, i vecchi articoli devono essere riscritti, ed eventualmente scartati del tutto, e chi ha già acquistato l’opera avrà bisogno di tempo per integrare con nuove squadre tutto il tempo.

Il mondo di Diderots È un mondo di conversazione, dove tutto è costantemente in movimento. Il suo libro più frustrante, per chi vuole risposte semplici e dirette, è il nipote di Ramo. Il personaggio del libro, che si può presumere essere lo stesso Diderot, incontra il nipote del grande compositore Rameau, che si rivela essere un personaggio strano, sfacciato e parassitario, un tipo di tipo avventuroso che si può trovare nelle grandi città come Parigi, che dorme una notte per strada e un giorno dopo siamo invitati a cenare in un palazzo. La sua miscela di ironia, stupidità, saggezza e commenti taglienti dà la cosiddetta disperazione, ma sembra ancora incapace di separarsi. Nel bel mezzo del flusso, ci sono un sacco di note appropriate e tutto il resto vale la pena sopportare.

Il senso della vita frizzante e mutevole e la conversazione eterna che permea l’intero lavoro di Diderot è incentrato sul dialogo con il nipote di Ramo. Al di là di tutte le singole righe, scrive una visione della condizionalità di tutto, della verità simultanea degli opposti, dei paradossi irrisolvibili con cui dobbiamo vivere e affrontare, e davanti a loro la nostra unica scelta è se dobbiamo disperare o ridere . Loro hanno.

READ  Lukaku sullo scandalo Zlatan: "Le sue parole hanno fatto colpo"

In una risposta che dà un’idea delle tensioni che potrebbero portare alla rivoluzione, Ibn al-Akhbi dice: “In natura, tutte le specie si consumano a vicenda. Nella società, tutti i gruppi si consumano a vicenda”. Sebbene Diderot morì all’inizio del 1784, cinque anni prima della Rivoluzione, è uno di quelli che si ritiene l’abbia ispirata, come filosofo dell’Illuminismo e scrittore sovversivo. Appartiene ai più che odiavano gli oppositori della rivoluzione, non ultima l’affermazione a lui attribuita che l’umanità sarà felice solo quando l’ultimo re sarà impiccato tra le braccia dell’ultimo sacerdote. Non ha mai detto niente, anche se sembrava una linea che potrebbe essere nella bocca del nipote di Ramo. Allo stesso tempo, Diderot era uno di quelli che allontanava da loro anche i rivoluzionari, perché era visto come un ateo, e questi vandali considerati atei per indicare una cattiva morale.

A proposito dello stesso Diderot Ha vissuto il percorso degli anni rivoluzionari della rivolta popolare sull’orrore della ghigliottina alla dittatura di Napoleone, immagino che lo guardasse come faceva con i suoi contemporanei: come una rete di conversazione, piena di contraddizioni irrisolvibili, e senza fine storie di noi umani a cui Jacob non è mai autorizzato a finire la sua storia d’amore. Questo senso della vita è riassunto nella frase del dottor Pordius dal sogno di D’Alembert:

Quasi tutte le conversazioni sono come presepi (dove ora hai fatto il bastone), nessuno ha le idee chiare davanti agli occhi (e al cappello!), E per il semplice motivo che qualcuno non è proprio uguale all’altro, noi non capiamo mai del tutto, non capiamo mai del tutto …

Tuttavia, nonostante questo, non credo che Diderot fosse pessimista, ma si rese conto che dobbiamo continuare a parlarci, perché non è stata data altra alternativa.