TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il dominio cinese dei veicoli elettrici rientra nei piani di Xi Jinping

Il dominio cinese dei veicoli elettrici rientra nei piani di Xi Jinping

A Pechino si tiene uno dei più grandi saloni automobilistici del mondo. Ed è affollato. Secondo gli organizzatori, i visitatori devono pagare pazientemente e farsi strada tra i 117 nuovi modelli e le 270 auto elettriche in mostra.

È più affollato contro i marchi automobilistici cinesi. L'intera esposizione è dominata dalle auto elettriche, e qui i produttori cinesi vengono alla ribalta. La lista d'attesa per Xiaomi è particolarmente lunga. Il produttore cinese di telefoni cellulari, che ha recentemente lanciato la sua prima auto elettrica, la Speed ​​​​Ultra 7 (SU 7), ha suscitato molto scalpore. È stata predisposta una corda per racchiudere la fila di curiosi che si riempie costantemente per vedere l'auto sportiva ad alta tecnologia.

Solo quando arriverò al guado sarà possibile muoversi senza calpestarlo. Nel loro stand fieristico si possono vedere più rappresentanti dell'azienda che visitatori della fiera.

È un segno dei tempi. La quota del mercato automobilistico statunitense in Cina è diminuita. E non sono solo loro a lottare. Nel complesso, lo scorso anno la quota delle vendite delle case automobilistiche straniere in Cina è scesa dal 57 al 48%. Questo in un paese in cui i prodotti occidentali sono generalmente considerati un sigillo di qualità.

Fotografia: Andy Wong/AP

Ma nel mondo delle auto elettriche ci sono alti e bassi. La Cina è stata in anticipo e ha investito molto nel controllo del mercato. Xioami è uno dei numerosi giocatori. Ci sono più di 100 produttori cinesi di auto elettriche. Guadagnano più di quanto riescono a immettere sul mercato cinese. La capacità di produrre 40 milioni di automobili all'anno, ma in Cina ne vendono solo 22 milioni.

Quindi inizia a preoccuparti Le voci cominciano a farsi sentire nell’Unione europea. Temono che la Cina eliminerà le auto elettriche sovvenzionate dal governo dal mercato europeo. È già iniziato. Come riportato in precedenza da DN, i porti europei sono pieni di auto elettriche cinesi in attesa di un acquirente. L’incubo è uno sviluppo simile a quello dei pannelli solari, con la Cina che rappresenta oltre l’80% del mercato globale. L’Unione Europea minaccia di aumentare i dazi all’importazione sulle auto elettriche cinesi se la revisione in corso concludesse che la concorrenza si sta svolgendo in condizioni ineguali.

La domanda è se è la pistola che morde. La forte concorrenza tra la pletora di produttori di veicoli elettrici con sede in Cina ha messo sotto pressione i prezzi e le aziende hanno già calcolato che sono in arrivo tariffe più alte da parte dell’Unione Europea. Secondo un rapporto di un istituto di ricerca, l’Unione Europea dovrà imporre dazi del 50% sulle auto cinesi per evitare che le auto elettriche a basso costo invadano il mercato europeo. Gruppo rodio Che è arrivato questa settimana. Ma nessuno crede che l’UE imporrà tariffe così elevate.

Pieno di gente che vuole dare un'occhiata alle nuove auto del produttore cinese di auto elettriche BYD.

Fotografia: Pedro Pardo/AFP

e investimenti cinesi Sulle auto elettriche non andrà sottoterra. Viene richiesto all'alta direzione. È di buon auspicio per il sostegno del governo alle aziende che vogliono mantenerli. È ad ambiti come quello delle auto elettriche che il leader cinese Xi Jinping fa riferimento quando ribadisce che devono prosperare “nuove forze produttive”. E le province fuori dal Paese stanno recuperando terreno. Vogliono compiacere il loro leader. Investire nei veicoli elettrici è visto anche come un’opportunità per creare posti di lavoro in un momento in cui il resto dell’economia non sta andando bene.

Molte revisioni hanno concluso che molte aziende cinesi di veicoli elettrici ricevono sussidi governativi. Potrebbe trattarsi di prestiti agevolati e sconti su acciaio e batterie. Ma la Cina ignora questo tipo di affermazioni, affermando che tutti i paesi partecipano a qualche tipo di sussidio per sostenere le nuove industrie.

Il Partito Comunista lo è Potrebbe anche essere stato convinto che lo sviluppo stesse alimentando il sentimento patriottico. Si potevano sentire voci gridare: “Uccidi Tesla, conquista il mondo”, mentre i dirigenti di Xiaomi e BYD scendevano nello show floor circondati dalla vernice lucida delle auto. BYD è la grande storia di successo che lo scorso anno ha superato Tesla come auto elettrica più venduta al mondo.

BYD è la stella del mercato cinese dei veicoli elettrici.  L’anno scorso, l’azienda ha superato Tesla diventando il più grande venditore di veicoli elettrici al mondo.  All'esposizione dell'auto, l'azienda, nota per le auto economiche, ha lanciato nuove concept car più costose.

Fotografia: Ng Han Guan/AP

Ora i cinesi leggono volentieri di aziende occidentali che cercano di invogliare i cinesi a unirsi al carrozzone delle auto elettriche. Durante il salone dell'auto, molte case automobilistiche straniere hanno annunciato partnership con aziende cinesi. Non si tratta solo di cooperazione con altre case automobilistiche. Le auto elettriche sono soprattutto prodotti tecnologici e la società giapponese Toyota ha annunciato di aver avviato una collaborazione con il colosso informatico cinese Tencent nel campo dell'intelligenza artificiale. Nissan sta facendo progetti con Baidu, una delle principali società di software cinesi. La Volkswagen collabora già con la società cinese Xpeng. In passato, il trasferimento delle conoscenze andava nella direzione opposta. Le aziende cinesi hanno cercato aziende occidentali per imparare a costruire automobili.

In Occidente crescono le rughe dell’ansia. Ma ci sono opinioni divergenti su come affrontare i progressi della Cina. Le aziende automobilistiche occidentali sono scettiche nei confronti delle tariffe e temono che la Cina possa reagire, indebolendo ulteriormente la loro posizione nel mercato cinese.

Il CEO del produttore di telefoni cellulari Xiaomi, Lei Jun, parla al salone dell'auto di Pechino dove l'azienda presenta la sua prima auto elettrica.

Fotografia: Giada Zhao/AFP

READ  "Abbiamo meritato di vincere" - Hofodstadsbladet