TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Esperti: dobbiamo discutere dei disturbi alimentari nello sci

È in uno Serie di articoli in norvegese Dagbladet Come una nuova immagine dell’era di successo del paese negli anni ’80. In un sondaggio, la rivista ha ricevuto risposte da 31 sciatori che sono stati attivi nella squadra norvegese di sci di fondo junior o elite tra il 1978 e il 1986 e sono giunti alla seguente conclusione:

• Il 35% ha ammesso di aver sofferto di un disturbo alimentare durante la loro carriera sciistica.

• Il 42% ha dichiarato di sentire la pressione nutrizionale da parte della direzione del team.

• Il 69% ha dichiarato di non aver avuto un periodo durante la propria carriera sciistica.

I diritti svedesi per trasmettere la Coppa del Mondo di sci di fondo della prossima stagione appartengono al Gruppo Nent e quando la società televisiva questa settimana ha presentato la sua iniziativa sugli sport invernali, DN ha parlato con diversi esperti di sci che hanno reagito con forza alle pubblicazioni di Dagbladet.

Leggere fa male. È stato molto intenso, racconta la conduttrice Joanna Ojala, che ha avuto un passato come allenatore nazionale junior e allenatore presso le scuole di sci delle scuole superiori di Torsby e Östersund.

Dentro il mondo esiste l’élite Oggi esiste un altro sistema di sensibilizzazione e supporto con i controlli sanitari a cui tutti i pattinatori devono sottoporsi. In Svezia, Frida Carlson è stata sospesa dalle gare per un periodo più lungo durante la stagione 2019-20 perché non soddisfaceva i requisiti sanitari dell’associazione, un altro esempio è la star norvegese Ingfeld Flügstad Ostberg, che ha saltato l’intera stagione scorsa a causa di problemi di salute ed è ancora una carta incerta nel futuro.

READ  Sophie Hanson ha fatto la mossa ed è diventata una medaglia olimpica

Ma tra i giovani professionisti degli investimenti si parla ancora di lacune nelle conoscenze e carenze nella rete di sicurezza svedese. Joanna Ojala ha davvero messo in evidenza questo aspetto dieci anni fa quando era allenatrice di pattinaggio di livello liceale.

La cosa difficile è che è molto complesso, sia a livello sociale individuale che a livello sportivo. Si tratta di conoscere l’atleta, la madre, il padre e il leader. È incredibilmente diverso il modo in cui si allenano gli atleti adulti d’élite che vanno alle Olimpiadi e si avventurano rispetto a un bambino. Questa classificazione è importante da evidenziare, afferma Joanna Ojala, che continua:

– Quello che ho incontrato come coach sono stati pensieri e riflessioni di praticanti e studenti che avevano affrontato il problema in un modo o nell’altro – e poi sono arrivate le domande. A chi ci rivolgiamo? Le lacune di conoscenza sono molto grandi. Allora, dieci anni fa, ci siamo grattati la testa e ci siamo chiesti come affronteremo questa situazione.

foto 1 da 2
Frida Karlsson al Gala dello Sport nel gennaio 2020, un mese dopo essere stata sospesa dalle competizioni perché non soddisfaceva i requisiti sanitari dell’Associazione Svedese di Sci.

Foto: Kristen Olson/TT

foto 2 da 2
Ingvild Flugstad Østberg non partecipa ai Mondiali da marzo 2020.

Foto: Tori Meek/TT


Tra i pattinatori della nazionale juniores norvegese Chi non è riuscito a fare un passo nella squadra nazionale d’élite, il 67 per cento (10 su 15) degli intervistati nel sondaggio Dagbladet ha riferito di avere un disturbo alimentare. Uno dei più colpiti dalla malattia è stato Cecil Birkenaus, che oggi ha 61 anni.

READ  Phil Foden rompe con lui dopo aver salutato Mbappe

Birknas ha detto al giornale che era “in punto di morte”, che un medico ha detto che a 30 anni aveva lo stesso scheletro del 75enne e che non aveva mai incontrato nessuno con un grasso così basso.

– Ero sotto i 36 chili al mio peggio. non avevo vita. Non potevo fare nulla e volevo allontanarmi da tutto. lontano dalla vita. Mi riferivo a ciò che il corpo umano poteva sopportare. Bjerken ha detto e condiviso foto di se stesso Quando la situazione è più grave.

Secondo Dagbladet, la direzione della squadra nazionale in Norvegia ha introdotto una nuova attenzione alla dieta e al peso nel 1977.

– Le ragazze skate erano sane, ragazze norvegesi con corpi da ragazza normali. Abbiamo apprezzato i dolci e il buon cibo. Poi è arrivato il cambiamento nella squadra nazionale e la nuova gestione dell’altezza ha detto: “Se vuoi andare avanti, devi affilare e mangiare di meno”, ha detto al giornale l’ex pattinatore della squadra nazionale Tov Gritt Solheim e ha aggiunto:

– Tutti saranno più facili senza comprenderne le conseguenze.

foto 1 da 2
Anna Karin Stromstedt sarà una commentatrice esperta per il programma Winter Sports di Fiplay.

Foto: Emma Walskog/Bildberin

foto 2 da 2
Theodore Peterson ha concluso la sua carriera di pattinatore l’anno scorso e farà il suo debutto questo inverno come opinionista televisivo.

Foto: Emma Walskog/Bildberin.


Ne arriveranno altri due Visto sulla trasmissione radiofonica del gruppo Nent di questo inverno, la pattinatrice ed ex atleta di quartiere Anna Karen Strömstedt e Theodore Peterson hanno concluso le loro carriere sulla lunga distanza alla fine dello scorso anno. Strömstedt crede che bilanciare una dieta ragionevole e un livello di esercizio fisico sarà un tema ricorrente in questa stagione.

READ  Birch: una rappresentazione completa del disastro climatico di destra dell'Unione europea

– Sì, probabilmente non credo che verremo da quello. C’è stata molta attenzione su di lei negli ultimi mesi. Ciò che è scritto in Norvegia è in qualche modo evidenziato anche in Svezia ed è un argomento molto recente, di cui dobbiamo discutere e su cui torneremo, dice:

– È un problema molto oggettivo e attuale.

Sostiene che il problema è ben lungi dall’essere un fenomeno isolato nello sci di fondo.

Ci sono problemi nello sport, non solo nello sci di fondo ma anche in altri sport di fitness. Questo problema dovrebbe essere evidenziato. Questo è molto importante nelle malattie cardiache. L’intero sistema si basa sulla misurazione del consumo di ossigeno correlato al peso. È difficile dire se questo sia vero o falso, ma è così.

Sebbene il problema in Principalmente associato alle prestazioni atletiche femminili, Theodore Peterson, 33 anni, osserva che non è necessario rinunciare all’aspetto maschile e si compiace anche del fatto che i rischi per la salute di questo sport stiano emergendo.

Il problema c’era sempre. Sta arrivando solo ora, possiamo sperare che porti a qualcosa di positivo in modo che chi ha bisogno di aiuto possa ottenerlo, dice e aggiunge:

La dieta è fondamentale anche per noi uomini. Da parte mia, ho fatto un investimento abbastanza consapevole nella dieta per raggiungere un determinato peso per un dato giorno. È qualcosa su cui ho lavorato attivamente e ho ricevuto così tanto aiuto che non influisce sul resto della stagione o della carriera.