TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Frederik Reinfeldt lascia il VAR

Aggiornato 15.15 | Pubblicato 14.51

Il presidente della Federcalcio svedese, Fredrik Reinfeldt, fa marcia indietro rispetto all'introduzione del controverso sistema VAR nel calcio svedese.

– Non abbiamo avanzato alcuna proposta riguardo al VAR e non vedo nemmeno questa in futuro – dice Reinfeldt a Sportbladet.

Non ci saranno inoltre requisiti VAR da parte della UEFA.

Aumentano le richieste di dimissioni del presidente della Federcalcio svedese Fredrik Reinfeldt. Sia attraverso striscioni pubblicitari nelle sezioni permanenti del calcio d'élite, sia attraverso mozioni e decisioni nelle assemblee generali annuali delle federazioni.

Conflitto: nel marzo 2023, Reinfeldt ha affermato di ritenere che il VAR “sia il nostro futuro”.

Ma la situazione oggi è diversa. In diversi club d’élite i membri hanno votato contro il VAR, e ora due regioni calcistiche hanno fatto lo stesso. Inoltre, da marzo di quest'anno, Hammarby ha deliberato in occasione dell'assemblea annuale di deliberare sulla rimozione di Frederik Reinfeldt dalla carica di presidente del consiglio di amministrazione.

Frida Sundqvist intervista Fredrik Reinfeldt.

Il protagonista viene ricevuto presso la sede della Federcalcio svedese a Solna. Ci siamo seduti nella sala conferenze più grande della Cancelleria ed è stato subito chiaro che su questo tema c'era un tono molto diverso.

– Se conto bene, abbiamo diciotto club d'élite e due regioni che hanno dichiarato di non voler implementare il VAR. Lo rispettiamo. Per questo motivo nella precedente riunione del Consiglio dei rappresentanti non abbiamo presentato alcuna proposta sul VAR e non mi aspetto che ciò accada nemmeno in futuro, dice.

L'anno scorso hai detto che pensavi che il VAR fosse il nostro futuro. Ti stai attenendo?

– Sono disposto a rispettare le regole democratiche del gioco. Si è poi discusso della possibilità di stabilire dei requisiti in tal senso da parte della UEFA. Adesso non la penso così, con quello che ho sentito. Poi tocca a noi prendere le decisioni. “È chiaro come appare adesso”, dice.

Che aspetto ha adesso?

– I club e le decisioni da noi prese non vogliono introdurre questa particolare tecnologia.

Ha affermato Reinfeldt

Anche prima dell’intervista, potevi percepire che questa volta qualcosa era diverso.

READ  Philippa Cormark è la migliore in campo, poi Robert Villahamn voleva rivederla in nazionale.

Attraverso il direttore stampa della federazione, Frederik Reinfeldt ha risposto alle nostre domande sul VAR e sulla propria legislazione contro le maschere e i fuochi d'artificio sugli spalti. Invece di rispondere per iscritto, si è offerto di incontrarci per un colloquio. Il Presidente della SvFF ha concesso 20 minuti.

“Questa domanda è stata sollevata troppo presto…”

Dall'esterno sembra che sia stato un primo anno difficile come presidente del consiglio. Ciò è dovuto in parte al conflitto sul VAR e in parte alle critiche dei settori calcistici secondo cui Frederik Reinfeldt non ha abbastanza tempo per farlo.

Dice che ha tempo per affrontare il conflitto in corso.

– Sì, questa è la mia recensione. È importante sottolineare cosa significa essere eletti democraticamente. Un anno fa sono stato eletto per una possibile revisione o continuazione nel marzo del prossimo anno.

Ti candidi per la rielezione?

– La questione è stata sollevata molto presto, per il semplice motivo che era necessario un mandato di due anni. Ho fiducia e ho una missione.

Ma sensazione viscerale?

– Come ho detto, non dirò nulla al riguardo adesso. Ho un mandato di due anni in cui ho iniziato in una riunione sindacale descrivendo il lavoro di cambiamento su larga scala che io e altri avevamo implementato.

Gli chiedo come potrà porre fine al conflitto che ruota attorno a lui come persona. Dice che può solo provare a fare il suo lavoro. Successivamente, la grande sala riunioni si è riempita di alcuni secondi di silenzio.

“Nota l'onda ultrasonica.”

Quest’anno la situazione del sistema nelle partite della Superliga svedese, della Supercoppa svedese e della Coppa di Svezia è stata relativamente tranquilla. Ma l’anno scorso la violenza è scoppiata in diverse partite ad alto rischio. Così Frederik Reinfeldt ha più volte parlato della violenza che si verifica in relazione al calcio.

Ma poiché la situazione è tranquilla, vede bene il futuro e cita, tra l'altro, l'accordo tra i gruppi ultras maschili svedesi di non lanciare fuochi d'artificio sul campo, sugli arbitri, sui tifosi o in generale all'interno dello stadio.

– Ho preso atto dell'invito e dell'approvazione dei gruppi ultra e voglio assumermi questa responsabilità. “Penso che sia una buona cosa, ed è così che va avanti”, dice.

La settimana scorsa, il gruppo TiVo di Djurgården, Sofia TiVo, ha aperto le porte ai lettori di Sportbladet. I gruppi Tifo sono segreti e ai media è raramente consentito l'accesso.

READ  La foresta di Nottingham firma Buller e Buddy

-Tifuna è impressionante, molto ben realizzata e bella, e capisco che si sviluppino l'una contro l'altra. Fornisce un ottimo contesto per il calcio, afferma Fredrik Reinfeldt.

Ma c'è anche un argomento su cui non sono d'accordo: i fuochi d'artificio. Sofia Tivo, come altri gruppi Allsvenskan Tivo, crede che la canzone, Tivo, i Bengals e la società nel suo insieme, e che non si possa “raccogliere l'uvetta dalla torta”.

I bengalesi sono visti come uno dei più grandi stimolatori dell'umore nel calcio svedese.

-Puoi capire che puoi pensarci. Ho visto come l’uso di fuochi d’artificio e tornado venga spesso mostrato sui social media, e venga fatto in tutta Europa. Ma è anche importante dire che il calcio è di tutti. In questo senso vale anche per tutti coloro che sono in campo e per tutti coloro che seguono il calcio svedese in televisione. Poi c'è l'obiezione che i fuochi d'artificio creano una grande quantità di fumo e questo ritarda e ritarda l'inizio delle partite, dice Fredrik Reinfeldt.

L’ex primo ministro afferma che la Svezia lo ha fatto

Guarda Norvegia

Mentre il governo svedese sta indagando sulla possibilità di sanzioni più severe per le violazioni del divieto di nascondere e usare fuochi d'artificio, la Norvegia si sta muovendo in una direzione diversa ed esaminando la possibilità di un'esenzione al divieto di usare fuochi d'artificio sugli spalti. .

Ma se qualcosa del genere dovesse diventare realtà anche da noi, Frederik Reinfeldt, in qualità di presidente della Federcalcio, dovrà abrogare nel prossimo futuro la propria legislazione da quando era primo ministro. Può farlo?

La legislazione che vieta i fuochi d'artificio e le maschere sugli spalti svedesi proviene dal governo di Reinfeldt. Nei suoi primi mesi da Primo Ministro, all'inizio del 2007, il governo si è posto il compito di contrastare le interruzioni legate agli eventi sportivi e il crescente numero di divieti di accesso. I lavori sono culminati nel capitolo quinto del decreto legge. Fredrik Reinfeldt ha firmato il disegno di legge il 27 novembre 2008 e la modifica alla legge è entrata in vigore il 1 aprile 2009.

READ  La star della NHL Rasmus Dahlin vuole giocare ai Mondiali: "Grande passione"

– A proposito di quello che dici sulla Norvegia, guardiamo e seguiamo con interesse ciò che fanno gli altri paesi e manteniamo stretti contatti con gli altri paesi nordici, dice Reinfeldt.

Ma oltre a ciò, cercare di convincere Reinfeldt a parlare delle decisioni prese durante il suo mandato come primo ministro è un vicolo cieco. In precedenza aveva deciso di non rivedere il suo mandato come Primo Ministro.

– Spiega che questa non è una decisione che ho preso prima di questa intervista, ma piuttosto una decisione che ho preso più di dieci anni fa.

“È fantastico che così tante persone amino la squadra di calcio.”

Il disordine è un problema. La maggior parte di coloro che si comportano male sono mascherati, ma non vuole discutere di quanto sia efficace la legge nel combattere alcuni di questi fenomeni. Ma secondo Reinfeldt l’uso della violenza è la cosa più urgente da affrontare ed è positivo che i divieti di accesso aumentino.

– Abbiamo avuto molti disturbi? SÌ. Lo abbiamo avuto in ogni partita? NO. “Abbiamo avuto meno deragliamenti la scorsa stagione e condivido l'opinione che quest'anno sia stata più tranquilla”, afferma.

Conclude dicendo che il suo lavoro gli piace e che è interessante seguire l'evoluzione del calcio svedese.

– È meraviglioso che oggi in Svezia abbiamo tanti giovani che amano la squadra di calcio, la considerano la cosa più importante della vita e hanno un'identità ad essa associata. Non è questa la preoccupazione. La preoccupazione, dice Reinfeldt, è che altre cose possano accadere più gradualmente e, cosa più problematica, che favoriscano la violenza e che abbiano un impatto maggiore sulla società di quanto dovrebbero.

“Non cambia la mia risposta”

Abbiamo prenotato in 20 minuti. Trascorsi 30 minuti, il direttore stampa segnala che il tempo è scaduto.

Ma prima che Fredrik Reinfeldt lasci la sala conferenze, il direttore stampa chiarisce in questo articolo la verità di ciò che Reinfeldt ha affermato in un'intervista alla SVT lo scorso giugno. Il VAR è il futuro del calcio svedese.

Gli ho chiesto ancora se il VAR è il futuro del calcio svedese.

– Ricorda solo che il calcio svedese è anche la nazionale svedese e che i club svedesi si qualificano per le partite europee. Affronteranno il VAR. Ma questo non cambia le mie risposte sul rispetto dei principi democratici.

Squadre svedesi, dice Reinfeldt