TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Ecco come vengono organizzate le proteste in Europa: decine di migliaia si sono radunate questo fine settimana

Le proteste nei Paesi Bassi e in Austria sono state nei titoli dei giornali questo fine settimana, ma le proteste hanno avuto luogo altrove in Europa. In Danimarca, Croazia e altri in Irlanda del Nord.

– C’è un’incredibile stanchezza nei controlli – finanza, psicologia, comunità – Grazie al vaccino, c’era speranza che ora ci libereremo del contagio. Ora sembra che verrà introdotta una nuova ondata e nuove restrizioni, il che suscita la più grande delusione, afferma David Bodi, corrispondente europeo di SVT.

La percezione che le prove sui vaccini violino la libertà individuale è comune a molti movimenti di protesta che si stanno mobilitando in tutta Europa. Restrizioni mirate sui non vaccini in molti paesi sollevano controversie.

– Questo è già un problema di polarizzazione. Alcune persone pensano che sia totalmente folle dividere le persone in squadre A e B, mentre altri chiedono: “Perché dobbiamo rinchiuderci di nuovo perché alcune persone non vogliono essere vaccinate?” Pensaci. Ora ci sono più restrizioni sugli obiettivi per coloro che non sono vaccinati, quindi questo dibattito continuerà per tutto l’inverno, afferma David Bodi.

Olanda

Durante il fine settimana si sono svolte proteste in diversi luoghi dei Paesi Bassi contro l’aumento delle restrizioni coronariche che hanno portato a lesioni. 3 persone sono in cura in ospedale e 5 poliziotti sarebbero rimasti feriti. Più di 70 manifestanti sono stati arrestati in tutto il paese.

Leggi di più qui.

Irlanda del Nord

A Belfast, il 13 dicembre, centinaia di persone hanno protestato contro le restrizioni imposte dal governo. Tra l’altro è necessario essere in possesso di un certificato di vaccinazione per entrare in locali notturni, bar e ristoranti.

Croazia

Il DW riferisce che migliaia si sono riuniti a Zagabria. Molti dei manifestanti portavano bandiere, striscioni con simboli e slogan nazionali e religiosi.

Italia

Secondo i media italiani, questo fine settimana circa 3.000 persone hanno protestato nel centro di Roma al circo Massimo. I manifestanti si oppongono alla necessità di “passaporti verdi”, certificati di vaccinazione, ecc. in altri luoghi come luoghi di lavoro, trasporti pubblici, ristoranti e palestre. Alcuni dei manifestanti indossavano maschere.

Svizzera

Circa 2.000 persone hanno protestato sabato a Zurigo e da 1.000 a 1.500 attivisti si sono radunati a Losanna. Nessuno avrebbe dovuto essere ferito. Gli oppositori si oppongono alle fonti di vaccino. Il 28 novembre il governo svizzero voterà sulla proposta di nuova legge sulla corona.

Manifestazioni a Losanna, Svizzera, sabato 20 novembre. Foto: Fabrice Kafrini / AFP / DT

Danimarca

Sabato sera un migliaio di persone si sono radunate nel centro di Copenaghen. La maggioranza apparteneva al movimento degli uomini anti-neri e molti indossavano abiti e maschere neri. Le proteste includono un certificato di vaccinazione, che è stato richiesto per rientrare in molti luoghi dalla scorsa settimana. Questa settimana, le aziende Folketting voteranno se è possibile richiedere ai propri dipendenti di avere un passaporto Corona.

Belgio

Migliaia di persone si sono radunate domenica a Bruxelles per protestare contro le ultime restrizioni coronariche del Paese. Secondo l’AP sono stati sparati fumogeni e petardi, altrimenti la marcia, con l’obiettivo finale nel quartiere Ue, è filata liscia. Molti hanno anche protestato contro i piani per rendere obbligatorio il vaccino del governo 19. Secondo The Guardian, vi hanno preso parte 35mila manifestanti.