TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Come ci liberiamo della merda? |

Continuiamo a spargere fanghi nei campi per nutrirci o ci fermiamo a causa dei rischi di inquinamento e in piedi con una montagna di escrementi inutili? La questione di cosa dovrebbe accadere ai baci e alla cacca svedesi è stata implicata per oltre 20 anni.

Cosa dovremmo fare con tutte le feci?

La popolazione svedese produce 730.000 tonnellate di rifiuti ogni anno. Aggiungi anche 1,5-2 litri di qibla a persona al giorno e avrai una montagna di rifiuti con un lago annesso di cui occuparti. Non c’è da stupirsi che i danesi si siano sentiti obbligati a rilasciare una parte della loro lettiera al suono quando hai visto i numeri in bianco e nero.

Leggi di più: Quando la prossima settimana saranno smaltiti 290.000 metri cubi di acque reflue non trattate nell’area di Al Sout … (Sydsvenska dagbladet, 22 maggio 2020)

La Svezia non si è ancora sentita in dovere di inquinare il suono, ma manda un terzo di bacio e un tubo alle discariche, un terzo viene convertito in terreno edificabile e il rimanente terzo finisce nei campi come fertilizzante. Almeno questo è quello che eravamo soliti fare.

Avloppsslam. Immagine: US Fish and Wildlife Service, dominio pubblico

Dalle feci al compost

  • In natura, sono insetti e microrganismi che attaccano le feci e con l’aiuto di vari processi biologici formano altre sostanze. Quando gli escrementi non vengono più escreti, i vermi lo mangiano, il che a sua volta lo espelle come terra.
  • Di solito la cacca umana diventa terreno quando diventa per la prima volta fango di depurazione. Quando le acque reflue raggiungono un impianto di depurazione, l’acqua viene separata dai fanghi, che vengono poi digeriti con l’ausilio di microrganismi.
  • Il fango digerito viene “disidratato” e quindi assomiglia al suolo. Quando la qualità è assicurata e “pulita”, può essere utilizzata nei campi.
  • La maggior parte dei fanghi (circa l’85%) è costituita da minerali, sostanze chimiche e altri inquinanti che possono essere altamente tossici e pericolosi sia per l’uomo che per l’ambiente. Tra le altre cose, il fosforo viene estratto dai fanghi e viene prodotto il terreno da costruzione.

Ma con l’aumentare della consapevolezza ambientale, ci siamo resi conto che potrebbe non essere una buona idea mettere i fanghi, che possono contenere metalli pesanti dannosi per la nostra salute, direttamente nei campi. Inoltre, il fango contiene sostanze nutritive come fosforo, azoto e potassio. Materiali importanti per le colture, ma in quantità eccessive possono portare ad eutrofizzazione e acidificazione.

La questione se i fanghi di depurazione siano stati indagati più volte negli ultimi 20 anni e non oltre gennaio 2020, il governo ha presentato un altro rapporto. Proposte per la gestione sostenibile dei fanghi.

READ  "Scendere di nuovo richiede molto lavoro" - Ostrobothnia - svenska.yle.fi

L’indagine comprende due proposte, una delle quali include l’imposizione di un divieto totale alla proliferazione dei terreni coltivabili. Con ciò si riducono notevolmente gli utilizzi dei fanghi. La seconda prevede la combustione dei fanghi e quindi la restituzione del fosforo, afferma Eva Norlander, ricercatrice di tecnologia ambientale presso l’Università di Mallardalen.

Separa il bacio dallo sgabello

Non molto tempo dopo che le risposte della consultazione sono passate, le critiche possono essere divise in due campi: chi ritiene che la continua diffusione di fanghi di depurazione nei campi sia incoerente con le direttive ambientali e di salute pubblica, e chi ritiene che il divieto sia un ostacolo. Sull’economia circolare.

Tuttavia, ci sono opzioni che non sono né bianche né nere ma optano per un centrocampo grigio. Uno di questi è il riciclaggio dell’urina.

Il nostro obiettivo è restituire nutrienti vegetali all’agricoltura e la maggior parte di questi nutrienti, come l’azoto, si trovano nelle nostre urine. Oggi le piante vengono alimentate con fertilizzanti prodotti con energia fossile, ma vogliamo riparare l’azoto che è già presente separandolo e asciugando l’urina, e poi mettendolo sul campo, afferma Cecilia Lalander, ricercatrice di tecnologia di riciclaggio presso SLU .

Urina secca.

Poiché l’urina è composta al 90% da acqua, diventa facile da maneggiare se viene essiccata in modo che rimangano solo i nutrienti. Questo dovrebbe essere fatto con l’aiuto di una sorta di toilette a secco che schizza l’urina dal tubo in modo che le feci raggiungano l’impianto di trattamento (proprio come oggi) mentre la minzione finisce in un letto di drenaggio sotto o accanto al sistema di smistamento delle urine gabinetto.

– In questo modo, puoi continuare a utilizzare gli impianti di trattamento che abbiamo già, ma rimuovere il grande carico di azoto per essere più efficienti. Come accade oggi, molti impianti di trattamento stanno iniziando a raggiungere la loro massima capacità e questo significa che bisogna costruirne di nuovi, il che è molto costoso.

Attualmente, un prototipo per lo smistamento della toilette a secco si trova nel campus della SLU a Uppsala e un altro modello sarà installato a Malmö presso la sede centrale di VA-Syd. La speranza è che questo sistema sia intuitivo e semovente come l’attuale sistema fognario e che un impianto di trattamento municipale, invece di lavare l’urina, venga a raccogliere l’urina secca.

Fonte: Non lavare il corso Migliore gestione delle risorse nella fogna Annika Nordin, Cecilia Lalander, SLU

– Siamo assolutamente convinti che questo sia il futuro. Tuttavia, non è ancora pronto per l’implementazione diffusa, ma dopo la prototipazione sapremo a che punto siamo nello sviluppo.

READ  Avere freddo dopo un infarto non aumenta le possibilità di sopravvivenza

Tubo tondo – quando siamo pronti

Quando Cecilia Lalander non è coinvolta nei baci, è coinvolta in un altro progetto relativo ai rifiuti che prevede un attraente mix di feci, larve di mosca e mangime. O, soprattutto, si tratta di avanzi. I resti di cibo che le sue larve provengono dal tipo di mosca americana (Gnadochaeta si illumina), Che diventa quindi mangime, ad esempio, per pollame e pesce.

Tuttavia, gli avanzi possono facilmente essere escrementi umani perché le larve delle mosche, che possono aumentare di 200 volte il loro peso in due settimane, sono felici di farci festa. Il problema è che la nostra legislazione non consente alle larve di diventare mangime per animali se allevate con una dieta non vegetariana.

Poiché le larve di mosca sono animali da reddito, dovrebbero ricevere mangimi certificati anche se il loro cibo naturale è la lettiera. Questo perché dall’inizio della malattia della mucca pazza a partire dagli anni ’90, gli animali da reddito non sono stati autorizzati a nutrirsi di altri animali da reddito. Ma i rischi per la biosicurezza sono facili da controllare e sia i batteri che i virus vengono inattivati ​​nel processo.

Una mosca che trasforma le feci in cibo per animali

Mosca del fucile americano (Gnadochaeta si illuminaHa origine negli Stati Uniti meridionali ma si è diffuso nei climi caldi della Terra. La temperatura ottimale è di 27-35 gradi. Il gruppo di moscerini ha preso il nome non dal fatto che sono particolarmente bellicosi, ma dal fatto che hanno due punte posteriori sulla schiena. Una femmina può deporre poco più di 700 uova. Le uova si schiudono in larve, che si trasformeranno in una pupa dopo due settimane. Dopo altre due settimane, una mosca emerge dalla pupa di una settimana. La larva è composta da poco più del 40% di proteine ​​e poco più del 30% di grassi. Il vantaggio della mosca americana del fucile da caccia è che non mangia nulla da adulto. Ciò significa che non è interessato a ronzare intorno a bozzoli, ferite purulente e piatti di cibo. Come mosca, vuoi solo una cosa: creare nuove larve. Fonte: SLU

Da un punto di vista puramente tecnico, già oggi è possibile far mangiare alle larve le nostre feci e poi diventare cibo per gli animali che vogliamo mangiare noi stessi. Non riesco a trovare una definizione più chiara del termine stile di vita circolare. Tuttavia, leggi e regolamenti rendono impossibile questa soluzione.

Lo faccio dal 2011 e ho dovuto affrontare molti ostacoli. Ma molti sono interessati al sistema e vogliono iniziare a implementarlo su larga scala, il che è una cosa molto positiva. Quando la società è pronta per le soluzioni circolari necessarie per vivere su questo pianeta, noi siamo pronti, afferma Cecilia Lalander.

READ  Quando riceviamo la medicina per il virus Corona? | Medicina per il coronavirus: quando lo riceviamo?

Potrebbe diventare un tubo di carbone

Come Cecilia Lalander, Sebastian Schwede, ricercatore in tecnologia ambientale presso l’Università di Mälardalen, pensa che estrarre azoto da tutte le tonnellate di urina che noi esseri umani produciamo sia una buona idea. Ma invece di lasciare che le larve mangino le feci, suggerisce la carbonizzazione idrotermale, HTC, il che significa che il fango utilizzato per la digestione e la produzione di biogas viene successivamente sottoposto a una pressione che trasforma il materiale in carbonio.

Nella produzione di biogas, solo il 50% della materia organica viene scomposto, quindi abbiamo l’opportunità di catturare più azoto, fosforo e carbonio nel materiale simile al biochar che otteniamo. Quindi la quantità di rifiuti della digestione che deve essere spostata viene ridotta e vengono utilizzati materiali che possono essere restituiti al suolo.

Il resto può anche essere utilizzato per riscaldare i processi e gli edifici nell’impianto di trattamento o essere restituito per la digestione per produrre più biogas.
Tuttavia, uno dei problemi è che il punteggio di HTC è classificato come rifiuto, il che limita le aree di utilizzo. Anche in questo caso, è la legislazione che pone fine a questi metodi.

Leggi anche: Il biogas fecale fa bene all’economia e al clima

Carica il tuo cellulare con l’urina e altre soluzioni di scarto ragionevoli:

  • I ricercatori nel Regno Unito sono stati in grado di caricare un telefono cellulare utilizzando l’urina e i microbi elettrolitici. L’urina passa attraverso un gruppo di celle a combustibile microbiche che convertono l’urina in elettricità utilizzando il processo del metabolismo, guarda il filmato.
  • Nell’antica Roma, l’urina era usata come detergente e per lo sbiancamento dei denti. Fonte: Smithsonianmag.com
  • Fino al XVII e XVII secolo, l’urina veniva utilizzata anche per tingere indumenti e tessuti perché rendeva la tintura più strettamente correlata alla sostanza. Fonte: Smithsonianmag.com
  • I ricercatori dell’Università della Florida sono riusciti a estrarre 290 litri di metano da una raccolta di feci di astronauti per persona al giorno, che è teoricamente sufficiente per trasportare l’astronauta dalla base spaziale alla Terra. Fonte: sciencefocus.com
  • Nel 2015, i ricercatori statunitensi hanno scoperto frammenti di oro, argento e altri metalli preziosi nelle feci umane. Fonte: eurekalert.org.
  • Un altro studio dello stesso anno ha stimato la presenza di minerali per un valore di 13 milioni di dollari nei fanghi di depurazione degli Stati Uniti. Fonte: Pubblicazione ACS

Testo: Izabella Rosengren a nome di forskning.se