TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Sintomi mentali della malattia di Alzheimer –

La Svezia ha poco più di 100.000 persone con diagnosi di Alzheimer. I sintomi cognitivi combinati con livelli elevati di proteine ​​beta-amiloidi e tau fosforilata costituiscono la base per la diagnosi. Ma negli ultimi dieci anni, la teoria secondo cui i cambiamenti nell’umore e nel comportamento possono essere segni precoci di malattia con sintomi non ha ricevuto tanta attenzione scientifica quanto i sintomi cognitivi.

Ora, i ricercatori dell’Università di Lund, dello Skene University Hospital e dell’Unità di Medicina Cognitiva di Angelholm hanno studiato congiuntamente i complessi collegamenti tra sintomi mentali, proteine ​​di Alzheimer e sintomi cognitivi. Ciò è stato fatto nell’ambito dello studio di fama mondiale BioFINDER, guidato dal professor Oscar Hanson.

Lo studio ha esaminato 356 persone di età superiore ai 65 anni che non avevano problemi cognitivi all’inizio dello studio. Oltre ad analizzare l’amiloide-beta e la tau fosforilata nel liquido spinale, ogni due anni sono stati esaminati anche i livelli di ansia e apatia dei partecipanti, nonché la funzione cognitiva. I partecipanti allo studio sono stati seguiti per otto anni.

Sintomi mentali – a seguito di cambiamenti nel cervello

Analizzando i dati, i ricercatori hanno trovato un legame tra livelli elevati di beta-amiloide all’inizio dello studio e lo sviluppo futuro di ansia e apatia.

Moritz Johansson, uno studente di dottorato presso l’Università di Lund, medico presso l’Unità di Medicina Cognitiva dell’Angelholm Hospital e autore principale dello studio, spiega:

Il morbo di Alzheimer colpisce gran parte del cervello, comprese le aree che controllano le nostre vite emotive. Il nostro studio mostra che i sintomi mentali, proprio come i disturbi cognitivi, sono il risultato di cambiamenti nel cervello come risultato dell’accumulo di beta-amiloide.

READ  L'Organizzazione Mondiale della Sanità raccomanda gli inibitori dell'IL-6 nei casi gravi di COVID-19

I ricercatori hanno anche dimostrato che l’amiloide-beta guida lo sviluppo dell’apatia principalmente attraverso influenze dirette e che l’apatia è causata solo in misura limitata dal deterioramento cognitivo. Per quanto riguarda l’ansia, non è stata osservata alcuna associazione con cambiamenti cognitivi.

I risultati suggeriscono quindi che questi primi cambiamenti nella vita emotiva e nel comportamento nella malattia di Alzheimer costituiranno principalmente reazioni psicologiche alla ridotta capacità cognitiva. Invece, i risultati suggeriscono che l’apatia e almeno l’ansia derivano dall’accumulo patologico di alcune proteine ​​​​associate al morbo di Alzheimer, spiega Oscar Hanson, professore di neuroscienze alla Lund University e chief medical officer presso lo Skene University Hospital.

Sintomi psicologici come misure di esito alternative

I risultati significano anche che i sintomi mentali del morbo di Alzheimer possono essere utilizzati come misure di esito alternative negli studi di trattamento. In definitiva, questo potrebbe portare a un progetto di studio più efficiente, continua.

Uno studio precedente su BioFINDER suggerisce che la presenza di ansia o apatia negli anziani senza demenza può indicare un aumentato rischio di futuro declino cognitivo.

Nella fase successiva, sono necessari studi per chiarire come questi sintomi possano contribuire a una diagnosi clinica ben consolidata durante le prime fasi della malattia, e poi in alcuni casi forse anche prima che la cognizione sia compromessa.

Materiale scientifico:

Lo sviluppo di apatia, ansia e depressione negli anziani non con deficit cognitivo: implicazioni per la patologia di Alzheimer e il declino cognitivo..

Testo: Martina Svensson

L’articolo è stato precedentemente pubblicato come notizia dall’Università di Lund