TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Requisiti ambientali e salti d’auto hanno aperto la strada alla Ferrari

Lewis Hamilton è stato superiore per diversi anni, ma è stato sconfitto da Max Verstappen in una lotta serrata per il titolo l’anno scorso. Ora la Formula 1 ha un nuovo re nella Ferrari di Charles Leclerc.

Leclerc ha vinto la première in Bahrain e non è stato minacciato a Melbourne la settimana prima di Pasqua e quando il circo di F1 è arrivato a Imola, la casa stabile d’Italia, lui e il compagno di scuderia Carlos Sainz erano chiaramente tra i favoriti – per la gioia dei fan.

Ci sono diverse spiegazioni per il perché.

Charles Leclerc ha vinto la premiere in Bahrain e ha posto fine alla siccità della vittoria per la Ferrari.

Foto: Hassan Ammar/Associated Press

Mercedes ha preso il controllo Quando gli ibridi hanno debuttato nel 2014, fino allo scorso anno. Ma la Ferrari ha lavorato metodicamente per tornare al vertice.

Già nel 2019 la Ferrari aveva un motore potente, tuttavia i concorrenti dubitano. La FIA lo ha approvato ma ha dichiarato dopo ulteriori indagini che era discutibile se la Ferrari stesse seguendo tutte le regole. È stato raggiunto un accordo con la stalla. Non è stato annunciato esattamente come verrà penalizzata la Ferrari, ma si scopre che il motore nel 2020 e nel 2021 ha perso potenza.

Lo scrittore della BBC di Formula 1 Andrew Benson scrive che la scuderia sembrava già il 2022 come un’opportunità per riprendersi: “La premiere in Bahrain è la prova che il lavoro e l’attenzione hanno dato i loro frutti”.

Oltre alla F1 che introduce una nuova serie di regole relative all’aerodinamica, si applicano anche nuove regole sul carburante. Il carburante dovrebbe contenere il 10 percento di etanolo (rispetto al 5,75 in precedenza). Le scuderie dovettero adattare il proprio motore al nuovo carburante. La Ferrari, che l’anno scorso non era in corsa per il titolo, ha potuto concentrarsi fin da subito sulla sfida – alcuni esperti parlano di almeno tre mesi di vantaggio su Mercedes e Red Bull – e considerarla come il motore più potente del mondo. Quadrato.

Christian Horner, il Team Principal Red Bull stabile, ha molto a cui pensare, ma ha un atteggiamento

Christian Horner, manager del team Red Bull stabile, ha molto a cui pensare, ma ha un atteggiamento da “coppa mezza piena”: sappiamo di essere veloci, arriviamo solo al traguardo così…

Foto: Hasan Pratic/TT

Ferrari Red Bull Sembrava il più forte prima della stagione. La Red Bull ha dimostrato di poter rivaleggiare con la Ferrari in termini di velocità massima, ma l’affidabilità è un grosso punto interrogativo. Non importa se la macchina è veloce se non arriva al traguardo. Il campione del mondo, Max Verstappen, ha vinto il secondo incontro, ma ha dovuto interrompere due delle tre gare e la prima si è conclusa con Sergio Perez che non ha raggiunto il traguardo.

Dev’esserci un problema alla pompa benzina che ha costretto la mia Red Bull a fermarsi in Bahrain. Un altro problema tecnico del sistema di alimentazione ha afflitto Verstappen in Australia.

Davanti a Imola, sta giocando goffamente con la Ferrari, Christian Horner, direttore della scuderia Red Bull, ma trova incoraggiante che la scuderia sia, in fondo, il secondo giocatore più veloce e quindi il più vicino a recuperare.

La Mercedes ha altri problemi dalla Red Bull. Sono principalmente disturbati dal fenomeno della focena (che l’auto rimbalza in avanti), che li costringe a sollevare l’auto e quindi a perdere forza al suolo, perdendo velocità nel lungo periodo.

Leggi di più sulla punzonatura qui

La Formula 1 ha introdotto regole per la stagione 2021 che limitano i test in galleria del vento. Il sistema funziona un po’ come il draft, diciamo, NHL: le scuderie peggiori ottengono più tempo e le scuderie vincenti meno. Il fatto che la Ferrari abbia avuto alcuni anni magri in termini di risultati ha dato loro più tempo nel tunnel, che ora ha dato i suoi frutti.

Il motore Ferrari è il motore più potente in campo.  Anche Alfa Romeo e Haas hanno motori Ferrari sotto il cofano.

Il motore Ferrari è il motore più potente in campo. Anche Alfa Romeo e Haas hanno motori Ferrari sotto il cofano.

Foto: T.T

La Ferrari è la scuderia Ha vinto il maggior numero di titoli mondiali (16) e il maggior numero di vittorie (240) nella storia della Formula 1. Ma negli ultimi anni non è stato in grado di sfidarsi seriamente: ha vinto l’ultimo titolo di designer nel 2008.

E prima della stagione in corso di Formula 1, la vittoria di Sebastian Vettel a Singapore il 22 settembre 2019 è stata l’ultima vittoria della Ferrari.

Ora, Leclerc e Sainz hanno segnato 104 punti con la Ferrari e hanno lasciato i rivali rivali molto indietro nella classifica di Coppa del Mondo.

– Un ottimo modo per iniziare la stagione, ma dobbiamo ricordare che abbiamo disputato solo tre gare, quindi è troppo presto per pensare al titolo mondiale. Ma abbiamo anche un’auto forte e affidabile”, ha detto Leclerc dopo la gara in Australia.

A Camp Red Bull, è stato ancora più frustrante.

Sembrava un secondo posto facile ma non abbiamo concluso la gara. Verstappen ha detto: “Sapevamo che c’era un problema… ma se vogliamo lottare per il titolo, non deve succedere”.

Con un'auto già stabile e funzionante, il meccanico Ferrari può concentrarsi sull'artigianato piuttosto che su grandi cambiamenti.  Galleria fotografica.

Con un’auto già stabile e funzionante, il meccanico Ferrari può concentrarsi sull’artigianato piuttosto che su grandi cambiamenti. Galleria fotografica.

Foto: Sergei Grits/AP

Hai fatto davvero bene Con l’auto, la Ferrari gioca nelle sue mani in molti modi.

● Sistemi motore congelati. Il 1° marzo, le possibilità della F1 di continuare lo sviluppo del motore si sono bloccate (tuttavia, lo sviluppo di alcune parti potrebbe continuare fino alla prossima data di blocco a settembre). Ciò significa che le scuderie possono correggere cose che hanno a che fare con affidabilità e sicurezza, ma non dovrebbero aumentare le prestazioni del motore. Il blocco è valido fino alla stagione 2025.

● Il tetto del budget è di 140 milioni di dollari. Nonostante il fatto che l’anno scorso Mercedes e Red Bull siano arrivate prime e seconde, ottenendo così la maggior parte dei profitti, non hanno potuto spendere il più possibile in possibili soluzioni tecniche ai loro problemi quando il tetto del budget per quest’anno è stato ulteriormente abbassato di 5 milioni di dollari.

● Continuità. Sapere che le cose stanno funzionando offre il vantaggio di non dover apportare grandi modifiche all’auto tra una gara e l’altra. Rende più facile per i conducenti che non devono riadattarsi più e più volte.

Claudio Albertini, IN Da Ferrari Operations Manager, in un’intervista a autosport.com La scuderia ha la fortuna di poter concentrarsi sulla finezza, poiché il piano terra dello scorso anno sta chiaramente funzionando.

Dice che la scuderia sta lavorando con programmi di sviluppo paralleli e che la pavimentazione è fondamentale con le nuove normative aerodinamiche, ma è anche la chiave per ridurre il peso. E che anche il limite di budget ha un ruolo per loro.

– Dobbiamo stare attenti perché ogni aggiornamento che non funziona è anche uno spreco di denaro.

Il direttore della scuderia Mercedes, Toto Wolff, ammette che la scuderia ha molto da fare quando si tratta della nuova vettura, ma è fiducioso nella loro competenza.

Il direttore della scuderia Mercedes, Toto Wolff, ammette che la scuderia ha molto da fare quando si tratta della nuova vettura, ma è fiducioso nella loro competenza.

Foto: Diederik Van Der Laan / TT

Oltre ad una vettura tecnicamente funzionale La Ferrari ha un altro asso nella manica: la migliore coppia di piloti della Coppa del Mondo, secondo l’esperto di F1 di Viaplay Björn Wirdheim, che ha anche elogiato il lavoro sull’auto per il DN pre-stagionale:

La Ferrari ora sembra molto equilibrata e facile da guidare.

In vista del futuro, la Ferrari per la stagione 2019 ha ricucito l’allora promettente Charles Leclerc, un talento che era stato a lungo considerato il calibro di un campione del mondo. E Carlos Sainz ha un nome da prendere (anche se papà ha preso i suoi titoli WRC), portarlo via dalla McLaren è stato considerato da molti una mossa di successo.

Mentre Leclerc ha trovato rapidamente la sua strada nella nuova vettura, Sainz ha dovuto lottare di più, ma quando lo spagnolo si sente a suo agio, c’è del capitale risparmiato lì per raccogliere più punti Ferrari.

Ma il campione in carica Mercedes non si è arreso. Il manager della scuderia Toto Wolff dice: Racingnews365.com Conoscono le aree che possono migliorare e altre che non hanno ancora esplorato completamente. Ma questa simulazione mostra che l’auto ha il potenziale per essere un secondo più veloce al giro.

– Dobbiamo solo concentrarci su noi stessi. La squadra è sempre la stessa che ha vinto molti campionati.

READ  Soldi enormi quanto MFF