TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La compressa è stata testata contro la malattia di Covid in Svezia

Molnupiravir è un farmaco antivirale, sviluppato negli USA, che grazie al suo effetto antivirale può ridurre il rischio di sviluppare una grave malattia con covid-19.

Il farmaco, che viene somministrato in forma di pillola, è stato sviluppato ancor prima della pandemia con l’obiettivo di inibire i virus a RNA, sia il virus Corona che altri virus influenzali. Tuttavia, con l’epidemia, gli studi sull’effetto del farmaco contro COVID-19 sono stati accelerati.

La fase finale dell’indagine è ora in corso Dove il farmaco viene testato su pazienti in diverse parti del mondo, compresa la Svezia, qualcosa del genere Göteborg-Posten Sii il primo a segnalare.

L’idea è di interrompere precocemente la replicazione del virus, pensiamo, per ridurre il rischio di sviluppare una malattia grave, afferma Magnus Gisslén, medico capo della clinica delle infezioni a Sahlgrenska e ricercatore capo dello studio in Svezia su DN.

Tuttavia, sono coperte solo le persone maggiormente a rischio di malattie gravi a causa del virus Covid-19, ovvero le persone di età superiore ai 60 anni e le persone più giovani con fattori di rischio come cancro, obesità, diabete e malattie polmonari. Parte del motivo, dice Magnus Gisslén, è perché queste persone traggono il massimo beneficio dal trattamento, ma anche perché rende lo studio più efficace.

Tra i 30enni sani, c’è una piccolissima percentuale che si ammala così gravemente da finire in ospedale e dice che ci vorrebbero anche molti pazienti per leggere l’effetto del farmaco e ci sarebbe voluto molto più a lungo.

Anche molnupiravir deve essere usato rapidamente, mentre le quantità di virus sono ancora elevate: se il sistema immunitario ha avuto il tempo di iniziare, potrebbe essere troppo tardi. Pertanto, il farmaco viene somministrato all’inizio del ciclo, cinque giorni dopo la comparsa dei primi sintomi del paziente.

READ  8 su 10 hanno ancora gli anticorpi del coronavirus dopo un anno

In un altro studio, quest’ultimo è stato somministrato a pazienti ricoverati e non c’era abbastanza effetto, dice Magnus Gisslén.

“L’epidemia ha messo in luce il fatto che ci manca il tipo di farmaco antivirale efficace contro il virus Corona, ad esempio”, afferma Magnus Geslin, medico capo del Sahlgrenska University Hospital e professore all’Università di Göteborg.

Foto: Ingrid Geslin

Le prossime settimane Alle persone che risultano positive al covid-19 che rientrano nell’ambito dello studio verrà chiesto se desiderano provare il farmaco. Chi dice di sì avrà una prima visita alla clinica in questione e poi continuerà a prendere le compresse a casa: una al mattino e una alla sera per cinque giorni. La metà di loro è stata assegnata in modo casuale alla nuvola di piravir e la metà ha ricevuto un placebo.

Il fatto che il trattamento sia per lo più preso a casa è uno dei principali vantaggi del farmaco, afferma Magnus Geslin.

La terapia con le compresse è fondamentale se vuoi essere in grado di somministrarla più ampiamente alle persone a casa. Sono disponibili altri medicinali, ma richiedono un’iniezione e non sono qualcosa che i pazienti possono assumere da soli. Quando i pazienti sono così malati da aver bisogno di cure ospedaliere, di solito è troppo tardi per questo tipo di farmaco antivirale.

La capacità di fornire cure a tutti gli interessati. Piuttosto, dice Magnus Gislen, il problema è restare con le persone.

Questo va avanti da diversi mesi e sfortunatamente ci è voluto molto tempo prima che tutto iniziasse. Se fossero passati due mesi da quando abbiamo avuto una diffusione così ampia dell’infezione, saremmo stati in grado di reclutare persone rapidamente. Fortunatamente, la prevalenza dell’infezione diminuisce drasticamente, soprattutto tra gli anziani vaccinati.

Allora qual è il punto di studiare ora?

È una domanda correlata, ma sono convinto che questo tipo di medicinale sarà necessario anche in futuro. La vaccinazione non eliminerà questa infezione, ma dovremo convivere con Covid-19 per molto tempo, anche se il numero di casi sarà probabilmente molto inferiore a quello che è ora. Magnus Geslin dice che se si rivelasse efficace, potrebbe anche fungere da contingenza per future epidemie virali.

Continua:

L’epidemia ha messo in luce il fatto che ci manca, in quanto si tratta di un tipo di farmaco antivirale efficace contro il virus Corona, ad esempio. Se avessimo questo farmaco, avremmo avuto altre opportunità per rallentare l’epidemia prima della vaccinazione.

Lo sappiamo?

– No, non lo sappiamo. Molnupiravir funziona molto bene in una provetta e ha avuto un buon effetto negli studi di fase 2. Ma è necessario uno studio di fase 3 per dimostrare che funziona davvero e che non causa effetti collaterali gravi.

Finora, secondo Magnus Geslin, non ci sono dubbi su gravi effetti collaterali. Ma indica che sono necessari studi più ampi per essere veramente sicuri.

Finora non c’è nulla di cui preoccuparsi, ma è difficile saperlo. Quindi, è anche importante confrontare gli effetti collaterali con il placebo ed eseguire rigorosi controlli di sicurezza.

Lo studio è in corso All’inizio dell’autunno. Se tutto va bene, Magnus Gisslén pensa che molnopiravir possa iniziare ad essere utilizzato come farmaco approvato all’inizio del 2022.

Già all’inizio dell’anno, ma più probabilmente in primavera, dice.

Leggi anche: è in corso una compressa anti-covid-19 – potrebbe essere approvata quest’anno

Leggi altre notizie dalla Svezia occidentale qui.