TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Cliente su Brael: "Come uno struzzo mettono la testa nella sabbia"

Cliente su Brael: “Come uno struzzo mettono la testa nella sabbia”

Il doppio delle persone ha segnalato problemi con le celle solari al Public Complaints Board finora quest’anno durante tutto l’anno.

Dopo una chiesa medievale Stile Romansky, giri a sinistra in una strada che non ha nome. C’è la casa di nuova costruzione: rossa con dettagli bianchi. Anatoly Dunovitsky sorride e spiega che avrebbe dovuto essere così perché la trama è su un terreno culturale.

Due anni fa lui e la sua famiglia si sono trasferiti qui da un appartamento a Uppsala. Già nei disegni della casa vengono progettati i pannelli solari. La casa rimarrà con il lato lungo rivolto a sud e il tetto con un angolo di 26 gradi, il tutto per massimizzare la produzione di elettricità dalle celle solari previste.

È redditizio e allo stesso tempo fa bene al clima.

Da maggio 2020, l’impianto è stato installato e messo in servizio.

I pannelli funzionano bene e producono elettricità, ma in una giornata di sole sovraccaricano la pompa di calore della casa, che non può funzionare a pieno regime.

Foto: Elaine Oberg

Con la prima metà dell’anno Il consumo di elettricità come base, Anatoly ha stimato che ci sarebbero voluti dieci anni prima di recuperare l’investimento di 150.000 corone svedesi. Ma quando ha riassunto il suo consumo di elettricità, ha notato qualcosa di strano.

È una nuova casa con buoni materiali e isolamento, e il consumo dovrebbe essere basso ma superiore a quello che dovrebbe essere.

Perché l’ha capito solo a marzo di quest’anno, quando la pompa di calore si è rotta ed è venuto un tecnico a ripararla.

– Quando ha guardato, ha detto: A proposito, hai un sovraccarico qui.

Il tecnico ha spiegato che in una giornata di sole, quando le celle solari producono molta elettricità, il contatore della pompa di calore della casa mostra un sovraccarico. Per motivi di sicurezza, la pompa di calore non funziona automaticamente al massimo, ma spruzza aria calda sulla strada fuori casa. In una soleggiata giornata invernale può succedere che anche se le celle solari producono molta elettricità, la pompa di calore non la utilizzi, ma la normale elettricità che la famiglia deve acquistare per riscaldare la casa.

Il tecnico ha riparato la pompa di calore, che aveva un malfunzionamento completamente diverso, estraneo alle celle solari. Ma cosa c’era di sbagliato nell’installazione delle celle solari, né Anatoly né il tecnico potevano vedere. Ma vedono che il sovraccarico si verifica solo quando le celle solari funzionano.

A quest’ora È passato quasi un anno dall’installazione di Brael. È un’azienda che non ha elettricisti e installatori propri ma li noleggia dall’estero. Tuttavia, è con Brael che il cliente, cioè Anatoly, ha l’accordo.

Secondo Anatoly, l’installazione è stata eseguita da un elettricista che prima ha preparato e poi dall’installatore che ha installato e collegato i pannelli. Da allora non c’è stato nessuno. Quindi nessun elettricista ha verificato la sua forma a installazione completata.

Anatoly ha chiamato Braille e ha chiesto loro di risolvere il problema. Mi hanno risposto che avrebbero chiamato un coordinatore che sarebbe tornato in pochi giorni. Ma i giorni passavano. Dopo aver atteso due settimane, invia un promemoria. Poi un altro sollecito, l’ultimo, a metà aprile. Secondo Anatoly, Braille non ha mai risposto all’ultimo sollecito ea giugno ha presentato una relazione al Consiglio dei reclami pubblici (ARN).

E non era solo in questo. Finora quest’anno, ARN ha ricevuto altri 22 casi riguardanti celle solari, oltre ad Anatolys. Può essere paragonato ai dieci dell’anno scorso e ai tre del 2019.

L’aumento delle notifiche è probabilmente correlato all’aumento delle installazioni, che a sua volta è dovuto principalmente a due cose, secondo Elaine Larsson, analista di energia rinnovabile presso l’Agenzia svedese per l’energia:

In parte è attraente per le persone immaginare che stanno producendo la propria elettricità e che viene prodotta in modo sostenibile. In secondo luogo, il costo dell’investimento è diminuito, quindi non è così costoso per gli individui costruire un impianto fotovoltaico come avrebbe potuto essere dieci anni fa.

Ma, con più infissi, ci sono più opportunità di contenzioso. In questo caso, dovrebbe risultare che Brael ha un’immagine completamente diversa di quello che è successo ad Anatoly.

– Siamo usciti con lui in diverse occasioni e abbiamo fatto sondaggi su cosa abbiamo installato e come l’abbiamo installato. Poi c’è il limite di responsabilità, afferma Alexander Widmark, CEO di Brael.

Dice che è stato dimostrato che l’installazione è stata eseguita correttamente e che l’azienda lo ha informato ad Anatoly. Brael non è responsabile per il malfunzionamento di una pompa di calore.

Vendiamo soluzioni di celle solari chiavi in ​​mano, il che significa che i clienti ci assumono per progettare e installare un sistema e collegarlo ai quadri di casa. È nostra responsabilità e dovere garantire che l’installazione e la consegna vengano eseguite in modo corretto e ordinato.

DN ha chiesto ad Alexander Widmark di programmare una visita e una base per una conversazione in corso con Anatoly, ma non l’abbiamo ricevuta.

Si ritiene che l'installazione delle celle solari non sia corretta, ma l'azienda che le ha installate non è d'accordo.  Il caso è ora all'esame della Commissione per i ricorsi pubblici.

Si ritiene che l’installazione delle celle solari non sia corretta, ma l’azienda che le ha installate non è d’accordo. Il caso è ora all’esame della Commissione per i ricorsi pubblici.

Foto: Elaine Oberg

ancora oggi Anatoly, dice, non è stato in contatto diretto con il Braille dalla sua ultima email ad aprile. Hanno risposto all’ARN di non essere responsabili e ora entrambe le parti stanno aspettando una decisione. Ma ad Anatoly è stato detto che a causa del fatto che l’ARN ha tempi di attesa molto lunghi al momento, potrebbe volerci fino a dicembre prima che venga presa una decisione.

– E poi risolveranno il problema. Potrebbe non essere fino al prossimo anno, dice. Se succede qualcosa!

La decisione dell’ARN non è obbligatoria ma dovrebbe essere considerata una raccomandazione, ma Alexander Widmark afferma che se si scopre che Brael ha fatto qualcosa di sbagliato, lo risolverà.

Anatoly esce in giardino per mostrare i pannelli. Erba completamente priva di alberi per mantenere l’ombra dalla superficie. Tutto è costruito allo scopo di far funzionare al meglio le celle solari. Dice che sta considerando di assumere un elettricista lui stesso, perché sta perdendo soldi perché è così com’è ora. Pensa che sia un peccato che il Braille non si occupi del suo caso.

Come uno struzzo, mettono la testa nella sabbia.

READ  L'aumento della migrazione della forza lavoro potrebbe rilanciare la crescita economica della Finlandia