TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Una famiglia in lutto bombardata in Iran

Dall’Iran continuano a giungere notizie di brutali violenze e uccisioni di manifestanti. Sabato, Hengaw menziona che almeno tre persone sono state uccise dai proiettili delle forze di sicurezza nella regione del Kurdistan.

A Bukan, nell’Iran nordoccidentale, secondo Hengao, i membri della famiglia in lutto di un manifestante ucciso nei giorni scorsi sono stati uccisi dalle forze di sicurezza in connessione con la furiosa ondata di proteste nel Paese.

Hengaw ha scritto: “La scorsa notte, dopo che le forze delle Guardie rivoluzionarie iraniane hanno attaccato l’ospedale Martyr Golipur a Bukan, hanno rubato il corpo di Shahryar Mohammadi e lo hanno seppellito segretamente”. su Twitter.

– L’organizzazione ha detto ad AFP che queste forze hanno aperto il fuoco sulla sua famiglia, ferendo almeno cinque persone.

Emissione di condanne a morte

Gruppi per i diritti umani e familiari dei manifestanti uccisi hanno ripetutamente accusato le forze di sicurezza iraniane di aver rubato i corpi e di averli seppelliti segretamente per evitare proteste durante i funerali dei manifestanti.

Secondo le organizzazioni che hanno seguito le proteste in Iran, diverse centinaia di persone sono state uccise durante i due mesi in cui le proteste sono continuate. Si dice che decine di migliaia siano stati arrestati e fino a dieci manifestanti siano stati condannati a morte.

Secondo l’Organizzazione iraniana per i diritti umani (IHR) con sede a Oslo, i manifestanti sono stati uccisi in almeno 22 delle 31 province iraniane.

All’ondata di protesta sono stati associati vari nomi. La prima è stata Mahsa Zeina Amini, una donna di 22 anni morta a settembre sotto la custodia della polizia morale a Teheran e la cui morte ha scatenato le proteste.

READ  Lava a La Palma in riva al mare

Un bambino di nove anni è stato ucciso

Uno degli ultimi nomi che ha gettato benzina sul fuoco della protesta criticando il regime è Kian Pervalak, Scrive per il Washington Post, un bambino di nove anni sepolto venerdì nel sud-ovest dell’Iran. Le autorità iraniane hanno affermato che è stato ucciso da “uomini armati non identificati su una motocicletta”, ma la famiglia del ragazzo sostiene che sia stato ucciso dalle forze di sicurezza in borghese.

Venerdì sono circolate immagini di come i manifestanti hanno dato fuoco alla casa d’infanzia del fondatore della Repubblica islamica, l’Ayatollah Khomeini. Le immagini, verificate dall’agenzia di stampa francese, mostrano come la casa abbia preso fuoco al passaggio di folle di persone giubilanti.

Si dice che Khomeini sia nato in una casa di Khomein – la città da cui ha preso il soprannome – all’inizio del secolo.

La più grande ondata di proteste che ha scosso l’Iran da anni è iniziata con la morte della 22enne Mahsa Zeina Amini.

Amini, una donna curda del nord-ovest dell’Iran, è stata arrestata dalla polizia morale a Teheran il 13 settembre per presunto non indossare correttamente il velo.

Amini è stata portata in ospedale dopo essere crollata e aver subito quello che la polizia ha descritto come un attacco di cuore, qualcosa contestato dalla famiglia della 22enne, che sostiene che abbia subito un trauma contundente alla testa. Il 16 settembre Amini è morto in ospedale dopo essere caduto in coma.

Al funerale di Amini nella sua città natale sono scoppiate proteste spontanee che si sono poi trasformate in una manifestazione in cui le donne si sono tolte il velo e hanno scandito slogan. Le proteste si sono rapidamente diffuse in tutto il paese, nella maggior parte delle 31 province iraniane. In molte occasioni le manifestazioni sono state represse con brutale violenza dalle forze di sicurezza del regime.

READ  Nazioni Unite: non ci sono prove che la principessa Latifa sia viva