TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Un quadro più chiaro degli effetti delle nuvole sul clima fornisce scarse informazioni sul futuro della Terra

Un grande punto interrogativo nella ricerca sul clima è come la formazione delle nuvole influenzerà il riscaldamento globale. Un nuovo studio dà un messaggio deludente.

Gli attuali modelli climatici offrono risposte molto diverse alla domanda fondamentale del nostro tempo: quanti gas serra possono essere emessi prima che il riscaldamento globale abbia conseguenze così disastrose?

L’incertezza è in gran parte dovuta alle nuvole. Servono come una sorta di fastidioso fastidio nei calcoli avanzati per i modelli climatici, perché le nuvole possono avere sia un effetto di raffreddamento che di riscaldamento a seconda di quanto sono dense e dell’altitudine a cui si formano. Queste caratteristiche, a loro volta, sono influenzate dal riscaldamento globale.

ferma la radiazione termica heat

In poche parole, le nuvole sottili, alte e simili a piume hanno un effetto riscaldante, poiché consentono la luce solare a lunghezza d’onda corta e quindi impediscono alle radiazioni di calore a onde lunghe di rimbalzare nello spazio. Invece, le nuvole cumuliformi simili a cavolfiori a quote più basse hanno un effetto rinfrescante, perché riflettono direttamente più luce solare.

Leggi di più: Record di giugno caldo del Nord America: “Queste ondate di calore non accadono nel vuoto”

Ma mettere insieme tutto questo in un effetto combinato dell’intera Terra era così difficile da decifrare.

Ora, i ricercatori dell’Imperial College di Londra e dell’Università dell’East Anglia hanno utilizzato un nuovo metodo in cui l’IA ha cercato schemi in quasi 20 anni di osservazioni satellitari globali di nuvole, legate ai dati meteorologici, tra le altre cose, la temperatura e aria. pressione, condizioni del vento e umidità.

Outlook più sicuror

I risultati, pubblicati sul Journal of the American Academy of Sciences PNAS, mostrano che la formazione totale di nubi sulla Terra potrebbe aumentare l’effetto serra e quindi contribuire ad un aumento del riscaldamento globale.

Leggi di più: Nuove infrastrutture di ricarica necessarie per raggiungere gli obiettivi del pacchetto climatico dell’UE

“I nostri risultati significano che possiamo fare previsioni più affidabili e avere un quadro più chiaro di quanto grave sarà il cambiamento climatico in futuro”, ha commentato uno dei ricercatori in un comunicato stampa.

READ  Variabile delta: soffrono di più

I ricercatori ritengono che i loro risultati consentano di calcolare in modo più accurato la cosiddetta sensibilità climatica, una misura di quanto ci si aspetterebbe che la temperatura media della Terra aumenti se il contenuto di anidride carbonica dell’atmosfera raddoppiasse rispetto ai tempi preindustriali. volte. Secondo l’ultimo rapporto dell’IPCC del Comitato per il clima delle Nazioni Unite, la sensibilità climatica termina da qualche parte nell’intervallo 1,5-4,5 gradi Celsius. Nel loro nuovo studio, i ricercatori hanno circoscritto la sensibilità climatica a 3,2 gradi Celsius, scrivendo che è “molto improbabile” che la sensibilità climatica sia inferiore a 2 gradi Celsius.

Leggi di più: Ecco come la pandemia ha peggiorato le previsioni del tempo nel mondo

Oggi, il contenuto medio di anidride carbonica nell’atmosfera è di circa 420 parti per milione (parti per milione). In preindustriale era di circa 280 ppm. Il gruppo di ricerca ha scritto che se l’attuale tasso di emissione non fosse rallentato in modo significativo, questo livello potrebbe essere già raddoppiato entro la metà di questo secolo.