TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il socialista vince nel Paese delle materie prime: battute d’arresto per Borsa e colossi cinesi

Il socialista Pedro Castillo diventa il prossimo presidente del Perù. A quanto pare lunedì l’autorità elettorale del paese ha dichiarato la sua vittoria.

Il mercato azionario e le compagnie minerarie cinesi temono le sue politiche.

Il messaggio sta arrivando Un mese dopo le elezioni. Il motivo è che l’autorità elettorale JNE ha indagato sulle accuse di brogli elettorali dell’avversario conservatore di Castillo alle elezioni, Keiko Fujimori. JNE ora afferma di non aver trovato prove di gravi manomissioni vocali. Invece, JNE ha riferito che Castillo ha vinto il 50,1 percento dei voti, un sovrappeso con 44.000 voti.

Fujimori ha annunciato di aver accettato la decisione dell’autorità elettorale, ma ha comunque ritenuto che Castillo avesse vinto “illegittimamente”.

“Confermo i risultati delle elezioni perché è quello che dicono la legge e la costituzione”, ha detto Fujimori lunedì.

Pedro Castillo si è rallegrato dopo la notizia della sua vittoria elettorale.

“Grazie al popolo peruviano per questa vittoria storica”, ha scritto martedì sera su Twitter.

I canti si imparano a malapena La borsa di Lima, che è in forte calo da quando è emerso all’inizio di giugno che Castillo aveva guidato di poco la campagna elettorale, si sta spaccando. I prezzi hanno continuato a scendere negli ultimi giorni.

Si ritiene che la fuga di capitali dal Perù abbia acquisito slancio dopo che la presa del potere del politico di sinistra è diventata nota, poiché l’élite economica del paese temeva la politica di Castillo.

“Tutti i miei amici hanno trasferito i loro soldi all’estero e non conosco nessuno che non abbia ritirato i loro soldi”, ha recentemente commentato un avvocato di Lima che è membro di diversi consigli di amministrazione di grandi società.

Certo, la valuta peruviana, il sole, ha oscillato parecchio, ma oggi ha all’incirca lo stesso valore rispetto al dollaro del giorno delle elezioni all’inizio di giugno.

All’interno del paese principale L’estrazione mineraria è una preoccupazione della proposta di Pedro Castillo per tasse più severe. Richiede una proprietà del governo molto più elevata sulla grande estrazione mineraria del paese. Si ritiene che la quota statale dei profitti delle compagnie minerarie dovrebbe raddoppiare fino al 70%.

Ciò non influirà sui giganti minerari cinesi, che hanno una grande rappresentanza in Perù. Il 27% del fabbisogno di rame della Cina viene estratto in Perù.

Le società cinesi sono le più grandi dell’industria mineraria peruviana. La MMG cinese, ad esempio, ha investito l’equivalente di 85 miliardi di corone svedesi nella miniera di rame peruviana di Las Bambas, nel sud del Perù.


READ  La minaccia della carestia nel Tigray, in Etiopia, è tanto grave quanto lo era durante i concerti Live Aid.