TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Tariq 24: Grazie a Dio eravamo vivi

Migliaia di persone sono scese nelle strade di Gaza venerdì per celebrare il cessate il fuoco tra Israele e Hamas. Tariq Abu Halima è stato uno di quelli che ha lasciato la sua casa per la prima volta in diversi giorni, ma si è riconosciuto a malapena.

Tariq Abu Halima, 24 anni, vive con la sua famiglia nella Gaza controllata da Hamas.immagine: Privato / TT

– Le strade si sono mescolate insieme, sono completamente cambiate dopo i bombardamenti, dice il ricercatore letterario 24enne al TT.

Tariq Abu Halima, che vive a Gaza con la sua famiglia, descrive un misto di forti emozioni dopo il cessate il fuoco di venerdì tra Israele e Hamas.

È stata una sensazione di profonda tristezza per tutti coloro che sono morti negli attacchi, ma allo stesso tempo eravamo contenti di essere sopravvissuti, dice.

Era la prima volta in diversi giorni che lasciava la sua casa e incontrava altre persone.

Abbiamo festeggiato e ci siamo presi la mano e abbiamo ringraziato Dio per essere vivi.

Allo stesso tempo, aveva problemi a conoscere se stesso.

– Ho quasi perso un po ‘. Molte strade hanno perso le loro caratteristiche dopo i bombardamenti e hanno perso ciò che le rendeva distintive, dice Tariq Abu Halima.

Tuttavia, molti altri rimangono a casa, anche dopo il cessate il fuoco. Dice che sono ancora sotto shock.

Per altri versi, tutto è, in una certa misura, lo stesso.

Ieri siamo andati al mercato e abbiamo comprato verdure e simili. Poi sembrava che la vita fosse tornata alla normalità quasi istantaneamente. Allo stesso tempo, molti negozi e mercati non sono più in uso. Dice che molte cose sono andate perse.

READ  Sindrome cardiaca post-vaccino più comune del previsto

Trinidad e Tobago: sei preoccupato per la ripresa del lancio di razzi?

Sono davvero ottimista sul fatto che il cessate il fuoco continuerà. Il fatto che Stati Uniti ed Egitto partecipino alla mediazione la fa sembrare più formale e che mi sento più ottimista di quanto avrei fatto altrimenti.

Realtà

Contesto: area comune

Per alcuni decenni, fino alla seconda guerra mondiale, la Palestina è stata un’area controllata dagli inglesi tra la sponda occidentale del fiume Giordano (“la sponda occidentale”) e il Mar Mediterraneo. Dopo la guerra, le Nazioni Unite presentarono il Piano di partizione nel 1947, il che significava che sarebbero stati formati due nuovi stati, uno arabo e l’altro ebraico.

La formazione dello Stato arabo consisterà in tre territori, uno intorno a Gaza, un grande shock intorno a Gerusalemme e una sezione sul confine libanese nell’estremo nord. Gli ebrei avrebbero la maggior parte del deserto meridionale, la fascia costiera dove si trovano Tel Aviv e Haifa, così come la parte nord-orientale con il Mar di Galilea. Gerusalemme non farà parte di nessun paese e lo status della città sarà determinato in seguito.

La parte ebraica ha detto sì al piano, gli arabi hanno detto no. Nella zona scoppiarono combattimenti e quando gli ebrei dichiararono l’indipendenza, gli stati vicini invasero.

Quando il fumo della guerra si placò nel 1949, Israele occupò un’area molto più ampia di quanto non fosse nel piano di partizione, e le caratteristiche della situazione attuale iniziarono ad emergere: Israele coerente dal Libano a nord a Eilat sul Mar Rosso, mentre il I territori palestinesi si sono ridotti alla Striscia di Gaza e alla Cisgiordania.

READ  Il presidente ucraino Zelensky vuole incontrare Putin a Donbas

Da allora, dopo le vittorie in diverse guerre e con l’ampio sostegno degli Stati Uniti, Israele divenne sempre più potente e occupò anche più territori, tra cui Gaza, Cisgiordania e Gerusalemme Est, che furono successivamente annessi. Israele ha lasciato Gaza nel 2005.

I palestinesi sono ulteriormente divisi dalle elezioni del 2006. Ciò è stato vinto dal movimento islamista Hamas, che l’Occidente ha descritto come un terrorista. Hanno cercato di partecipare al potere con l’ex gruppo dirigente Al-Fatah, ma dopo molti round, la Striscia di Gaza e la Cisgiordania sono finite come unità separate, la prima da Hamas e la seconda da Fatah. Non si possono tenere ulteriori elezioni.