TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Sua figlia è stata uccisa durante l’assalto al Campidoglio

Ashley Babbitt ha partecipato all’assalto al Campidoglio il 6 gennaio 2021. Stava attraversando una delle porte a vetri della Camera dei rappresentanti, quando un agente di polizia del Congresso ha sparato un colpo. Per i sostenitori di Trump è diventata una martire.

Più tardi, un poliziotto di nome Michael Beard ha testimoniato che la porta della casa era l’unica via d’uscita per un massimo di 80 persone rintanate in casa. È convinto di aver salvato molte vite attraverso le sue azioni durante la tempesta.

Ma Mickey Wittofft, la madre di Ashley Babbitt, ritrae la polizia come assassini.

giovedì notte Ha partecipato a una manifestazione a sostegno degli invasori in Campidoglio. Il giudice C6, il giudice del 6 gennaio, sostiene che le persone che hanno preso parte alla tempesta sono state trattate ingiustamente dalla magistratura.

Mickey e Toft rispondono ad alcune domande sulla folla di piantagrane.

Foto: Pontus Hawk

Topolino e Tuftefe chiedono che qualcuno sia ritenuto responsabile per la sparatoria fatale.

– Non posso credere che non ci siano indagini pubbliche sulla morte di mia figlia, dice.

Ha detto a DN che aveva bisogno di usare la sua libertà di espressione per intentare la causa di sua figlia.

La vita, i diritti e la voce di mia figlia sono stati privati ​​di lei. Quindi faccio del mio meglio per essere la sua voce.

Mickey Wittoff descrive sua figlia Ashley, una veterana di 35 anni, come una donna che ha servito gli Stati Uniti per tutta la vita.

Mia figlia era un’americana orgogliosa e una donna coraggiosa e indipendente. Piccolo imprenditore nel sud della California. Era una figlia, moglie, sorella e zia, amata e mancata da tutti.

Per saperne di più:

La polizia elogia, Trump condannato

L’attacco di Biden a Trump: “un pugnale alla gola della democrazia”

La risposta di Trump a Biden: le elezioni sono truccate

READ  La situazione è critica per il giornalista Peter de Vries