TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Sollievo dal dolore non farmacologico con la tecnologia delle alghe morbide –

Il sollievo dal dolore convenzionale e forte con i farmaci spesso causa effetti collaterali significativi e può influenzare la capacità di funzionare nella vita quotidiana del paziente.

A Lund, un gruppo di ricerca guidato da Jens Schoeneburg, professore di neurofisiologia, ha sviluppato un metodo contro il dolore mediante stimolazione individuale utilizzando microelettrodi ultrasottili e rispettosi dei tessuti.

Gli elettrodi sono morbidi come alghe ed estremamente delicati sul cervello. Sono utilizzati per attivare in modo specifico i centri di controllo del dolore nel cervello senza attivare contemporaneamente i circuiti neuronali che causano effetti collaterali.

Il metodo funziona in modo da impiantare un set di elettrodi molto sottili e quindi scegliere un sottoinsieme di elettrodi che forniscono puro sollievo dal dolore, ma senza effetti collaterali. Jens Schouenborg spiega che questa procedura consente una terapia di stimolazione altamente precisa e unica che si è dimostrata efficace in ogni individuo.

Più vicino al blocco totale del dolore

Il dolore viene prevenuto attivando i centri di controllo del dolore nel cervello che, a loro volta, bloccano solo la trasmissione dei segnali nelle vie del dolore alla corteccia cerebrale.

– Abbiamo ottenuto un blocco del dolore quasi completo senza influenzare altre sensazioni e capacità motorie, un risultato importante nella ricerca sul dolore. I nostri risultati mostrano che è effettivamente possibile ottenere un forte sollievo dal dolore privo di effetti collaterali, qualcosa che è stata una grande sfida in passato, spiega Mathilde Forney, studentessa di dottorato e prima autrice del nuovo studio sul dolore.

Nel progetto, durato diversi anni, i ricercatori hanno sviluppato una tecnologia a base di gelatina e tecniche chirurgiche compatibili con i tessuti che hanno permesso di impiantare i microelettrodi flessibili con una precisione molto elevata. Secondo i ricercatori, la nuova tecnologia dovrebbe funzionare su tutti i tipi di dolore mediato dal midollo spinale, cioè la maggior parte dei tipi di dolore.

READ  Il vaccino COVID di Pfizer può proteggerti per un periodo di tempo più lungo

Migliore sollievo dal dolore rispetto alla morfina

Nel nostro studio, abbiamo anche confrontato il nostro metodo con la morfina, che è risultata fornire un sollievo dal dolore significativamente peggiore. Inoltre, la morfina fornisce una potente sedazione e altri effetti cognitivi. Nello studio, siamo stati in grado di dimostrare che anche il dolore posterpetico (iperalgesia), che è comune nel dolore cronico, è bloccato, afferma Jens Schoeneburg.

La desensibilizzazione è il processo fisico o mentale di diventare sensibili o sensibili a uno stimolo, e quindi una reazione sempre più forte a quello stimolo. La sensibilità al dolore può essere fastidiosa e portare a sensazioni di dolore nei tessuti sani. La sensibilizzazione centrale è un meccanismo di rinforzo del dolore cronico nel sistema muscolo-scheletrico.

Lo studio è stato condotto sui topi. I risultati possono essere trasmessi all’uomo?

– Questa è sicuramente l’intenzione. Mathilde Forney afferma che il cervello umano ha sistemi di controllo simili a quelli dei topi e le nostre combinazioni di elettrodi possono essere ridimensionate fino alle dimensioni umane.

I ricercatori sperano che questo metodo porti a una terapia di stimolazione soddisfacente per le persone con dolore particolarmente intenso entro cinque-otto anni. Quindi, ad esempio, per il dolore da cancro o il dolore grave associato a lesioni del midollo spinale poiché oggi non esistono trattamenti per il dolore patologico.

Epilessia, depressione e morbo di Parkinson

I ricercatori ritengono inoltre che il metodo potrebbe essere utilizzato in modo più ampio per trattamenti diversi dal dolore.

Questo metodo può essere progettato principalmente per tutte le parti del cervello, quindi pensiamo che possa essere utilizzato anche per trattare malattie degenerative del cervello come il morbo di Parkinson, ma anche depressione, epilessia e forse anche ictus. Jens Schouenborg afferma che la tecnologia degli elettrodi ha anche applicazioni nella diagnosi, non da ultimo nella ricerca su come funziona il cervello ambiguo.

READ  Ottieni un certificato covid prima del tuo viaggio di vacanza: ecco come funziona

Chiamata:

Jens Schoeneborg, Professore di Neurofisiologia all’Università di Lund, [email protected]

Materiale scientifico:

Il modello di massa e stimolazione micro-polare 3D si traduce in una forte analgesia senza 4 effetti negativi evidenti. progresso scientifico .