TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Si crede che Trump avesse una malattia mentale: si chiamava China

Due giorni dopo l’assalto al Campidoglio, il segretario alla Difesa americano Mark Milley ha chiamato segretamente la sua controparte cinese.

Voleva rassicurare la Cina che Donald Trump non stava per iniziare una guerra, secondo un nuovo libro.

– Non ti attaccheremo.

Le elezioni presidenziali del 2020 e le sue lunghe conseguenze sono culminate in sostenitori Donald Trump scioccato Stati Uniti d’America Entra nell’edificio della conferenza nel tentativo di fermare l’adozione del risultato.

Senatori e rappresentanti sono fuggiti quando la folla si è spostata fino alla Camera dei Rappresentanti e si è rifugiata nei loro uffici.

Sia i sostenitori di Trump che la polizia sono morti in rovina.

Ore prima che scoppiasse il caos, Donald Trump e molti dei suoi alleati hanno tenuto discorsi chiedendo al vicepresidente Mike Pence di rifiutarsi di accettare il risultato delle elezioni e cantando che “Stop al furto” dovrebbe cessare.

La Cina ha chiamato in preda al panico

È stata un’escalation di rivolte iniziata subito dopo la notte delle elezioni. Ma nello stesso momento in cui il caos si svolgeva, c’era un altro dramma che si svolgeva segretamente dietro le quinte.

Washington Post e CNN Ha pubblicato estratti da un libro in uscita, Danger, del leggendario reporter Bob Woodward e del giornalista Robert Costa.

Woodward, che ha già raccontato la presidenza Trump in due libri, questa volta parla della drammatica battaglia finale.

Al centro c’è il segretario alla Difesa americano Mark Milley. Quattro giorni prima delle elezioni, ha chiamato il suo omologo cinese, il generale Li Zuocheng.

Il capo della difesa Mark Milley con il generale Li Zucheng.

Fonti dell’intelligence hanno affermato che la Cina temeva un attacco statunitense. Lo sfondo era un’esercitazione militare pianificata nel Mar Cinese Meridionale e una retorica estremamente aggressiva del presidente Trump.

READ  La polizia di Londra è stata etichettata come corrotta, impedendo la risoluzione dei casi di investigatori privati ​​assassinati murder

Generale Lee, le assicuro che il governo degli Stati Uniti è stabile e tutto andrà bene. “Non ti attaccheremo né effettueremo alcuna ostilità contro di te”, ha detto Milley citato da “Beryl”.

Il generale Lee si fidava delle parole di Mark Milley.

La CIA teme un colpo di stato

Le cose sono peggiorate dopo la tempesta.

C’era qualcosa come il panico nella leadership militare degli Stati Uniti e nel servizio di intelligence.

Anche prima dell’attacco al Campidoglio, il direttore della CIA Gina Haspel era preoccupato che gli Stati Uniti fossero diretti a un colpo di stato di estrema destra e sospettava che Donald Trump avrebbe ordinato attacchi contro l’Iran.

“È una situazione molto pericolosa”, ha detto a Millie, secondo il libro.

Il direttore della CIA Gina Haspel.

L’attacco al Campidoglio.

Da parte sua, il capo della Difesa Milley, dopo la tempesta, ha espresso preoccupazione per il fatto che Donald Trump avesse una malattia mentale e ha attuato misure per garantire che il presidente uscente non gettasse il Paese nel caos ordinando attacchi militari alle potenze straniere.

Secondo il libro, Milley aveva perso fiducia nella capacità dell’esercito di fidarsi o controllare Trump, e considerava sua responsabilità come l’esercito americano di più alto grado “pensare l’impensabile e prendere tutte le misure possibili”.

Già dopo aver perso le elezioni, Donald Trump ha firmato un ordine militare per ritirare tutte le truppe dall’Afghanistan entro il 15 gennaio, prima di lasciare la Casa Bianca.

L’ordine è stato scritto segretamente all’insaputa di nessuno dei suoi consiglieri militari. Successivamente è stato ritirato. Ma secondo gli autori, ha contribuito alla visione di Millie per il presidente uscente.

READ  SVT nel suo sito di Kabul: "La gente qui è terrorizzata"

L’8 gennaio ha tenuto una riunione segreta nella sua stanza al Pentagono dove ha svolto tutte le operazioni prima dell’intervento militare, compresi gli attacchi nucleari, con i suoi più stretti collaboratori.

Mielle ordinò loro di non obbedire agli ordini di nessuno a meno che tutto non fosse passato prima da lui. Woodward e Costa hanno scritto che il capo della difesa ha guardato tutti negli occhi e ha chiesto di sì prima di essere soddisfatto.

Dopo la tempesta, il capo della difesa Milley era preoccupato che Donald Trump avesse una grave malattia mentale.

Conversazione drammatica

Lo stesso giorno ha parlato al telefono con Nancy Pelosi, la presidentessa democratica della Camera e una di quelle costrette a fuggire durante la tempesta.

Woodward e Costa hanno ottenuto la trascrizione della conversazione mentre lavoravano al libro.

La conversazione è eccitante.

Pelosi esprime preoccupazione per il fatto che l’arsenale nucleare degli Stati Uniti è in mani pericolose finché Donald Trump rimane alla Casa Bianca. Questo era poco meno di due settimane prima che Joe Biden fosse nominato nuovo presidente.

– Quello che voglio dire è che non potevano nemmeno impedirgli di attaccare il Campidoglio, quindi chissà cos’altro avrebbe potuto fare. E c’è un funzionario della Casa Bianca che farebbe qualsiasi cosa se non baciarsi il culo grasso per questo? a Pelosi.

– Lo sai che è pazzo. Ha continuato: È stato pazzo per molto tempo.

“Signora capo, sono d’accordo con lei su tutto”, ha risposto il capo della difesa Millie.

C’è stata una nuova chiamata al generale cinese Li. Ancora una volta, il capo della difesa ha assicurato che tutto era stabile, che gli Stati Uniti erano saldi e che nessuno avrebbe attaccato la Cina.

READ  I commenti del Papa sulla Catalogna sconvolgono Madrid

Secondo il sito Pearl, il generale cinese questa volta non si è lasciato placare facilmente. Gli autori scrivono che Meili ha compreso le preoccupazioni della Cina. Non ha mai detto a Donald Trump della conversazione.

Milley ha assicurato che tutte le esercitazioni militari statunitensi pianificate nelle vicinanze della Cina fossero annullate.

Niente di più drammatico è successo prima del cambio di potere alla Casa Bianca il 20 gennaio. Ma la storia avrebbe potuto finire in più caos.

Nancy Pelosi, presidente democratica della Camera dei rappresentanti.

Capo della Difesa Mark Milley.

Pence Phil Lida Trump

Secondo gli autori, Mike Pence ha pensato a lungo di andare alla riunione del suo capo e si è semplicemente rifiutato di approvare il risultato elettorale durante la cerimonia di approvazione alla convention del 6 gennaio.

Pence ha cercato a lungo un’opportunità legale per farlo, anche consultando l’ex vicepresidente Dan Quayle che gli ha consigliato di dimenticare l’intera faccenda.

Il giorno prima della tempesta, Mike Pence ha detto a Trump che non c’era niente che potesse fare e che i suoi compiti durante la certificazione erano solo di “aprire buste” e leggere i risultati delle elezioni statali.

– Non voglio più essere tuo amico se lo fai. Ci hai tradito. ti ho creato. Trump ha risposto che non eri niente.

Secondo Beryl, Mark Milley teme che la stabilità tornata a Washington dopo anni con Trump possa essere di breve durata.

“Quello a cui ho assistito potrebbe essere un presagio di qualcosa di peggio in seguito”, ha detto ai suoi colleghi dopo la tempesta.

Il libro “Pericolo” uscirà la prossima settimana.

I libri sugli anni di Trump alla Casa Bianca gocciolano. È stato recentemente rivelato che Stephanie Grisham, ex addetta stampa della Casa Bianca e capo dello staff di Melania Trump, ha segretamente scritto un libro che uscirà il mese prossimo.

Si dice che la notizia del libro sia stata accolta con apprensione da diversi ex dipendenti dell’ex presidente e, secondo Politico, è in corso una caccia per ottenere una copia per il marito di Trump.

Mike Pence con Donald Trump.
Inserito: