TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Terza dose nel Regno Unito all’inizio della prossima settimana

Martedì pomeriggio, il ministro della Sanità Sajid Javid ha annunciato che il Regno Unito seguirà il consiglio della Commissione nazionale sulle vaccinazioni (JCVI) e offrirà una terza dose del vaccino contro il covid-19 a chiunque sia a rischio e a chiunque abbia più di 50 anni.

È probabile che anche il Regno Unito introduca requisiti di vaccinazione per il personale ospedaliero che lavora vicino ai pazienti, afferma Javid, che non esclude che anche altri tipi di personale sanitario debbano essere vaccinati.

Bambini sopra i dodici anni

Nonostante il successo del programma di vaccinazione del Regno Unito, la variante delta e il fatto che le scuole stiano ricominciando dopo la pausa estiva significano che la diffusione dell’infezione ha nuovamente accelerato.

Lunedì il governo ha annunciato che tutti i bambini di età superiore ai 12 anni riceveranno le vaccinazioni.

“Ho preso su di me la raccomandazione che ci hanno dato i nostri eminenti esperti medici”, ha detto il segretario alla salute, riferendosi ai quattro principali consulenti medici in Inghilterra, Scozia, Galles e Irlanda del Nord.

Il Comitato nazionale per l’immunizzazione (JCVI) mantiene la sua posizione secondo cui i vantaggi non superano gli svantaggi quando si tratta di vaccinare bambini sani di età compresa tra 12 e 15 anni.

fare un piano

Il primo ministro britannico Boris Johnson ha sottolineato durante una conferenza stampa al numero 10 di Downing Street lunedì che la vaccinazione e i test sono le pietre miliari della lotta contro il virus, ma i piani includono la preparazione a reintrodurre i contraccettivi orali e consigli per chiunque possa lavorare da casa. pomeriggio.

Ma c’è anche un “Piano B” che è stato messo in atto.

READ  Forte per l'attacco terroristico a Utoya

“Continueremo ad avere l’opportunità di ordinare collutorio e lavorare a casa”, ha detto Johnson.

Il primo ministro britannico ha anche affermato di non essere “mai favorevole” all’introduzione di pass vaccinali per i visitatori di bar, discoteche o vari eventi importanti.

Un arresto nazionale dovrebbe essere considerato solo come ultima risorsa.

Il primo ministro del Regno Unito, Boris Johnson, sta tenendo una conferenza stampa sulla futura strategia per combattere il virus Corona. Foto: Dan Kitwood/AP/TT

Il primo ministro britannico Boris Johnson durante la conferenza stampa di martedì sulla strategia del coronavirus per il prossimo inverno.

Il primo ministro britannico Boris Johnson durante la conferenza stampa di martedì sulla strategia del coronavirus per il prossimo inverno. Foto: Dan Kitwood/AP/TT

Il primo ministro britannico Boris Johnson durante la conferenza stampa di martedì sulla strategia del coronavirus per il prossimo inverno.

Il primo ministro britannico Boris Johnson durante la conferenza stampa di martedì sulla strategia del coronavirus per il prossimo inverno. Foto: Dan Kitwood/AP/TT

Fatti: Covid-19 nel Regno Unito

Numero totale di casi confermati: 7290168

Numero totale di morti per il virus COVID-19: 134.587

Infetti negli ultimi 28 giorni: 964653

Morti negli ultimi 28 giorni: 3.291

Numero di dosi di vaccino distribuite: 93.252.430 dosi

Dati recuperati il ​​14 settembre 2021.

Fonte: Johns Hopkins University