TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Domande principali generali sulla comprensione di Trump delle notizie SVT

Per queste orribili missioni, il vecchio rilevatore del Watergate Bob Woodward è in un prossimo libro scritto con Robert Costa.

Il titolo più motivante è “Hazard” (“Pericolo”).

Secondo gli autori, il segretario alla Difesa americano Mark Milley all’inizio di gennaio ha ordinato ai dipendenti di non agire se Trump avesse ordinato l’uso di armi nucleari. Chiamò segretamente il generale Li Zuocheng, membro della Commissione militare centrale cinese, per assicurare alla Cina che gli Stati Uniti non erano sulla via della guerra.

due chiamate

Il Washington Post, dove Woodward e Costa lavorano come giornalisti, e la CNN hanno pubblicato estratti del libro, che mostrano che Millie mi ha chiamato in due occasioni. In parte il 30 ottobre 2020, prima della sconfitta elettorale di Trump e in parte l’8 gennaio 2021, due giorni dopo il violento assalto al Campidoglio di Washington.

“Generale Lee, voglio assicurarvi che il governo americano è stabile e tutto andrà bene”, ha detto Milley in un’intervista a ottobre, secondo il libro.

Non attaccheremo né eseguiremo alcuna azione armata contro di te.

“Tutto bene”

Dopo la rivolta scoppiata nella capitale degli Stati Uniti a gennaio, Millie ha riacceso il telefono. All’epoca, era preoccupato che Trump sfuggisse di mano e voleva rassicurare il suo collega Li a Pechino.

– Siamo stabili al 100%. Tutto bene. Milley ha detto che la democrazia a volte può essere casuale.

Le sue paure erano il grado in cui ai militari più vicini sarebbe stato ordinato di essere d’accordo con lui solo se Trump avesse tentato un attacco nucleare.

L’autore del libro ha scritto che Milley ha anche discusso del comportamento irrazionale di Trump con i capi della CIA e della NSA e ha consigliato loro di essere vigili.

READ  disposizione! Staffan Heimerson sull'Afghanistan e il "muro" di SVT

Trump ha risposto in una dichiarazione alle informazioni, definendole “notizie false”. Secondo la NBC, l’ex presidente afferma: “Non ho mai pensato di attaccare la Cina – e la Cina lo sa. Coloro che hanno inventato questa storia sono pazzi, e quelli che la diffondono sono altrettanto cattivi”.

Il 28 febbraio, nella sua prima apparizione pubblica da quando ha lasciato la Casa Bianca, Donald Trump ha chiarito che sarebbe rimasto repubblicano. Ha anche aperto la corsa presidenziale per il 2024:

JavaScript deve essere abilitato per riprodurre il video

SVT non supporta la riproduzione nel browser. Quindi ti consigliamo di passare a un altro browser.

Donald Trump parlando alla Conferenza dei governatori CPAC. Foto: John Roe / TT