TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Ing-Marie Carlsson i "Arvet" på Folkteatern i Göteborg.

Recensione: The Folkttern Legacy in Gothenburg – Kulturnet in P1

titolo: erede
Scena: Folktern Göteborg
drammaturgo: Alexander Leva Wenger
Direttore: Frida Roll
Scenografia e costumi: Charlotte Nilund
Progettazione illuminotecnica: Karina Pearson Bachman
Design della maschera: Linda Gonsalves
Musica: “Californiano”, Joel Igor Hammad Magnuson
Partecipanti: Eng Marie Carlson, Niklas Falk, Nina Haber, Emma Mihunek

“The legacy” è un’opera teatrale che può anche essere chiamata segreti di famiglia, perché questo è tutto. Il regista Frida Roll e il drammaturgo Alejandro Leva Wenger hanno già collaborato, ma è stato divertente prima?

Eredità tangibile Entrambi consistono in un grande armadio cimelio di famiglia, ora dipinto di bianco come gli altri mobili nell’elegante scenografia di Charlotte Nilund, e una malattia mortale con un rischio del 50% che Clara ha ereditato dal padre defunto.

Per quanto riguarda l’armadietto, la madre di Clara, Yvonne, vuole liberarsene. Clara vede questo come una prova che la madre vuole cancellare il suo passato – il ricordo del marito morto. Clara sospetta che la madre abbia incontrato una nuova persona.

Nella prima scena Ho debolmente finito con le sue borse nell’appartamento di mia madre. È finita con il suo ragazzo e ora si sta trasferendo. Le domande si criticano a vicenda ed entrambe sembrano avere qualcosa da nascondere.

Il buon vecchio amico di famiglia, interpretato da Niklas Falk, si ferma costantemente e fa l’ingresso più popolare dello spettacolo. Perché proprio come nella farsa, lo spettacolo usa il significato di un ingresso: quella porta che si apre esattamente nel momento sbagliato e ciò che viene detto diventa un grande stand comico.

Il gioco di Leva Wenger Naviga liberamente in questo fumetto con dialoghi frenetici e profondità di urgenza mentre le bugie della vita vengono rivelate.

READ  Poi Zlatan è diventato il mio peggior nemico

Ing-Marie Carlsson gestisce bene questo cambiamento e Nina Haber offre una buona resistenza come la Klara incompiuta. È un complesso di ansia. Si mette alla prova per vedere se è portatrice del gene della malattia o no? Clara ne parla con un consulente dell’ospedale, che Emma Mahonik interpreta con dignità, e lo spettacolo si sviluppa in un’interazione molto efficace tra il girarsi nell’appartamento e queste intense conversazioni di basso profilo.

Vicino Crescere tra le donne è bello, ma si sviluppa in una storia d’amore che, ahimè, sembra bloccata in questa performance super divertente e senza cigolii.