TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Potrebbe anche se Twitter crolla ora

Presto saranno passati tre anni da quando abbiamo sentito parlare per la prima volta del nuovo focolaio di coronavirus a Wuhan, in Cina. All’inizio le informazioni erano scarse e non molte di più di quelle che arrivavano dalla Cina sul numero di contagiati, ricoverati e deceduti.

Rapidamente, gli scienziati del mondo sono cambiati. Di solito, i risultati della ricerca passano attraverso diversi cicli di revisione prima di essere pubblicati in costose riviste scientifiche in abbonamento. Nel frattempo, i ricercatori mantengono riservate le loro scoperte. Ora, le bozze dei rapporti di ricerca sono state condivise sui cosiddetti siti di prestampa e sono aperte a tutti praticamente nello stesso momento in cui sono finite.

Un modo intelligente per diffondere rapidamente nuove conoscenze sul nuovo virus che ha paralizzato il nostro mondo. Ma non senza problemi.

I rapporti di ricerca sui siti di prestampa sono bozze. Può contenere errori aritmetici, conclusioni esagerate e veri e propri errori. Questo è spesso escluso nel processo di revisione e gli studi che non soddisfano i criteri possono essere respinti. Ora, studi consolidati di alta qualità sono stati mescolati con quelli che sono chiaramente scadenti. E tutto era apertamente a disposizione dei media e del pubblico, che non sempre era in grado di valutare e smistare le informazioni.

I ricercatori si sono quindi rivolti a Twitter per discutere, criticare e spiegare i risultati della ricerca.

È stato prezioso durante la pandemia. Per noi giornalisti scientifici è stato utile avere un aiuto per scegliere quale delle migliaia di preprint valesse la pena leggere, per comprendere le carenze della metodologia di ricerca e per trovare nuovi esperti provenienti da altri paesi. I ricercatori hanno anche compiuto grandi sforzi di educazione pubblica spiegando fenomeni importanti durante la pandemia.

Alcuni di coloro che hanno guadagnato un gran numero di follower durante la pandemia non sembravano rendersi conto che l’interesse per il coronavirus era diminuito in modo significativo.

Ora questa piattaforma sembra andare in pezzi. Da quando Elon Musk ha rilevato Twitter, le notizie di licenziamenti di massa, trolling e caos generale si sono susseguite. Di recente abbiamo appreso che l’ufficio è stato chiuso durante il fine settimana per il rapporto “Evitamento del sabotaggio”. Il futuro sembra a dir poco incerto. Sebbene ciò non porti a un crollo immediato, potrebbe portare più persone a cambiare piattaforma o ignorare questa parte dell’interazione.

READ  "Berlino, abbiamo un problema" - aspre critiche alla gestione delle minacce di Putin da parte della Germania

Non mi sento ancora ansioso o stressato. Potrebbe essere una buona cosa.

Oltre a tutta questa condivisione di conoscenze, Twitter era anche una piattaforma terribile in cui ricercatori, politici e giornalisti spesso dovevano ricevere un sacco di odio. Molti hanno dovuto limitare chi può rispondere ai propri post e talvolta sono stati espulsi da Twitter.

Elon Musk.

immagine: Patrick Bleul/TT

Inoltre, ultimamente, sembra che su Twitter circolino solo i messaggi più estremi e le teorie del complotto. Alcuni di coloro che hanno raccolto un gran numero di follower durante la pandemia non sembravano rendersi conto che l’interesse per il coronavirus era diminuito in modo significativo. Questo li fa urlare ancora più forte, che il COVID-19 è in volo, che il vaiolo delle scimmie si diffonderà nelle scuole e che il coronavirus ha distrutto il sistema immunitario dei bambini. Inoltre, i tweet delle autorità sono stati rapidamente riempiti di propaganda anti-vaccinazione, senza alcuna risposta da parte delle autorità. L’informazione giusta c’è, ma si perde nella valanga di sciocchezze.

I ricercatori seri fanno ancora fatica a pubblicare informazioni e ad affrontare gli errori. La domanda è quanto possono durare loro e Twitter.

Leggi di più: Più del previsto vogliono smettere – Musk chiude l’ufficio
Leggi di più: Sono stanco di schiacciare i gusci dell’incidente