TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Nuovo studio: bassi livelli di vitamina D aumentano il rischio di cancro

Nuovo studio: bassi livelli di vitamina D aumentano il rischio di cancro

Alti livelli di vitamina D aumentano il rischio di tumori cancerosi. Lo dimostra uno studio scientifico recentemente pubblicato e lo riporta TV2.

I ricercatori dell'Università di Aalborg hanno dimostrato in un nuovo studio che esiste una relazione tra il livello di vitamina D nel sangue e il rischio di cancro. Uno dei ricercatori dietro lo studio è Tine Jess. È professoressa e direttrice del Predict Basic Research Center, che conduce ricerche sulle malattie intestinali.

Scoperta pionieristica

Secondo Tyne Jess, da tempo si presume che la vitamina D riduca il rischio di cancro.

La cosa più rivoluzionaria è che l’effetto avviene attraverso i batteri intestinali, che a loro volta colpiscono il sistema immunitario e quindi hanno un impatto sul rischio di cancro. Della parte legata al sistema immunitario sapevamo già. Tuttavia, il fatto che la vitamina D influenzi la composizione batterica intestinale è qualcosa di nuovo.

L'articolo continua sotto l'annuncio

Topi e vitamina D

I ricercatori del Francis Crick Institute di Londra e del National Cancer Institute del Maryland hanno scoperto attraverso diversi esperimenti che i topi che mangiavano una dieta ricca di vitamina D avevano una maggiore resistenza al cancro.

– Se i topi hanno livelli più alti di vitamina D nel sangue, ciò significa che i loro tumori crescono meno e rispondono meglio anche all'immunoterapia antitumorale, afferma Tyne Jess.

I ricercatori britannici hanno poi contattato Tyne Jess per chiederle di verificare se i risultati ottenuti dagli esperimenti sui topi potessero applicarsi anche agli esseri umani.

L'articolo continua sotto l'annuncio

Tine Geis e i suoi colleghi hanno confrontato i risultati degli esperimenti sui topi con i dati sanitari di oltre 1,5 milioni di danesi. Grazie all’analisi i ricercatori hanno potuto concludere che i risultati dell’esperimento potrebbero essere trasferiti all’uomo.

READ  Aumento del numero di casi di streptococchi invasivi di gruppo A - Agenzia per la sanità pubblica