TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Victoria soffriva di anoressia e, contro ogni previsione, rimase incinta

Victoria soffriva di anoressia e, contro ogni previsione, rimase incinta

Victoria Edner, 42 anni, ha sempre desiderato diventare mamma, ma per molti anni è stata convinta che fosse impossibile. Le vennero le mestruazioni una volta quando aveva 15 anni, poi non tornarono per molti anni a causa di un grave disturbo alimentare.

– Quando avevo 15 anni, mi ammalai così tanto di anoressia che in seguito fui ricoverato in ospedale a causa della flebo di cibo. Sono rimasto in fabbrica, sono diventato emaciato e il mio cuore ha smesso di battere più volte a causa del mio peso ridotto…

Dopo otto anni trascorsi in varie unità di cura, Victoria si è ripresa dopo aver trascorso del tempo a Mora presso una clinica del Ministero dell'Istruzione Superiore, dove le sue condizioni sono migliorate grazie alla terapia, alla cucina e ad attività come yoga, allenamento vocale e arteterapia.

L'articolo in breve

A causa di una grave anoressia e di problemi di stomaco, Victoria Edner non ebbe le mestruazioni per molti anni.
Per molti anni ha lottato con la sua salute e ha praticato, tra le altre cose, yoga.
Quando aveva 39 anni, si riprese e il suo ciclo mestruale tornò.
Il suo sogno di diventare madre si è rianimato e ha cercato rifugio in una clinica in Danimarca.
Oggi è la mamma di Benjamin, che ha 10 mesi.

Gli strumenti che ho imparato in clinica hanno funzionato bene. Ma dopo alcuni anni Victoria soffrì di seri problemi allo stomaco. Quando aveva 26 anni, il suo colon collassò e i medici decisero che aveva bisogno di una stomia. Fu l'inizio di un nuovo inferno con 12 interventi allo stomaco, in cui morirono parti dell'intestino e si sviluppò peritonite e sindrome dell'intestino irritabile.

Le sue malattie si rafforzavano a vicenda e il suo stato mentale crollava al punto che non provava più alcuna gioia nella vita.

-Avevo un BMI molto basso e ho avuto diverse intossicazioni del sangue, un'infezione alla valvola cardiaca e infine due attacchi di cuore nel 2015, quando lei aveva 33 anni.

Dopo il secondo arresto cardiaco, quando i medici persero ogni speranza di salvare la vita di Victoria, una scintilla si accese dentro di lei e lei si dedicò nuovamente allo yoga.

Vittoria Edner

Età: 42 anni.

Famiglia: Figlio: Benjamin, 10 mesi, 10 maggio, e Boxer Tundra, 6 anni.

Vita: A Danderyd.s

Mansioni: lavora come infermiera per un oncologo pediatrico e insegnante di yoga presso la palestra del personale del SATS e dell'ospedale di Danderyd. E anche, se necessario, in Mama Mia BVC. Ma per ora è tutto in congedo di maternità, ad eccezione di due semestri all'anno e qualche seduta extra al mese con l'oncologo pediatrico.

-Ho iniziato a meditare e a praticare yoga dolce e ho spostato i miei pensieri da tutto ciò che mi faceva male a ciò che invece volevo. Per molto tempo non ho potuto trattenere alcun nutrimento, ma l'ho introdotto direttamente nel sangue tramite accesso. Ma poi ho iniziato ad attenermi alle bevande nutrizionali, poi a una dieta liquida e poi a cibi normali. Sono migliorata passo dopo passo e ho praticato yoga sempre di più.

Alla fine, era così sana che all'età di 36 anni si formò in una residenza LSS per pazienti con spettro autistico e in seguito lavorò come insegnante di yoga e assistente infermiera presso l'ospedale pediatrico Astrid Lindgren, dove si prendeva cura dei bambini. Con il cancro.

-È un lavoro gratificante perché sento di avere molto da offrire ai pazienti e alle loro famiglie considerando che ho vissuto malattie gravi con prognosi e futuro incerti. La bellezza dei bambini è che vivono davvero la loro malattia, non si deprimono con pensieri oscuri come succede a molti di noi adulti.

Dopo l'anoressia, il ciclo di Victoria è tornato

Victoria si è sentita meglio ed è riuscita a superare gli effetti della malattia poiché il suo benessere fisico e mentale sono diventati più forti. Ha acquisito una migliore comprensione del motivo per cui la sua salute era stata compromessa per così tanti anni quando ha ricevuto un'altra diagnosi, la sindrome di Ehlers-Danlos, una malattia del tessuto connettivo depositata nelle articolazioni e nell'intestino, che potrebbe essere stata una delle principali cause di tutte le malattie. . Problemi in passato.

– Questa è una malattia genetica con cui sono nato, qualcosa che avresti dovuto essere in grado di capire se avessi guardato tutta la mia storia medica. I disturbi alimentari sono anche più comuni nelle persone con EDS perché l'intestino tenue funziona più lentamente, il che significa che non si ha fame perché il cibo rimane nello stomaco più a lungo.

READ  Discussione: tutti hanno diritto all'informazione sui rischi ereditari di cancro

-Quando ho iniziato il processo di movimento verso la luce, la pressione nel mio sistema nervoso è diminuita, consentendo al mio corpo di guarire. Almeno questo è quello che penso.

Oggi Victoria è un'insegnante di yoga e un'assistente infermiera.  A destra: Victoria e Benjamin si abbracciano dopo il taglio cesareo.Oggi Victoria è un'insegnante di yoga e un'assistente infermiera.  A destra: Victoria e Benjamin si abbracciano dopo il taglio cesareo.

Oggi Victoria è un'insegnante di yoga e un'assistente infermiera. A destra: Victoria e Benjamin si abbracciano dopo il taglio cesareo. Immagine: privata

Quando Victoria aveva 39 anni, accadde qualcosa che nessuno si aspettava dopo tutti i farmaci pesanti, gli interventi chirurgici e la grave perdita di appetito. Le sono tornate le mestruazioni.

-La mia speranza di avere figli è tornata in vita. Fin da piccola mi sono sempre vista come una madre e forse la mia tristezza più grande è stata non poter essere madre. Ma non avevo un compagno e l'età non era dalla mia parte, quindi ho capito che il tempo era poco.

Victoria si è rivolta ad una clinica in Danimarca. Erano cautamente positivi ma dovevano fare alcuni test aggiuntivi ed ecografie per assicurarsi che l'utero non fosse stato danneggiato da tutte le operazioni. Tutto si è rivelato andato bene. Così come i livelli ormonali.

Poi sono diventata una madre single

Hanno iniziato il processo e sono riusciti a fecondare sette embrioni. I primi cinque depositi risultarono negativi e i medici della clinica cominciarono a pensare che fosse impossibile per Victoria rimanere incinta.

– Sono rimasto molto sorpreso quando il sesto feto ha cominciato a crescere dentro di me. Ma fu una gioia che si spense presto quando, nella nona settimana, divenne chiaro che il cuore non batteva. Ho avuto un aborto mancato e volevo arrendermi. Non potevo sopportare di provarci ancora…

L'estate passò e, dopo l'incoraggiamento delle sue amiche, Victoria decise di fare comunque un ultimo tentativo con il settimo e ultimo embrione… e in crescita settimana dopo settimana.

-Facevo sempre più ecografie ma sembrava tutto perfetto… ero emozionata e temevo che qualcosa andasse storto. Ma tutto è sempre andato come doveva. Nove mesi fa è nato mio figlio, un bambinone sano che sta crescendo esattamente come dovrebbe.

“Anche se ho attraversato molti anni difficili, tutto quello che ho passato mi ha portato da lui.” Immagine: privata

Congratulazioni! Com'è andata la nascita?
– Ho dovuto fare molti colloqui ed esami per sapere come potesse avvenire il parto. Era possibile avere un taglio cesareo dopo tutti gli interventi addominali? Il mio cuore può sopportare un parto vaginale? Alla fine abbiamo deciso che avrei avuto un cesareo pianificato.

READ  Il vaccino Pfizer può fornire protezione per diversi anni

La mia migliore amica, Charlotte, era lì per tagliare il cordone ombelicale, ed è stata lei a riceverlo e a metterlo sul mio petto. E oggi è lei la madrina!

Com'è la vita oggi?
-Ho uno splendido bambino di nove mesi che è sempre felice e dorme bene. Anche se ho attraversato molti anni difficili, tutto ciò che ho vissuto mi ha portato a Lui. Sono così grata di essere sua madre.

Sono riuscita anche a diventare madre, contro ogni previsione.

Gli amici hanno chiesto se Victoria fosse triste per quello che è successo.

– Certo, ad un certo punto posso piangere gli anni perduti, ma niente è paragonabile a mio figlio. Le mie esperienze mi hanno reso bravo a vivere qui e ora. Vivo i momenti così come accadono. Non mi concentro su cosa è stato, come avrebbe dovuto essere o come spero che sarà il futuro.

-Mi piacciono tutti i nostri viaggi. Mio figlio si unisce a me quando canto con la mia insegnante di canto e nel coro. Troviamo sempre qualcosa di divertente, usciamo con il cane, incontriamo amici, facciamo yoga, andiamo a nuotare e alla discoteca per bambini.

Victoria vuole raccontare la sua storia per dare speranza ad altri che vogliono guarire o che stanno lottando con la fertilità.

– Quando i sogni vengono infranti e la speranza rimane, i miracoli possono accadere! Sono riuscita anche a diventare madre, contro ogni previsione. Sono sopravvissuto, mi sono ripreso, sono guarito e vivo una vita straordinaria.

“Questa foto è il giorno in cui Benjamin ha trascorso nel mio stomaco tanti giorni quanti ne ha trascorsi fuori nella vita reale.” Immagine: privata