TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Una nuova ricerca collega la demenza al nostro mondo moderno

Una nuova ricerca collega la demenza al nostro mondo moderno

– Pochissime persone menzionano il deterioramento cognitivo, afferma Caleb Finch, ricercatore presso la University of Southern California.

In collaborazione con lo storico Stanley M. Boorstin, Caleb Finch ha studiato quanto fosse comune nei testi antichi con descrizioni di demenze avanzate come il morbo di Alzheimer. Ciò che hanno scoperto è che pochissimi testi contengono tali descrizioni, suggerendo che la demenza potrebbe non essere stata così comune all’epoca come lo è oggi in Europa e negli Stati Uniti.

– La menzione minima è coerente con il fatto che si tratta di un evento raro.

Le prove stanno aumentando

Caleb Finch ritiene che ciò che potrebbe spiegare le grandi differenze nel modo in cui siamo colpiti dalla demenza nel tempo abbia a che fare con l’inquinamento atmosferico e i fattori ambientali.

Dice: – Lavoro da 12 anni sullo studio dei legami tra inquinamento atmosferico e demenza, e sono molto forti in Nord America, Europa e Cina.

Negli ultimi anni, l’evidenza che l’inquinamento atmosferico aumenta il rischio di demenza è stata rafforzata da numerosi studi di grandi dimensioni condotti in diverse parti del mondo. Lo stesso Caleb Finch ha condotto esperimenti sugli animali che hanno dimostrato che l'inquinamento atmosferico aumenta la produzione di peptidi amiloidi, la molecola più strettamente legata al morbo di Alzheimer. È stato anche coinvolto in uno studio più ampio che ha esaminato il popolo Tsimane, un popolo indigeno della Bolivia.

-Non c'è nulla di insolito nella genetica degli Tsimane. Hanno circa lo stesso livello del principale gene di rischio di Alzheimer, ApoE4, delle altre popolazioni.

Tuttavia, la demenza avanzata è raramente presente nella popolazione.

READ  Nuova scoperta di Chalmers: il lievito normale può fermare il cancro

– Questa è la popolazione che sono agricoltori. Hanno famiglie numerose e fanno 15.000 passi al giorno. Non mangiano molto sale, zucchero o grassi. Questi fattori possono influenzare il rischio. Hanno anche alti livelli di parassiti, cosa che era caratteristica anche del mondo antico.

Tuttavia, secondo Caleb Finch, la somiglianza più grande è che l’inquinamento atmosferico è limitato alle aree in cui vivono i residenti.

-Non ci sono dati clinici dall'antica Grecia o da Roma. Ma anche lì l’inquinamento atmosferico era limitato.

Lo stile di vita è un fattore secondario

Secondo Caleb Finch, l'ipotesi che gli antichi non soffrissero di demenza a causa della mancanza di inquinamento atmosferico è supportata dal fatto che le fonti greche non contengono descrizioni che somiglino nemmeno alla demenza avanzata. Tuttavia, ci sono pochi esempi di questo tipo nelle fonti dell'antica Roma. Man mano che la città urbana cresce, queste descrizioni diventano più comuni.

Intanto Caleb Finch vuole chiarire che l'inquinamento atmosferico non è l'unico fattore di rischio per la malattia di Alzheimer.

– Mi occupo del problema della demenza da 40 anni. Ho fondato l'USC Alzheimer's Center nel 1984. A quel tempo, tutti pensavamo che i geni fossero il fattore principale. Alta pressione sanguigna, alti livelli di grassi nel sangue, diabete e obesità sono fattori di rischio individuali per la malattia di Alzheimer. Ma ora si scopre che nella maggior parte dei casi si tratta di un fattore relativamente piccolo. Questo vasto campo sta ora cercando di determinare altri fattori.

Un altro fattore esterno può anche essere legato allo status socio-economico.

Il rischio di sviluppare la malattia di Alzheimer è più alto tra le persone più povere di tutti i paesi esaminati. Ciò significa che le persone senza un titolo di studio superiore vivono 15 anni in meno e il rischio di sviluppare la malattia di Alzheimer inizia 15 anni prima. Ma nessuno vuole dire che ciò sia dovuto alla genetica. Ha piuttosto a che fare con la dieta e con l’elevata esposizione all’inquinamento atmosferico.

READ  Ludi Blomkvist sui disturbi alimentari passati: "Ridicolo"