TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Medicinali per il diabete approvati dall’Unione Europea per l’insufficienza cardiaca

L’Agenzia europea per i medicinali (EMA) ha approvato empagliflozin per il trattamento del diabete.

L’approvazione di empagliflozin per il trattamento dell’insufficienza cardiaca con funzione ventricolare sinistra ridotta si basa sui risultati di uno studio clinico di fase III. Circa la metà dei pazienti con insufficienza cardiaca ha una diminuzione della funzione ventricolare sinistra, che conferisce al cuore una minore capacità di pompaggio.

Nell’insufficienza cardiaca, il cuore non può pompare sangue a sufficienza per soddisfare le esigenze del corpo di ossigeno e nutrizione. C’è insufficienza cardiaca con funzione ventricolare sinistra preservata e insufficienza cardiaca con funzione ventricolare sinistra ridotta. Le cause più comuni di insufficienza cardiaca sono ipertensione, infarto o malattie del muscolo cardiaco.

Un’importante opzione di trattamento

L’insufficienza cardiaca è una condizione comune e grave. Quindi è gratificante che empagliflozin sia ora approvato per il trattamento dell’insufficienza cardiaca con funzione ventricolare sinistra compromessa, fornendoci così un’altra importante alternativa terapeutica per questo gruppo vulnerabile di pazienti, dice. Lars Lund, medico senior presso Tema Hjärta, Vasl och Neuro e Karolinska Universitetssjukhuset, e professore presso Karolinska Institutet, presso comunicato stampa.

Empagliflozin è un inibitore di SGLT2 e agisce inibendo la proteina responsabile dell’assorbimento dello zucchero nel flusso sanguigno da parte dei reni, abbassando così i livelli di zucchero nel sangue.

È già approvato per il trattamento del diabete

Il farmaco è già stato approvato per il trattamento del diabete di tipo 2 negli adulti con malattie che non possono essere controllate solo attraverso la dieta e l’esercizio. Il farmaco è incluso negli elenchi delle raccomandazioni in tutte le regioni della Svezia.

La classe degli inibitori SGLT2, che è stata a lungo utilizzata per il trattamento del diabete di tipo 2, ora ha un certo posto nel trattamento dei pazienti con insufficienza cardiaca. L’approvazione di empagliflozin consolida il ruolo degli inibitori SGLT2 nel trattamento e significa che ora esiste un’altra opzione di trattamento per i pazienti con insufficienza cardiaca, afferma. Michael Foo, chief medical officer di Östra Sjukhuset e professore all’Università di Göteborg, nel comunicato stampa.

READ  Il fegato grasso era più comune nei figli di madri obese

Importante nella diagnosi precoce

L’affaticamento, la mancanza di respiro durante il riposo o lo sforzo e le ossa gonfie possono essere segni di insufficienza cardiaca, ma anche altre malattie possono causare sintomi simili. Pertanto, è importante ottenere una diagnosi precoce in modo da poter iniziare un trattamento appropriato.

Per i pazienti di età superiore ai 65 anni, l’insufficienza cardiaca è la causa più comune di ricovero.

Leggi di più: Sigrid Therapeutics stipula accordi che assicurano la produzione su larga scala [Dagens PS]