TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L’Ucraina risponde alle domande dell’Unione Europea. Vuoi informazioni sull’appartenenza.

Quando la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen ha visitato Kiev l’8 aprile, ha consegnato un documento contenente domande al presidente Volodymyr Zelensky. Le domande sono il primo passo verso l’Ucraina che diventa un cosiddetto paese candidato all’adesione all’Unione europea.

Appena dieci giorni dopo, il presidente Volodymyr Zelensky ha consegnato le risposte su politica ed economia a Matti Masikas, ambasciatore dell’Unione europea a Kiev.

“Siamo convinti che questo processo (per diventare uno Stato candidato) avverrà nelle prossime settimane e sarà positivo per la storia del nostro popolo, visto il prezzo pagato sulla strada dell’indipendenza e della democrazia”, ​​ha detto Zelensky durante la conferenza . Incontra i Maasika, Rapporti del sito di notizie Euractive.

Scrive il diplomatico Ue Da parte sua, su Twitter, tempi straordinari richiedono passi straordinari e velocità straordinarie.


https://twitter.com/MattiMaasikas/status/1516055949823336453

Le restanti risposte, relative all’acquis comune dell’UE, saranno fornite presto, secondo Zelensky.

Sta ora aspettando da un po’ che la Commissione europea esamini le risposte dall’Ucraina, chieda chiarimenti e faccia domande di follow-up. Ursula von der Leyen ha più volte chiarito di voler vedere l’Ucraina come denaro dell’Unione europea. lei ha Ho promesso di accelerare il processo Allo stesso tempo, ha affermato che i termini di adesione devono essere rispettati.

Sulla base della dichiarazione della Commissione europea, saranno gli attuali 27 membri dell’UE a decidere se concedere all’Ucraina lo status di paese candidato.

imparentato la velocità I paesi sono divisi. Undici paesi dell’Europa centrale e orientale ritengono che il paese dilaniato dalla guerra avrebbe dovuto già ottenere lo status di candidato e che anche l’UE stia lavorando per creare una corsia preferenziale per l’adesione. E i paesi situati nell’Europa meridionale e occidentale, compresa la Svezia, si oppongono.

READ  Ecco come l'UE eviterà guerre commerciali con la Gran Bretagna

L’Unione Europea si basa su trattati, leggi e regolamenti. Il primo ministro Magdalena Anderson ha affermato a marzo che, sebbene la situazione in Ucraina fosse spaventosa, non potevamo aggirare quelle leggi e regole.

L’Ucraina ora spera che un vertice dell’UE con i capi di Stato e di governo a metà estate, dal 23 al 24 giugno, decida che può diventare un paese candidato. Solo allora inizieranno le trattative ufficiali. Per la Croazia, l’ultimo membro dell’Unione Europea, ci sono voluti dieci anni.

Leggi di più.

I paesi dell’est vogliono che l’Ucraina aderisca all’Unione Europea

Vertice dell’UE: non esiste una corsia preferenziale per l’adesione dell’Ucraina all’UE