TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La Svezia chiude la carriera da Re di Punti in Italia: “Una piccola coincidenza”



Ponto Moran.


© Foto: Privato
Ponto Moran.

Solo un giocatore ha segnato più punti nella seconda divisione italiana di Pontus Morn. Dopo 14 stagioni nel paese, ha accumulato un totale di 516 punti ed è uno dei giocatori più talentuosi nella storia della lega. Hockeysverage.se ha ora parlato con il 37enne che questo fine settimana ha messo i pattini sullo scaffale ed è tornato in sella e allenatore.

– Sono tornato dopo tre anni, ho incontrato mia moglie qui perché soggiornavo, dice di più carriera che svolta inaspettata.

Björklöven ha educato il figlio di Umeå Ponto Moran La squadra A di Björklöven si è unita alla stagione 2002/03, non sapendo cosa aspettarsi da lui. Dopo mezza stagione con Bjorgleven all’HockeySvenscon e una stagione e mezza con Tex SK, la sua carriera nell’hockey ha preso un corso completamente nuovo.

– Un giocatore con cui sono diventato amico. Ora ha 37 anni per me e stavo bene a 19-20. È uscito una volta in Germania ed era l’unico a saperlo e abbiamo iniziato a chiacchierare. È stato poi contattato da un agente, che ha detto che avevano bisogno di soldati in Italia. Sono partito a metà stagione con Deck e sono arrivato lì a novembre, ha raccontato Morgan a HockeysWorge.C.

In Italia, ha terminato la stagione prima di finire un altro corso diverso. Dopo la trasferta in Italia, ci sono state le partite in Belgio e la prossima stagione in Corea del Sud.

– E’ successo un po’ in fretta. Dopo l’Italia, ho preso una decisione tardiva ad agosto, pensando che sarebbe stato un ambiente leggermente più fresco da guardare. Prova a giocare lì in una varietà di modi. La Corea del Sud pensava che fosse l’incidente più grande, ma era così triste.

READ  Gli incendi si stanno diffondendo in Europa: molti sono morti

Pontus Moron racconta all’Hockey Verizon di essere diventato uno dei giocatori di maggior successo in Italia.

“ero quaggiù”

Moron lasciò l’Italia e non giocò in quel paese per tre anni.

– Era il periodo in cui non ero in Italia, ma sono tornato per una piccola coincidenza. Quindi sono tornato dopo tre anni e lui dice che ho incontrato mia moglie qui perché stavo lì.

Al suo ritorno, ha disputato 13 stagioni in Italia con i club Caldero, Merano, Perkin e Fimme.

– Mi sono divertito qui, e quando ho giocato qui per molto tempo, il gioco e il ritmo del gioco mi andavano bene. Era così aperto, ride prima di dire:

– Non è molto tattico, quindi ho potuto vivere di buone qualità personali.

Ha anche dimostrato qualità personali – molte volte. Complessivamente, Moron è stato messo a segno per un totale di 487 punti in 338 presenze in 14 stagioni nella seconda divisione italiana. Con questo, è il secondo miglior marcatore nella storia della lega.

– Dice bene che giochi da molto tempo. Volevo ottenere un punto per una partita, quindi sento di aver fatto la mia parte e lui ride di nuovo.



Ponto Moran.


© Foto: Privato
Ponto Moran.

Ponto Moran. Foto: Privato

“Un’istruzione è la cosa migliore”

Sabato, Moron ha potuto annunciare che la sua carriera e la sua avventura da giocatore erano finite. Il 37enne tornerà in sella e diventerà assistente allenatore dell’HC Merano.

– Ho lavorato come allenatore parallelo mentre giocavo per vari club. Non ho allenato nessuna squadra di serie A, ma sarebbe divertente partecipare come allenatore ora. Lo farei con un vecchio orso polare. Abbiamo già suonato insieme e lui parla del suo nuovo lavoro.

READ  Austria: Sports Notes, che ha mandato in onda la competizione e l'analisi della partita

Chiamato il vecchio orso polare di Moron Troy Barnes E sii responsabile come capo allenatore della squadra. Moran inizierà la sua carriera di allenatore come allenatore senior.

– Sarebbe divertente farlo con il mio amico. Ha visitato alcuni di noi, quindi sarà emozionante vedere come andrà.

Come va con lo stipendio nella seconda divisione italiana?

– I primi cinque anni a Merano, ho allenato lì, e poi sei riuscito a gestire un hockey decente. Non si guadagnano grosse somme di denaro in seconda lega in Italia se non per qualche anno. Questo è un normale lavoro dignitoso. Mentre ci giri intorno, risponde e offre un’altra risata.

Rimarrai in Italia adesso dopo la tua carriera sportiva?

– Sembra, ma non si sa mai.

Hai consigliato a qualcun altro di fare lo stesso viaggio?

– Assolutamente. Bene o male. Hai bisogno di un piano di backup perché richiede molto tempo. Un’istruzione probabilmente è meglio, dice con una risata.

TV: I tre migliori ritorni di SHL