TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La Spagna perdona i prigionieri separatisti | GP

L’annuncio è arrivato durante un discorso alle autorità regionali nella capitale catalana, Barcellona, ​​lunedì.

C’è stato un intenso silenzio al famoso teatro dell’opera di Lisieux quando il primo ministro socialdemocratico Pedro Sánchez ha parlato.

– Il Primo Ministro ha detto che questo ci offre l’opportunità di voltare pagina.

Una volta annunciata la decisione di grazia, è stata interrotta dalle proteste in sala di singoli separatisti.

Siamo nella sala del piano, tutte le opinioni sono benvenute”, ha detto Sanchez.

– Anche se comprendiamo le argomentazioni degli oppositori, il governo ha deciso di aprire un percorso verso la riunificazione.

Critiche da entrambe le parti

L’amnistia per nove importanti separatisti arrestati a seguito della dichiarazione di indipendenza della Catalogna dalla Spagna nel 2017 ha suscitato forti emozioni.

Secondo uno dei parrocchiani Sondaggio Ipsos Pubblicato la scorsa settimana, il 53 percento degli intervistati perdona, mentre solo il 29 percento degli intervistati sostiene.

Il 13 giugno, decine di migliaia di persone hanno manifestato nel centro di Madrid insieme a rappresentanti dell’ala destra contrari ai piani di amnistia. I critici dicono che la decisione è una concessione inaccettabile ai separatisti che credono che minacci la coesione dello stato spagnolo. Accusano anche Sanchez di volersi assicurare il suo potere attraverso l’amnistia, perché il suo governo di minoranza si basa in parte sul sostegno dei partiti separatisti.

Il leader del Partito popolare di destra, Pablo Casado, attacca con forza la decisione del presidente del Consiglio di perdonare “coloro che non hanno mostrato rimorso e che minacciano anche di ripetere” le loro azioni.

READ  Israele: avvisi sui lanci di missili nel nord

“Riprendere il dialogo”

Ma tra gli intervistati in Catalogna, fino al 68 per cento sostiene la decisione di graziare i separatisti incarcerati.

Tra i separatisti catalani che si oppongono all’amnistia, molti credono che un’amnistia generale dovrebbe essere concessa a tutte le persone condannate per coinvolgimento in tentativi di ottenere l’indipendenza.

Nelle ultime settimane, Sanchez ha cercato di raccogliere sostegno per la sua decisione, che ritiene sia la chiave per superare lo stallo politico.

“Il confronto non ha aiutato a risolvere alcun problema”, ha detto Sanchez nel suo discorso a Barcellona.

– Vogliamo riprendere il dialogo politico.

crisi profonda

La decisione di grazia dovrebbe essere formalmente raggiunta in una riunione di gabinetto martedì.

La crisi della Catalogna è stata una questione dominante nella politica spagnola dal 2017, quando l’allora governo regionale ha tenuto un voto illegale sull’indipendenza segnato dalla violenza quando è intervenuta la polizia.

Il voto è stato seguito da una dichiarazione di indipendenza di breve durata e ha scatenato una delle peggiori crisi politiche della Spagna negli ultimi decenni.

Nel 2019, 12 politici e attivisti catalani sono stati condannati per il loro coinvolgimento in tentativi di indipendenza. I nove che ora dovrebbero essere graziati sono stati condannati da nove a tredici anni di carcere, scatenando proteste diffuse in tutta la Catalogna.