TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La nuova pillola Corona potrebbe essere un vero punto di svolta: scopri il segreto qui

Sebbene i prossimi mesi offrano sole estivo e vacanze per la maggior parte delle persone, le autorità di molti paesi stanno attualmente lottando per prepararsi alla minaccia che potrebbe attendersi quando l’autunno e l’inverno torneranno: un aumento ancora maggiore del numero di infezioni da coronavirus.

Ma un grande punto positivo è che ora abbiamo una nuova arma a portata di mano, che è stata annunciata in precedenza CHI som “Il miglior trattamento fino ad oggi per i pazienti ad alto rischio.”

Il farmaco, chiamato paxlovid, è una pillola sviluppata dalla società farmaceutica Pfizer e somministrata a pazienti che sono infetti ma non presentano ancora sintomi gravi.

All’inizio Test clinici Le pillole hanno ridotto il rischio di ricovero tra i pazienti ad alto rischio con coronavirus fino all’89%. E fa usare parole grosse ai ricercatori di tutto il mondo.

“Questa pillola può essere un punto di svolta perché può essere utilizzata a scopo profilattico. Insieme ai vaccini, questo è molto positivo”, afferma Lon Simonsen, epidemiologo e capo del Centro di epidemiologia dell’Università di Roskilde.

Si potrebbe immaginare che le pillole potrebbero, ad esempio, essere utilizzate in un focolaio di una casa di cura e che potrebbero avere un effetto tremendo, dice.

Ma come può la pillola combattere il virus una volta che è entrato nel corpo? Perché non dare queste pillole a ogni persona infetta? Ottieni le risposte qui.

Cos’è baxlovid?
Baxlovid è un agente antivirale composto da due diversi ingredienti nella stessa confezione.

Uno degli ingredienti è un agente chiamato nirmaltrevir che blocca il coronavirus in modo che non possa prodursi in grandi quantità nelle nostre cellule e creare nuove particelle virali nel corpo.

READ  Il medico del controllo delle infezioni si calma dopo l'aumento dell'epidemia di influenza a Hudixvall

Il secondo ingrediente è un trattamento chiamato retinovir che aiuta il nirmaltrevir a rimanere nel corpo più a lungo in modo che possa combattere meglio il coronavirus. A proposito, un farmaco che era precedentemente usato per curare l’HIV e l’AIDS.

Baxlovid viene ingerito in due compresse ogni dodici ore per cinque giorni, dopo l’infezione, ma prima che compaiano sintomi gravi.

Quanto è efficace?

in Studio clinico A partire da novembre 2021, Baxlovid ha ridotto il rischio di ricovero e morte tra i pazienti ad alto rischio fino all’89% se le pillole fossero state somministrate tre giorni dopo i primi sintomi.

Se le pillole vengono somministrate entro cinque giorni dalla comparsa dei primi sintomi, riducono il rischio dell’85%.

In due recenti studi su 3.078 pazienti con corona, le pillole hanno anche ridotto il rischio dell’85%. Tra i particolarmente vulnerabili, può Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità Ciò significa fino a 84 ricoveri in meno ogni 1.000 pazienti.

In che modo baxlovid combatte il virus corona nel corpo?

Quando vieni infettato dal coronavirus, il virus penetra nelle tue cellule in modo che possa usarle come una specie di fabbrica per produrre in serie se stesso nella miriade di particelle virali che ti fanno ammalare.

Questo è esattamente il processo attraverso il quale le pillole Baxlovid si fermano.

Affinché il coronavirus possa dirottare le tue cellule e copiare se stesso, deve utilizzare forbici proteiche molto speciali chiamate proteasi. Le forbici proteiche tagliano le proteine ​​del virus in pezzi in modo che diventino attive e possano formare capsule di nuove particelle virali riempite con il materiale genetico del virus.

READ  Il basso reddito aumenta il rischio di frequenti attacchi di cuore |

Ma associando le forbici proteiche, dove devono essere tagliate completamente, paxlovid mette le forbici fuori gioco. È un trattamento efficace per un virus come il coronavirus, spiega Magnus Kiergaard, professore associato presso il Dipartimento di Biologia Molecolare e Genetica dell’Università di Aarhus ed esperto di proteomica e di come funzionano i meccanismi molecolari:

“Ci sono vari punti nel ciclo di vita del coronavirus che possono essere attaccati per impedire al virus di funzionare: le proteasi sono uno di quei passaggi”, spiega.

Perché non diamo le pillole a ogni persona infetta?

L’OMS non lo consiglia Che le compresse vengano somministrate a pazienti a minor rischio, i benefici finora sembrano insignificanti.

Allo stesso tempo, secondo Magnus Kiergaard, assistente professore presso il Dipartimento di Biologia Molecolare, è importante usare il farmaco con moderazione per evitare resistenze:

“Poiché Paxlovid si adatta a un interruttore di blocco nella proteasi del coronavirus, sono necessarie piccolissime modifiche per renderlo inadatto. Una mutazione potrebbe essere sufficiente”, spiega.

“Se trattiamo Paxlovid su larga scala, ci sarà un vantaggio in termini di sopravvivenza per il virus nel diventare resistente. Pertanto, ci aspetteremmo che varianti del virus resistenti a Paxlovid prendano il sopravvento, e quindi non trarremmo beneficio dal farmaco. Il più lo usiamo, più ci aspettiamo che il virus diventi resistente più velocemente.