TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Johan Nilsson: Ecco perché il vaiolo delle scimmie è così importante

La dichiarazione dell’OMS è arrivata dopo che circa 30 ricercatori hanno discusso alcuni giorni fa per un cambio di nome in un articolo di giornale. virale.

“L’epidemia che stiamo vedendo oggi è globale, motivo per cui tutte le indicazioni che il virus è africano non sono solo errate, ma anche discriminatorie e stigmatizzanti”, hanno scritto.

Secondo i ricercatori, il virus che ha causato l’attuale focolaio è molto diverso, rispetto ai due ceppi di virus che circolano rispettivamente nell’Africa centrale e occidentale. Non è noto alcun collegamento con le scimmie o l’Africa, quindi il nome è fuorviante. Come suggerimento, hanno scritto che la malattia potrebbe cambiare il suo nome in hMPXV. Almeno fino a quando l’Organizzazione Mondiale della Sanità non troverà qualcosa di meglio.

Ma qual è il punto? Esiste una cosiddetta malattia? Importa? La risposta breve è sì.

Tra gli autori dell’articolo su Virological c’è Tulio de Oliveira, professore di bioinformatica all’Università di KwaZulu-Natal a Durban, in Sud Africa. Lui, se qualcuno, dovrebbe sapere di cosa sta parlando. Nel novembre 2021, lui ei suoi colleghi hanno scoperto la variante omicron. Tuttavia, all’inizio, questa variante era chiamata variante del Sud Africa (da non confondere con il virus che in precedenza era chiamato variante sudafricana, in seguito chiamata variante beta). Ciò ha contribuito all’isteria che è poi esplosa quando diversi paesi hanno imposto severe restrizioni di viaggio al Sud Africa, con conseguenze disastrose per il turismo del paese. Questo nonostante il fatto che ancora nessuno sappia dove e quando abbia avuto origine l’Omicron. Forse in Sud Africa, o da qualche altra parte. Soprattutto, gli omicron erano già in Europa in questo momento.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità è ben consapevole delle conseguenze di nomi “sbagliati” per malattie o virus

Tulio de Oliveira e colleghi ritengono che l’attuale epidemia di vaiolo delle scimmie sembra aver avuto origine in Europa, dove il primo paziente è stato scoperto all’inizio di maggio. Prima di questo, il virus potrebbe essere circolato nel continente per diversi mesi, quando si è verificato un massiccio adattamento negli esseri umani.

READ  L'estrema tristezza porta a cattive condizioni di salute

“Dall’Europa, da allora è stato introdotto nel resto del mondo”, ha detto Tulio de Oliveira alla rivista Science.

Al momento, sono stati trovati più di 3.300 casi sospetti e confermati in circa 50 paesi diversi, inclusa la Svezia, dove sono stati rilevati circa una dozzina di casi.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità è ben consapevole delle conseguenze di nomi “sbagliati” per malattie o virus. Da qui l’organizzazione Già nel 2015 Gli Stati membri lo hanno raccomandato Non Uso di nomi geografici.

Donald Trump ha chiamato COVID-19

Donald Trump ha soprannominato COVID-19 il “virus cinese”, che secondo la ricerca ha aumentato l’odio e le minacce contro gli asiatici americani.

Foto: Amy Harris/Shutterstock

Tuttavia, questo non si è fermato L’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha chiamato il virus che causa il covid-19 (sars-cov-2) il “virus cinese”, poiché la ricerca mostra un aumento dell’odio e delle minacce contro gli asiatici americani. Dopo che l’allora presidente ha usato il termine per la prima volta, in un tweet del 16 marzo 2020, il numero di hashtag è crollato con l’intestazione rivolta agli asiatici in generale e ai cinesi in particolare.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità è d’accordo con i ricercatori e afferma che ora stanno lavorando per sostituire il nome monkey pox con qualcos’altro, che dovrebbe essere “non discriminatorio e non stigmatizzante”, scrive. BBC.

Tuttavia, Tullio de Oliveira vuole andare avanti e cambiare anche i nomi delle “vecchie” malattie. Ad esempio, Ebola, dal nome del fiume Ebola nell’attuale Repubblica Democratica del Congo, dove è stato scoperto il virus.

La maggior parte (queste malattie) sono state nominate da persone che stavano facendo una sorta di ricerca coloniale. Atterrano in un posto e semplicemente “Wow, è quello che ho scoperto. Lo chiamo come voglio. È quello che facevano. È questa la strada giusta da percorrere? Non credo”, dice.

Leggi di più:

CHI: Monkeypox non è una minaccia internazionale per la salute umana

Risultati non confermati per i paesi che vaccinano contro il vaiolo