TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Gli scienziati prolungheranno la vita del cane

Gli scienziati prolungheranno la vita del cane

I proprietari di cani si rallegrano del progetto

È stata fondata nel 2014 da un gruppo di veterinari, biologi e altri ricercatori amanti dei cani Progetto di invecchiamento del cane Con l’obiettivo di far vivere più a lungo i cani e migliorare la loro salute generale.

Il prolungamento della vita senza malattia, cioè quando il cane è sano, è una priorità particolarmente alta.

Il periodo di buona salute generale è il più ricercato nella ricerca sull’invecchiamento, in quanto l’età di 100 anni non è molto attraente se si hanno malattie gravi dall’età di 60 anni.

Quindi i ricercatori hanno esaminato migliaia di cani di tutte le taglie, razze ed età. I proprietari di cani consegnano inoltre ai ricercatori le cartelle cliniche degli animali e rispondono ogni anno a questionari dettagliati, che richiedono circa tre ore per essere completati.

Grandi quantità di dati dovrebbero fornire una migliore comprensione di come i geni, lo stile di vita e l’ambiente influenzano il processo di invecchiamento.

Oltre alle cartelle cliniche e ai questionari, i ricercatori monitoreranno l’invecchiamento mappando i genomi di quasi 10.000 cani, la loro intera massa genetica.

E i primi risultati sono già pronti.

L’esercizio previene la demenza

Nel 2022 ha pubblicato The Canine Aging Project conclusioni Da un’analisi completa che esamina le associazioni tra attività fisica e demenza nei cani anziani. Lo studio ha incluso 11.574 cani di età compresa tra 6 e 18 anni, di cui 287 affetti da demenza.

Utilizzando studi modello, i ricercatori hanno ottenuto informazioni, tra le altre cose, sulla salute cognitiva dei cani, ovvero attività cerebrali come memoria, riconoscimento di schemi ed elaborazione delle informazioni, livello di attività, cronologia degli esercizi e assunzione di integratori.

Le analisi hanno rivelato legami significativi tra l’attività fisica e la demenza canina: i cani che erano molto attivi fisicamente, ad esempio, avevano meno probabilità di sviluppare la demenza canina clinica, nota anche come CCD.

I cani con malattie speciali, in particolare quelle legate all’età, vengono sottoposti a screening molto attento e inclusi in diversi tipi di studi. Se i cani soffrono di demenza o CCD, ad esempio, gli studi potrebbero rivelare nuovi dettagli su come e a quale età inizia la malattia cerebrale.

La varietà delle razze canine rende ancora più necessario raccogliere grandi quantità di dati. Il processo di invecchiamento dei pastori tedeschi, ad esempio, può apparire diverso rispetto a quello dei Bulldog, poiché la durata della vita varia notevolmente tra le razze.

In Stabile A partire dal 2022, un gruppo di ricerca inglese ha concluso che mentre la durata media della vita dei cuccioli di Jack Russell è di circa 13 anni, la cifra è di soli 4,5 anni per i Bulldog francesi.

Lo studio ha anche scoperto che i cani più piccoli generalmente sopravvivono ai cani più grandi, il che è incoerente con la maggior parte degli altri mammiferi, poiché le specie più grandi in genere vivono più a lungo dei cani più piccoli.

Potrebbe essere dovuto al cibo che diamo ai nostri cani.

Dagli da mangiare solo una volta al giorno

L’impatto della dieta sulla salute è indiscutibile, ma ci sono ancora grandi lacune nelle conoscenze degli scienziati su come esattamente le abitudini alimentari influenzino la salute degli animali e il processo di invecchiamento.

Così hanno studiato diversi tipi di dieta nella speranza di trovare diete con effetti anti-invecchiamento. Esperimenti su topi e ratti hanno dimostrato che un apporto calorico limitato e un digiuno periodico, quando il cibo viene consumato solo in periodi di tempo limitati, hanno un effetto positivo sulla durata della vita.

Pertanto, i ricercatori del Dog Aging Project hanno verificato se esiste anche una relazione tra la salute dei cani – e soprattutto la loro salute cognitiva – e la frequenza con cui vengono nutriti.

Analitica I dati di oltre 10.000 cani hanno rivelato che un pasto al giorno, non diversi, era associato a un minor rischio di malattie agli organi, ai denti e alle ossa, nonché a una migliore salute mentale.

Pertanto, sia l’esercizio fisico che la dieta sono importanti per la durata della vita di un cane. Ma i ricercatori non si sono fermati qui. Hanno iniziato a cercare farmaci che rallentassero il processo di invecchiamento e ritardassero la morte dei cani.

La cura miracolosa pulisce tra le cellule

Un agente in particolare si sta entusiasmando. La rapamicina viene utilizzata oggi, tra l’altro, per curare il cancro negli esseri umani e in relazione al trapianto di organi, perché calma il sistema immunitario in modo che l’organo non venga rifiutato. Ma sembra essere utile anche per la ricerca sull’invecchiamento, con esperimenti su moscerini della frutta, vermi e roditori che hanno dato risultati sorprendenti.

In Stabile Dal 2016, un gruppo di ricerca americano ha scoperto che tre mesi di trattamento quotidiano con rapamicina prolungavano la vita dei topi di mezza età fino al 60% rispetto ai topi non trattati.

L’effetto della rapamicina sul processo di invecchiamento ricorda l’effetto della restrizione calorica. Questa sostanza inibisce la proteina mTOR che si attiva quando mangiamo e regola il metabolismo, controlla la crescita cellulare, la divisione cellulare e altro ancora.

Ma l’attività della proteina è anche associata a un aumento del rischio di diverse malattie legate all’età, come il cancro, l’artrite e l’osteoporosi.

Pertanto, il Canine Aging Project testerà ora la rapamicina nei cani per ottenere dati concreti sull’effetto negli animali di grossa taglia e per trovare la dose ottimale. E non dovrebbe giovare solo ai cani.

I cani sono gli animali da laboratorio ideali

L’aspettativa è che la ricerca sulla salute e l’invecchiamento canino avvantaggerà le persone in più modi oltre a dare ai nostri amati animali domestici una vita più lunga e migliore. Con i cani come modello, otteniamo informazioni su come la dieta e l’esercizio fisico influenzano il processo di invecchiamento negli esseri umani.

Proprio come gli animali da laboratorio, i cani vivono vite più brevi degli umani e quindi invecchiano più velocemente. Pertanto, è più facile studiare l’invecchiamento nei cani che negli esseri umani.

E poiché vivono così vicino agli umani e prosperano in ambienti umani – a differenza, diciamo, dei topi nei laboratori – i cani sono buoni modelli di come il nostro ambiente e il nostro stile di vita influenzano l’invecchiamento. I cani, ad esempio, soffrono di molte delle stesse malattie legate allo stile di vita che soffriamo noi: obesità, artrite e diabete, ad esempio.

Le vite prolungate dei cani saranno più avvincenti delle lunghe vite di topi e ratti e daranno alle persone maggiore fiducia che anche noi possiamo sconfiggere l’invecchiamento e vivere vite più lunghe e più sane.

Proprio come le malattie possono essere prevenute attraverso lo stile di vita e la medicina, così è l’invecchiamento – e i nostri amici a quattro zampe dovrebbero aiutarci a capirlo.

READ  Saltare la colazione è pericoloso per la salute? Medico dietetico