TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Jonas Jerepko apre le porte alla Svezia: “Vuoi restituire”

Jonas Jerepko apre le porte alla Svezia: “Vuoi restituire”

Nel 2007, Jonas Jeribko ha lasciato il B.C. Lulia (allora Blanja Basket) per la Serie A. Due anni dopo, arrivò il suo primo contratto NBA con i Detroit Pistons.

Poi seguì un decennio in MLS, che si concluse con una sconfitta in finale contro i Toronto Raptors.

Dice nel podcast Di come si è seduto con il suo agente dopo la finale e non ha avuto un solo spettacolo, né nella NBA né in Europa. Poi ha contattato il suo vecchio agente che, in meno di dodici ore, ha saldato un proficuo contratto in Russia BC Shemki.

– Quando il mio vecchio agente ha detto che aveva già parlato con lo stesso club, l’ho licenziato sul posto, e il contratto era molto buono, dice.

Jonas Jeribko al ritorno con la nazionale 2021.

Foto: Basket svedese / Bildbyrån

Il tempo in Russia non era quello che aveva sperato. Ha perso la motivazione per giocare a basket e ha pensato di smettere.

Senza dubbio, non c’è niente su cui mentire. Giocare non è stato divertente per un po’.

Qualcosa che lo ha reso così difficile è che difficilmente gli è stato permesso di incontrare la sua famiglia. Non da ultimo quando la moglie era incinta.

– Non hanno specificato un visto per la mia famiglia ma hanno sempre detto “la prossima settimana”. A dicembre dell’anno scorso, ho detto al mio agente che avevo bisogno di un po’ di tempo libero, così ho avuto qualche giorno libero per Capodanno.

Non vedo mia moglie incinta da cinque mesi. Quando stavo tornando in Russia, l’agente ha chiamato e ha detto che l’allenatore non mi voleva indietro.

Anche Jonas Jeribko è critico nei confronti dell’organizzatore e allenatore Rimas Cortenitis.

L’organizzazione e l’intera partita sono state alle Hawaii, alla fine abbiamo giocato davvero bene ed è stato un errore perché dopo abbiamo salvato il lavoro del nostro allenatore.

lui dice Non abbiamo ancora ricevuto tutto lo stipendio.

– Sono un sacco di soldi, ora tocca al tribunale della FIBA.

Un giorno voglio tornare a casa, quindi perché non farlo quando puoi?

Ora è a casa nel Michigan. Si tiene in forma ma non tocca un pallone da basket da molto tempo.

Dopo la riunione della Nazionale (primo in otto anni) nel febbraio di quest’anno ha elogiato le offerte dei club europei.

I piani sono chiari: vuole tornare in NBA.

– È rimasta diversi anni nella NBA. C’erano molti spettacoli ma ho chiuso tutte le porte. È l’episodio NBA che voglio. La Lega Europea è dietro di me ora.

Capisce che non tutti i club potrebbero volere il 34enne, ma non è nervoso.

– Se avrò la possibilità, la coglierò.

Jonas Jeribko dice che è finita Con le partite in Europa e se non avrà mai più una possibilità nella NBA, la Svezia è quella che si applica.

– A volte voglio tornare a casa, quindi perché non lo fai quando puoi? Voglio restituire il favore.

Mia moglie è svedese e i miei figli vogliono andare alla scuola svedese. Possono iniziare a guardare anche le partite ora e non c’è posto migliore della Svezia per farlo.

Quale club avrebbe scelto in questo caso non è chiaro, ma è tra il BC Luleå o il suo club locale Borås Basket.

– Mi sembra del tutto normale, ma non chiudo le porte.

Il prossimo obiettivo è il raduno della squadra nazionale a febbraio, inclusa la Croazia in casa il 28 febbraio.

READ  Joachim Nilsson parla dei milioni e del successo del St. Louis City FC