TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il suo fidanzato è annegato fuori Tripoli, due giorni dopo il suo fidanzamento

“Una nuova vita! Sono fidanzata. “Questo è ciò che la libanese Marwa Salloum, 24 anni, ha scritto giovedì su Facebook. Commenti di congratulazioni scorrevano sotto la sua nuova immagine del profilo con il suo fidanzato, Mohammed.

Ma presto il contenuto dei campi dei commenti è cambiato radicalmente. Sembra che Maometto sia annegato.

sabato scorso andato Su una nave diretta in Europa. I suoi genitori, quattro fratelli e circa 80 altri erano sul volo. Durante la serata, la coppia ha perso i contatti e presto Marwa ha appreso tramite Facebook che la barca era affondata fuori dalla città di Tripoli dove vive.

– Non poteva continuare qui. Era soffocato a causa della situazione. Marwa ha detto in un’intervista al quotidiano libanese An-Nahar, che per il bene di un futuro migliore per noi insieme, ha rischiato la vita.

Marwa è quasi crollata quando le è stato chiesto durante la videointervista se avesse ricevuto informazioni sul suo fidanzato e sulla sua famiglia.

– No. Non so nulla. È vivo? Se n’è andato per sempre? Avrebbero trovato il suo corpo se gli fosse successo qualcosa di terribile? chiese la giovane, cercando di asciugarsi le lacrime dal viso. L’anello di fidanzamento d’oro si illuminò al suo dito.

Maometto e la sua famiglia Sette dei circa 20 libanesi, siriani e palestinesi devono ancora essere trovati dopo l’affondamento. 48 persone sono state immediatamente soccorse e sette corpi sono stati trovati. La ricerca degli altri continua.

L’esercito libanese ha detto che la barca dei migranti si è scontrata con la barca dell’esercito quando il capitano ha cercato di manovrare per scappare. Queste informazioni non sono d’accordo con i conti dei sopravvissuti:

READ  Venture capitalist: "Gli investitori sono più abituati a investire negli uomini"

– Abbiamo deliberatamente speronato una nave dell’esercito. “Whoa, abbiamo dei bambini a bordo”, abbiamo gridato. “Ti seppelliremo”, hanno risposto, come hanno detto almeno due sopravvissuti ai media locali.

foto 1 da 2
Il personale medico attende lo sbarco dei bagnini al porto di Tripoli.

Foto: Agence France-Presse

foto 2 da 2
Cerco lavoro fuori Tripoli.

Foto: Agence France-Presse


Da quando è iniziata la crisi economica del Paese nel 2019, sempre più persone stanno cercando di trasferirsi dal Libano all’Europa. La maggior parte delle persone sceglie di viaggiare dalla costa di Tripoli, nella parte settentrionale del paese.

La rabbia e la tristezza erano grandi In città da quando la nave dei migranti è affondata sabato scorso. Lo ha affermato Raed Al-Hajj, 29 anni, in una conversazione telefonica con DN. Lavora come insegnante a Tripoli.

– Le persone sono molto arrabbiate per quello che è successo. Ora è comune per le famiglie raccogliere fondi, acquistare una barca ed emigrare.

La destinazione è solitamente Cipro e talvolta anche l’Italia. L’obiettivo quindi è di trasferirsi in Europa occidentale e settentrionale.

Quando DN parla con Raed Hajj È notte in Libano e la maestra è presente in un momento di lutto per alcuni conoscenti. Si volta per raccontarci l’incidente accaduto ai parenti dei suoi amici.

Le donne ei bambini erano nella cabina più bassa della barca ed erano ovviamente meno abili nel nuoto. Pertanto, né le donne né i bambini sulla barca sono sopravvissuti, dice Raed Al-Hajj, e continua.

Le persone sono scioccate e disperate.

foto 1 da 2
Il nipote del bambino di sette anni è stata una delle vittime quando la nave dei migranti è affondata al largo di Tripoli. Circa 20 degli 80 passeggeri della barca sono ancora dispersi.

Foto: persiane

foto 2 da 2
Persone in lutto sparato in aria.

Foto: Ibrahim Shalhoub/AFP


READ  I prestiti di avviamento del governo andranno a beneficio dei giovani acquirenti di libri - Fastighetstidningen

Ho aspettato martedì pomeriggio Un pugno di parenti dei dispersi nel porto di Tripoli, sperando di raccontare loro l’accaduto.

Marwa Salloum, appena fidanzata, sta aspettando a casa, ha detto al giornalista del quotidiano locale Al-Nahar.

– Ho speranza. Chiedo a Dio il miracolo di restituire Maometto.

Leggi di più:

“La sparatoria ci ha ricordato la guerra civile”

Tutte le case libanesi sono senza elettricità per diversi giorni

A un anno dall’esplosione di Beirut: “La disperazione e la frustrazione dominano la vita qui”