TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il Museo di Storia Nera può sequestrare le antichità del sud

Dopo un lungo processo giudiziario, la statua del generale meridionale Robert E. Lee a Richmond è stata finalmente rimossa a settembre.

È passato più di un anno da quando il governatore della Virginia Ralph Northam ha annunciato che il memoriale non avrebbe più fatto parte dell’immagine dello stato nell’ex capitale confederata. La notizia è arrivata dopo le grandi proteste del movimento Black Lives Matter contro la brutalità della polizia contro gli afroamericani.

I simboli del sud e i monumenti confederati sono stati un problema irto negli Stati Uniti negli ultimi anni. Questo perché durante la guerra civile americana del 1861-1865, gli stati del sud combatterono per mantenere la schiavitù.

Effetti simili È stato raccolto in tutto lo stato nell’ultimo anno. Ma dove avrebbero dovuto andare dopo non era chiaro e le soluzioni erano spesso criticate. La contea di Albemarle ha inviato un fotografo soldato del sud nella Shenandoah Valley, un campo di battaglia durante la guerra civile. La città di Charlottesville ha donato un’altra statua del generale a un museo locale, che prevedeva di digerire l’oggetto e creare una nuova attività.

Si sta avvicinando un accordo che trasferirà la proprietà di molte delle antichità dello stato meridionale al Museum of Black History di Richmond. Il governatore dello stato e il sindaco della città hanno redatto congiuntamente parti dell’accordo, che ora necessitano dell’approvazione del consiglio comunale, scrive Washington Post.

Ma a settembre la statua del generale Lee cadde, ma la base rimase fino a dicembre.

Foto: John C Clark

Successivamente, l’azienda sarà interessata a lavorare con The Valentine Museum, un altro museo della città.

“Incaricare due delle nostre istituzioni più rispettate di antichità e il futuro dei pilastri è la cosa giusta da fare. Assegneranno tempo sufficiente per coinvolgere il pubblico e garantire che i manufatti siano presentati in modo ponderato”, ha scritto il sindaco di Richmond Levar Stoney in una dichiarazione, secondo il Washington Post.

Le feste vengono da sole Decidi cosa fare con gli oggetti che sono attualmente archiviati in una posizione sconosciuta. La città ha ricevuto molte offerte dagli acquirenti e ha l’opportunità di accettare queste offerte o di progettare le proprie mostre.

Marlan Buckner, direttore ad interim del Museum of Black History, afferma che il museo si prende molto seriamente la responsabilità delle cose e farà in modo che le sue origini e il suo scopo – glorificare coloro che hanno guidato la lotta per schiavizzare gli afroamericani – non vengano mai dimenticati.

Se approvato, l’accordo darà al pubblico l’opportunità di contribuire con le proprie opinioni su come vengono presentate le antichità per una comprensione più profonda della storia americana, afferma il governatore Ralph Northham.

– Quelli non sono chi siamo come residenti in Virginia, ora andiamo avanti. Ora tocca alla gente di Richmond decidere il futuro del manufatto.

Oltre al generale Lee, ci sono anche fotografie, tra gli altri, dell’ufficiale J.P. Stewart, del generale Thomas “Stonewall” Jackson e del giornalista Joseph Bryan che hanno combattuto per la Confederazione.

Leggi di più: Una capsula del tempo del 1887 aperta in Virginia

READ  Almeno due persone sono state colpite quando la polizia a Rotterdam ha aperto il fuoco sui manifestanti violenti