TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Gli Stati Uniti e la Cina si impegnano a lavorare insieme sul clima

Quando si parla di cambiamento climatico, c’è più accordo che disaccordo tra Cina e Stati Uniti.

Questo è ciò che ha affermato il negoziatore cinese sul clima Xie Zhenhua dopo che lui e il suo omologo statunitense John Kerry hanno rilasciato una dichiarazione congiunta per aumentare le misure per frenare l’aumento delle temperature.

risultato comune È stata una sorpresa e potrebbe essere un segno che il rapporto tra Stati Uniti e Cina, che è stato a lungo molto gelido, questa volta sta raggiungendo il suo culmine. Poco prima che arrivasse la dichiarazione, ci sono informazioni non confermate secondo cui Joe Biden e Xi Jinping si incontreranno digitalmente per la prima volta da quando Biden è diventato presidente all’inizio della prossima settimana.

Secondo la dichiarazione congiunta, Cina e Stati Uniti lavoreranno insieme per raggiungere l’obiettivo dell’accordo di Parigi di un aumento della temperatura non superiore a 1,5 gradi.

Non mancano le differenze tra Stati Uniti e Cina. Ma in termini di clima, la cooperazione è l’unico modo per portare a termine il lavoro, ha affermato John Kerry.

È un cambio di scenario rispetto all’inizio della COP 26 a Glasgow, quando Joe Biden ha accusato il leader cinese Xi Jinping di aver commesso un “grande errore” non recandosi a Glasgow. Allo stesso tempo, Pechino si è lamentata del fatto che a Xi Jinping non è stato permesso di pronunciare un discorso tramite il collegamento video.

L’inviato americano per il clima John Kerry ha affermato che la Cina e gli Stati Uniti devono lavorare insieme per salvare il clima.

Foto: Jeff J Mitchell / AFP

In precedenza, Cina e Stati Uniti Ha avuto problemi ad andare avanti sulla questione clima a causa di controversie su altre questioni. Tra le altre cose, gli Stati Uniti accusano la Cina di violare i diritti umani attraverso il trattamento riservato agli uiguri nella provincia nordoccidentale dello Xinjiang. Le azioni della Cina a Hong Kong hanno anche attirato dure critiche da Washington. La Cina, da parte sua, ha sostenuto che si trattava di una questione di “affari interni”. Pechino ha anche messo in dubbio che gli Stati Uniti possano raggiungere i propri obiettivi climatici, data la difficoltà con cui Biden sarà in grado di ottenere pacchetti climatici al Congresso.

Ora, almeno per il momento, questo tipo di lavorazione del legno sembra essere stato accantonato.

La dichiarazione congiunta è stata accolta come un’iniezione positiva ai negoziati sul clima di Glasgow, che stanno entrando nelle fasi finali con la speranza di presentare una tabella di marcia comune venerdì.

anche se I 14 punti che compongono la dichiarazione Ben ventilato. Ecco alcuni dettagli e promesse tangibili. Nessun nuovo impegno sui tagli alle emissioni, niente su ciò che molti hanno chiesto, che la Cina sta fissando al livello a cui dovrebbero iniziare le emissioni di CO2 del Paese, che il Paese ha promesso nel 2030.

La novità nella dichiarazione è che la Cina Promette di sviluppare un piano per ridurre le emissioni di metano. La Cina non era tra i quasi 100 paesi che ne hanno firmato uno all’inizio di questa settimana Accordo per ridurre le emissioni di metano.

Gli Stati Uniti e la Cina hanno anche annunciato che formeranno un gruppo di lavoro che si riunisce regolarmente e accelera l’azione per il clima.

Finora sono solo parole. Ma in una conferenza stampa a Glasgow, John Kerry ha attribuito grande importanza alla dichiarazione. Ha paragonato la cooperazione sul clima all’accordo sul disarmo nucleare raggiunto da Ronald Reagan e Mikhail Gorbaciov nel 1986.

Non possiamo raggiungere i nostri obiettivi se non lavoriamo insieme. Dobbiamo aumentare le nostre ambizioni e dobbiamo agire durante questo decennio cruciale, ha affermato.

READ  Nathan Shahar: Pietà, negligenza e interessi economici dietro la tragedia in Israele