TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Eric de la Reguera: Marine Le Pen farà Trump?

Marine Le Pen dovrebbe essere eletta presidente della Francia?

Se gli organi di opinione hanno ragione, la risposta è: No, non è molto probabile.

Ma lo hanno detto anche prima del voto sulla Brexit nel Regno Unito nel 2016. E prima della vittoria di Donald Trump alle elezioni presidenziali americane dello stesso anno.

Gli ultimi sondaggi si stanno già diffondendo. Ma una cosa è certa: Se Se Le Pen verrà eletto, significherà un’agitazione di proporzioni gigantesche.

Per la Francia, è l’unica potenza nucleare nell’Unione europea. La Germania, insieme alla Germania, è il motore della cooperazione europea. Con Le Pen che assume la presidenza della Francia, l’unità occidentale con la Russia e la guerra in Ucraina probabilmente crolleranno.

Potrebbe avere conseguenze anche in Svezia, non ultimo il dibattito sull’adesione della Svezia alla NATO.

Allora che senso ha vedere una fanfara elettorale in Francia domenica sera tardi?

Innanzitutto il suono della protesta.

La rabbia e il risentimento sono alimentati dall’aumento dei prezzi della benzina e del diesel.

Quando ho viaggiato per il paese Questa settimana nella Francia orientale ho incontrato gli elettori che avevano appena deciso di votare. Molti di loro pensavano che avrebbero votato per Marine Le Pen.

In questi borghi e frazioni di campagna imperversa l’odio per l’establishment, e in particolare per Emmanuel Macron, descritto come arrogante e sprezzante e portavoce dell'”élite” di stanza a Parigi.

La rabbia e l’odio sono alimentati dall’aumento dei prezzi della benzina e del diesel, che ti lascia molto nel portafoglio se vivi in ​​campagna e hai bisogno di un’auto.

È la Francia, arrabbiata – e talvolta amareggiata – che ora inizia a mobilitarsi. Il tono non è del tutto diverso da quello che si trova nell’American Rust Belt nell’autunno del 2016 o in alcune piccole città dell’Inghilterra prima del voto sulla Brexit.

READ  Europa: l'Italia potrebbe essere la prima in fatto di vaccinazione obbligatoria

I sondaggi d’opinione sono generalmente buoni per attirare flussi elettorali. Ma se c’è qualcosa che di solito sfuggono, sono le decisioni che vengono prese all’ultimo minuto, dagli elettori che di solito non vanno a votare altrimenti.

Il radicale di sinistra Jean-Luc Mélenchon esorta a non votare per Marine Le Pen. Tuttavia, i sondaggi suggeriscono che il 20 per cento dei suoi elettori potrebbe fare proprio questo.

Foto: Bertrand Guay/AFP

La situazione è complicata dal fatto che gli elettori di sinistra hanno difficoltà a decidere se votare per Emmanuel Macron o meno. Il radicale di sinistra Jean-Luc Mélenchon ha attirato molti giovani elettori per la prima volta al primo turno delle elezioni, ricevendo un totale del 22% dei voti.

Ma ora ha solo detto che “Le Pen non va votata” – tutt’altro che “un voto per Macron”.

Si prevede che poco più del 50 percento degli elettori di Melenchon voterà in bianco o per niente. Alcuni sondaggi d’opinione suggeriscono che il 20% rifiuterebbe la sua chiamata e voterebbe per Le Pen.

In questo caso, dipende da due cose.

Da un lato, Le Pen ha affinato il razzismo più aperto della retorica del suo partito. Nella campagna elettorale di quest’anno, ha ricevuto assistenza indiretta in questo “processo di normalizzazione” dal candidato di destra radicale Eric Zemmour, che ha assunto il ruolo di estrema destra. terribile monello, A volte faceva sembrare Le Pen quasi incatenato.

Una traccia di denaro russo è stata trovata anche nelle elezioni francesi.

Un altro motivo, e almeno importante, un motivo Il fatto che gli elettori di sinistra e laburisti non siano sicuri di cosa fare è che le politiche economiche di Le Pen possono essere considerate loro più favorevoli di quelle di Macron. Il presidente in carica ha ritardato l’ingresso nel movimento elettorale a causa della guerra in Ucraina e, una volta fatto, è stato con proposte vicine alla piattaforma elettorale del candidato di destra Valery Pekris.

Lo ha aiutato ad attirare elettori di destra. Ma le dure informazioni sull’innalzamento dell’età pensionabile da 62 a 65 anni e sull’obbligo di lavorare per i beneficiari del welfare non vengono meno nemmeno agli elettori della classe operaia simpatizzanti di sinistra.

Allo stesso tempo, negli ultimi mesi hanno cominciato ad apparire nei portafogli della Francia gli aumenti dei prezzi della benzina, dell’elettricità e delle materie prime di base. Cresce la preoccupazione che l’economia stia andando nella direzione sbagliata.

Non va mai bene per un presidente in carica.

Ma allora la Russia?

Se si confronta con le elezioni del 2016 negli Stati Uniti e il voto sulla Brexit dello stesso anno, è impossibile non menzionare i legami sospetti con il regime di Vladimir Putin.

Il presidente russo Vladimir Putin.

Il presidente russo Vladimir Putin.

Foto: Mikhail Clementev/AFP

Secondo le autorità statunitensi Si dice che il GRU sia coinvolto nell’hacking e nella divulgazione delle e-mail di Hillary Clinton. E in Gran Bretagna ci sono sospetti che attori statali e denaro russo abbiano facilitato la vittoria della parte Brexit. Tra le altre cose, acquistando annunci sui social media come Facebook.

Una traccia di denaro russo è stata trovata anche nelle elezioni francesi. L’Assemblea nazionale del partito di Marine Le Pen (allora Fronte nazionale) ha ricevuto un prestito multimilionario nel 2014 da una banca russo-ceca. È stato trasferito ad un’altra banca, ma non è stato ancora rimborsato.

“Quando parli con la Russia, parli con il tuo banchiere!”, ha detto Macron nel dibattito televisivo mercoledì.

Le Pen, ovviamente, lo ha respinto. Ma il fatto che abbia parlato così calorosamente di Vladimir Putin per così tanto tempo, che abbia persino suggerito di riconoscere l’annessione della Crimea e che ora si opponga a sanzioni più severe (in particolare il blocco delle importazioni russe di petrolio e gas) la rende credibile in questa materia. Versione in basso a destra.

La scorsa settimana ha detto che voleva vedere un “approccio strategico” per la Russia quando la guerra in Ucraina sarebbe finita. Potrebbe sembrare un momento strano per una mossa del genere. Forse dà un’indicazione di ciò che attende dopo un possibile cambio di potere.

Al momento, la maggior parte delle indicazioni è che Emmanuel Macron sarà rieletto presidente

Il presidente ha un grande potere Sulla difesa e la politica estera in Francia. Le Pen non avrebbe bisogno della maggioranza nell’Assemblea nazionale per rompere il consenso dell’Occidente sulla guerra di aggressione della Russia contro l’Ucraina. Né mettere il paese in rotta di collisione con la Commissione europea e una serie di altri pesi massimi dell’UE, inclusa la Germania.

Ma per portare avanti la sua politica interna, Le Pen avrà bisogno del sostegno di una maggioranza nell’Assemblea nazionale – ed è improbabile che lo ottenga alle elezioni parlamentari di giugno.

Pertanto, ha in programma di iniziare il suo mandato al potere con un referendum sulla politica dell’immigrazione. Spiega che vuole legiferare direttamente in questo modo, senza passare per l’Assemblea nazionale. Si applica, tra l’altro, al divieto del velo nei luoghi pubblici ea una serie di leggi discriminatorie agli occhi di molti musulmani francesi.

Può portare a rivolte nelle strade e nelle piazze e garantisce un conflitto aperto con il Parlamento e il Consiglio costituzionale. C’è dunque da aspettarsi una vera e propria crisi costituzionale, che potrebbe scuotere le fondamenta della Quinta Repubblica.

Tuttavia: per ora, la maggior parte delle indicazioni sono che Emmanuel Macron sarà rieletto presidente. In questo caso, la stabilità resta in Europa. Macron dovrà quasi sicuramente fare un autoesame se Le Pen ottiene più voti di cinque anni fa. Ma la Francia non sarà sull’orlo di una profonda crisi politica.

Leggi di più:

In testa Macron nella finale francese

Sette grandi temi alle elezioni francesi

L’odio di Macron può determinare le elezioni in Francia