TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il villaggio è stato definito privo di virus, quindi le infezioni sono aumentate del 925%.

Aftonbladet al suo posto nel “punto nero” d’Inghilterra

Shaftesbury. Un anno fa il paese si chiamava covidfri.

Ma l’infezione si sta ora diffondendo a Shaftesbury e nella regione del Dorset, dopo che tutte le restrizioni britanniche sono state revocate.

È come se molti si fossero arresi un po’, dice Colin Drew, 80 anni.

Nel marzo 2021, l’area ha visto il Dorset nel sud-ovest Inghilterra In via di uscita dall’epidemia.

64 villaggi della zona sono stati dichiarati indenni da COVID-19 da Public Health England.

Poi è successo qualcosa.

dopo un anno Regno Unito Hanno emesso tutte le restrizioni: il numero di persone infettate dal virus Covid-19 durante la primavera ha raggiunto nuovi record nel Paese.

Il Dorset “senza Covid” è una delle zone più colpite. Qui, i tassi di infezione e mortalità sono aumentati notevolmente a marzo e aprile.

L’infezione si sta diffondendo a Shaftesbury e nella regione del Dorset, dopo che tutte le restrizioni britanniche sono state revocate.

Il 7 aprile, il Dorset ha registrato 70 decessi per COVID-19 in una settimana, con un aumento del 925% rispetto al precedente periodo di sette giorni, ha scritto. Dorset dal vivo. Nella settimana precedente al 20 aprile, il bilancio delle vittime è stato di 42.

Molti dei miei amici della zona hanno recentemente contratto il COVID-19. L’ho preso io stesso due o tre settimane fa quando sono andata a Edimburgo, dice Annie Ring, 25 anni, ad Aftonbladet.

IN PIÙ: Requisiti del gigante dell’Auto di Shanghai – Metti in quarantena a casa o resta al lavoro

Lavora come fiorista nel pittoresco paesino di Shaftesbury, nel nord del Dorset, che un anno fa era libero dal coronavirus. Ora l’epidemia è presente la maggior parte del tempo. Alla fine di marzo, Shaftesbury contava più di 1.600 casi ogni 100.000 abitanti – ed era uno dei nove “punti neri” del Dorset che, secondo il Dorset dal vivo Rendi l’area una delle più colpite in Gran Bretagna.

Il mio amico di Shaftesbury è stato a un matrimonio questo fine settimana e l’ha ricevuto anche lui. Quindi penso che sia molto comune qui ora, dice Annie Ring.

Molti dei miei amici della zona hanno recentemente contratto il COVID-19. L’ho preso io stesso due o tre settimane fa quando sono andata a Edimburgo, dice Annie Ring, 25 anni.

Aumento del turismo

Il villaggio sorge su una collina che domina la campagna meridionale inglese sin dal IX secolo, quando qui fu costruito un monastero. Nei caffè, nei negozi e nelle strade acciottolate tra le vecchie case, poche persone indossano i paradenti. Il governo britannico ha revocato tutte le restrizioni. Annie Ring avrebbe voluto vederli reintrodotti.

READ  Johnson: Il G7 ha grandi possibilità di riscatto

– Soffro di asma quindi ho sofferto adeguatamente. Il mio compagno l’ha preso da me e non era così grave per lui, ma avevo già dolore ai polmoni. Non era carino, dice.

– C’era una specie di caduta libera in cui se eri infortunato, dovevi farcela e sperare per il meglio. È un male per le persone provenienti da famiglie in cui qualcuno è in pericolo. Non possono fare nulla per fermarlo.

Annie Ring ritiene che il turismo nella regione potrebbe contribuire a un livello più elevato di infezione dopo che le restrizioni saranno state revocate e gli inglesi viaggiano di più.

– È un punto caldo per le persone che provengono da altre parti del paese e ci sono un sacco di Airbnb ecc. Quindi puoi venire qui e vivere. Penso semplicemente che le persone siano quelle che vanno in giro. Ed è comunque fantastico, quindi puoi uscire perché non c’è molta aria fresca. Tutto questo non sarebbe una buona combinazione, purtroppo.

L’infezione è dilagante a Shaftesbury.

“Il contagio è ancora alto”

Nelle città della regione Bournemouth, Christchurch e Poole, che costituiscono la cosiddetta “regione BCB”, il numero di decessi per COVID-19 nella settimana prima dell’11 aprile è aumentato del mille per cento rispetto alla settimana prima.

Sam Crowe, direttore sanitario regionale del Dorset, sta esortando i residenti a indossare paradenti, rimanere a casa ed evitare il contatto con altre persone, nonostante tutte le restrizioni governative siano state revocate.

Il numero di contagiati è ancora molto alto nelle nostre comunità e purtroppo possiamo ancora aspettarci di vedere un numero di decessi che potrebbero essere collegati al covid-19, afferma in una dichiarazione al Dorset Live.

– È importante essere consapevoli di dove ci stiamo confrontando ora con le precedenti ondate di epidemia, grazie a vaccini e cure, il numero di persone gravemente malate e decessi è ora fortunatamente molto più basso. Ma abbiamo visto alti tassi di infezione che persistono da diverse settimane e sebbene la maggior parte delle persone che contraggono il covid-19 sviluppi una malattia abbastanza lieve, ci saranno sempre coloro che svilupperanno più malattie.

READ  La trasformazione della Spagna: ora l'invio di armi in Ucraina

Le restrizioni rilasciate hanno aumentato l’onere per l’assistenza sanitaria, perché molti operatori sanitari sono rimasti feriti e non sono stati in grado di lavorare, afferma Sam Crowe.

Sappiamo che ora che le restrizioni legali sono state revocate, può essere difficile sapere la cosa giusta da fare. Ma se ti senti male, che si tratti di COVID-19 o di un’altra malattia, resta a casa ed evita il contatto con gli altri.

Donna Kaf si è recentemente ripresa.

“Prendilo più sul serio”

Donna Keff, 49 anni, è una delle poche per strada a Shaftesbury a indossare un paradenti. Questo perché si è recentemente ripresa da COVID-19, ma soprattutto perché lavora come optometrista, dice.

Donna Cuff ritiene che i clienti stiano diventando sempre più cauti dopo l’aumento dei contagi nella regione negli ultimi mesi.

– La gente lo sta prendendo più sul serio ora.

Tutti quelli con cui parli conoscono qualcuno che ha il virus, quindi è decisamente in aumento. Non so perché sia ​​così, ma le nuove varianti sembrano essere più contagiose.

Lauren Lockett, 45 anni, afferma che l’aumento dell’infezione non ha portato più persone a rimanere in casa. Ora hanno più clienti che mai.

– Abbiamo un bel po’ di vecchi clienti qui e sono rimasti a casa il più a lungo possibile. Quando hanno ricevuto le siringhe, hanno iniziato a uscire ed è possibile che le avessero avute allora, dice.

Ci sono molti casi a Shaftesbury e ne conosco molti che hanno avuto il virus e che non l’hanno mai avuto prima. Molti lo ricevettero una seconda volta e alcuni una terza volta. Ho smesso di usare i paradenti, ma è stato prima che prendessi il virus. Quindi questa potrebbe non essere stata una buona idea.

Colin Drew e Janet Rowe pensano che sembra che molti abbiano rinunciato a lui.

“Diventa più rilassato”

Colin Drew e Janet Roe, entrambi 80 anni, siedono su una panchina in uno dei tanti punti del villaggio. Si affacciano su prati verdi e boschi.

– Sono sorpreso che sia così brutto nel Dorset perché viviamo qui sparsi. Colin Drew: Non siamo in grandi stormi qui.

READ  Lo studio mostra che Omicron non causa malattie più lievi

IN PIÙ: Requisiti del gigante dell’Auto di Shanghai – Metti in quarantena a casa o resta al lavoro

La coppia è rimasta sorpresa dagli alti tassi di infezione e morte. Allo stesso tempo, è come se la pandemia fosse stata un po’ dimenticata dopo la revoca delle restrizioni, dicono.

– Le persone non sono ansiose come prima, ma il tasso di infezione è ancora alto e gli ospedali sono pieni perché le persone infette non possono lavorare e quindi c’è carenza di personale, afferma Colin Drew.

Ha ammesso:

– Sono più rilassato, non indosso un paradenti come una volta. Solo se ti trovi in ​​un minimarket o in uno spazio limitato. Alla gente nei supermercati non sembra importare e il personale non indossa nemmeno i paradenti, quindi molti sembrano averli un po’ abbandonati.

Lauren Lockett, 45 anni, lavora in un piccolo ristorante sulla Shaftesbury Main Street aperto prima della pandemia.

Il livello più alto dall’inizio della pandemia

Secondo gli ultimi dati dell’Imperial College London, l’infezione in Inghilterra a marzo era al livello più alto dall’inizio della pandemia. Notizie del cielo. Tra l’8 e il 31 marzo, un record record del 6,37% della popolazione inglese ha avuto COVID-19, secondo lo studio. Da allora il numero dei contagiati è leggermente diminuito, anche se gli esperti sono cauti nel parlare del picco superato.

Fortunatamente, in gran parte del Regno Unito, le infezioni stanno iniziando a diminuire. È troppo presto per dire se abbiamo superato il picco di infezione e che le infezioni sono ancora complessivamente elevate, afferma Sarah Crofts, responsabile dell’analisi per il sondaggio Covid-19 presso l’Istituto di statistica svedese nel Regno Unito, a Guardiano.

I dirigenti del SSN fanno appello al governo affinché annulli alcune restrizioni in modo che possa affrontare i reparti con alti tassi di infezione in inverno.

“La dura realtà per il personale e i pazienti è che questa Pasqua è brutta come qualsiasi inverno”, ha detto alla BBC il capo dell’NHS Matthew Taylor.

Il Paese si comporta come se la pandemia fosse finita, ma non è finita quando si tratta delle sfide che il sistema sanitario deve affrontare.

Perché anche se siamo molto più bravi nell’affrontare il Covid, con meno persone che muoiono o finiscono in terapia intensiva, è comunque uno sforzo incredibile per l’assistenza sanitaria. Si aggiunge a un requisito che esiste ancora e deve fare i conti in parte con il numero di persone in attesa di cure.

Un portavoce del primo ministro Boris Johnson ha affermato che al momento non è opportuno reimporre alcuna restrizione.

– “Il nostro piano per convivere con Covid” rimane, afferma il portavoce, secondo Dorset dal vivo.

Grazie a una combinazione di vaccinazione, trattamento e una migliore comprensione del virus, ora siamo in grado di affrontarlo come facciamo con altre infezioni respiratorie, quindi la nostra situazione rimane qui.

Inserito: