TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

“È andato terribilmente veloce” – scioccante in tedesco Senzeg dove morirono 12 persone

L’auto sembra un giocattolo: un’auto a noleggio che si bilancia con due pneumatici a terra e due sul tetto di un’altra auto. Una donna si fa avanti e abbraccia il suo vicino. Si riferisce alle auto.

– Non puoi stare così! dice.

La gente di Senzig ha bisogno di una risata. Nella notte fino a giovedì, parti della comunità sono state colpite da violente inondazioni. Holger Dorley, che vive in una delle zone più colpite, descrive una notte orribile.

– Ha sentito persone che gridavano aiuto da tutte le parti, dice.

immagine 1 da 2
Holger Dorles sta aspettando l’aiuto del servizio di soccorso. Poco più di un giorno dopo l’alluvione, la sua cantina si riempì di acqua e fango.

Fotografia: Alexander Mahmoud

immagine 2 da 2
Forti inondazioni hanno colpito la comunità di Sinzig durante la notte fino a giovedì. Otti Saat è stata svegliata dalla figlia nel cuore della notte. “L’acqua è salita incredibilmente velocemente”, dice.

Fotografia: Alexander Mahmoud


Ad appena un centinaio di metri dalla villa Holger Dörle si trova una casa per persone con gravi disabilità. Dodici persone sono morte qui durante la notte fino a giovedì. Libri Il livello dell’acqua è salito così rapidamente che è stato impossibile salvare le persone al piano di sotto della casa Il giornale Der Spiegel.

Outsat che vive nella porta accanto Abitando, dice, l’acqua è salita a una velocità incredibile.

Non c’era niente da fare, dice.

È stata svegliata da sua figlia, che si era da poco trasferita nel seminterrato di Utesat. La figlia si è svegliata nel cuore della notte e ha scoperto che l’acqua nella camera da letto le era arrivata fino alle caviglie.

READ  La Francia ha occupato più di cento teatri

– Ho preso le cose più importanti: il cellulare, il laptop, il cane. Quando è scesa di nuovo, l’acqua le aveva già raggiunto le ginocchia, dice Otti Saat.

La famiglia si è rifugiata al piano di sopra. Dall’altra parte della strada, hanno notato un uomo che stringeva una finestra aperta.

– Ha combattuto per non essere trascinato, ha gridato che non sapeva nuotare. Abbiamo tutti appeso le nostre finestre e gli abbiamo urlato di perseverare. Ci è riuscito, tre ore dopo avergli salvato la vita, racconta Otti Saat, e ha sorriso per la prima volta durante la conversazione.

tuo momento.

tuo momento.

Fotografia: Alexander Mahmoud

Caldaia a gasolio a Ute Saats Le case erano distrutte, in cantina l’olio si mischiava con l’acqua. Lei, come i suoi vicini, spera di ricevere presto aiuto dai servizi di soccorso, che stanno lottando per far fronte alle inondazioni torrenziali che hanno colpito la Renania-Palatinato e il vicino stato del Nord Reno-Westfalia.

In attesa di aiuto, persone stanche camminano avanti e indietro per le strade di Sinzig. Fuori da una casa con le finestre rotte, Bertie Eckhart lavora per rimuovere il fango. La sua casa non è stata danneggiata dall’alluvione ed è venuta qui per aiutare le persone colpite. Bertie Eckhart fornisce un breve riassunto della situazione sul campo.

Caos, dice.

Bertie Eckhart non è l’unico a voler aiutare le persone colpite. Sui social media, le persone pubblicano informazioni su dove ricevere aiuto, consegnare cibo e alloggio. A Sinzig, la Croce Rossa ha allestito in una scuola un centro di crisi per i parenti dei defunti. Malu Dreyer, capo del governo della Renania-Palatinato, ha visitato le zone colpite e nei giorni scorsi ha parlato con la polizia e i servizi di soccorso. Venerdì, nello stato, le bandiere saranno sventolate a mezz’asta.

Nei corridoi del garage A Sinzig, quadri, mobili e vestiti sono in grandi pile. Su un appezzamento di terreno si erge un pianoforte fangoso. Holger Dorley, che ha sentito i suoi vicini chiedere aiuto durante la notte, dice di essere grato di aver potuto farlo. Allo stesso tempo, trova difficile capire che quasi tutto ciò che possedeva è stato distrutto, dice, e indica un grande mucchio di spazzatura nel corridoio.

– Questo è il pavimento del mio soggiorno. Tutto rovinato. Non ho più niente, solo quello che c’è di sopra, dice.

Holger Dorley dice che l’alluvione è stata uno shock. Il giorno prima di quella terribile notte, i livelli dell’acqua sembravano normali, dice.

– La mia vicina che vive qui da 70 anni dice che non ha mai sperimentato niente di simile prima, dice.

Leggi di più:

1.300 dispersi in Germania: i tassi di mortalità continuano a salire

La casa di Manuel travolta dai blocchi d’acqua: “È sparito tutto”

Peter Alestig: Il mondo non è pronto per il cambiamento climatico

Assicurazione più costosa o inutile aspettare sulla scia del maltempo